Enti in rete L.482/99   

Giacomo Dalmasso “Jaco Gròs” racconta...

La scommessa industriale

L'escomessa endustriala

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

La scommessa industriale
italiano

Stava per nascere la Vetreria di Vernante e c’era bisogno di manodopera per costruirla.

Mi buttai senza lasciar perdere l’occasione, così come avevo intrapreso vari lavori nei miei anni passati, senza pensarci troppo sopra.

Alcuni giorni dopo la convocazione iniziammo i lavori.

Ci mandarono a scavare in mezzo ad un prato un po’ sopra al paese con pale e picconi.

Per prima cosa costruimmo la baracca degli attrezzi, poi venne tutto il resto fino a quando, concluso il cantiere, fui assunto con l’incarico di operaio. Non cercai più altre sistemazioni e lì ci rimasi fino alla pensione.

Della vetreria posso dire di aver visto posare il primo mattone e l’ultima fumata delle sue ciminiere e forse, farò ancora in tempo a vedere l’ultimo mattone ad essere portato via dai potenti mezzi meccanici che la demoliranno per sempre, trent’anni dopo la produzione dell’ultima lastra.

La volontà di costruire la vetreria era partita da un gruppo di persone: alcuni di Vernante, alcuni di fuori, che avendo dei capitali da investire, costituirono una società, dando vita a questo ambizioso progetto che, per la realtà contadina di allora, portò una grossa innovazione per tutto il paese.

All’inizio dell’attività produttiva le macchine per fare il vetro erano due.

Non fu un avviamento entusiasmante quello della vetreria. Al principio c’erano dei problemi, il forno non funzionava bene, si facevano delle prove buttando dentro cocci di bottiglie rigorosamente passati al setaccio da un gruppo di donne operaie, che avevano il compito di selezionarne solo la parte trasparente.

Ma la qualità delle prime lastre non era buona, si diceva che bisognava ancora fare delle migliorie al forno. Ad un certo punto decisero di appoggiarsi ad un esperto proveniente da una vetreria non lontana dalla nostra che produceva bottiglie.

Con la sua esperienza, la produzione finalmente decollò.

Intanto alcuni soci si erano scoraggiati ed erano usciti dalla scommessa industriale, Bombilli e Valente erano andati a lavorare a Vievola.

Da quando le macchine iniziarono la produzione, come un fuoco che crepitando passa velocemente a fiamma viva, pian piano gli azionisti più grandi liquidarono quelli più piccoli e alla fine la vetreria si trasformò in una vera industria; molto promettente per il futuro.

La vetreria aveva dunque, come si dice, preso il largo.

Intanto a dirigere lo stabilimento, siamo nei primi anni ‘50, si era insediato il dott. Faccenda.

Erano gli anni del boom industriale e del miracolo italiano, si lavorava duro e le pause erano rare.

Io lavoravo proprio dove usciva il vetro, al cosiddetto “distacco”, su all’ultimo piano dove saliva la lastra. All’epoca le lastre uscivano verticalmente e il forno era situato in basso. Faceva un caldo boia!

Come funzionava? Ecco, c’era come un pettine metallico che andava a pescare in una vasca colma di vetro liquido messa in basso e tirava su una sostanza collosa che, passando attraverso dei rulli, si solidificava diventando una lastra rigida fino ad arrivare al “distacco” dove, io ed altri operai, la tagliavamo con il taia, un attrezzo per tagliare il vetro.

La larghezza della lastra era di due metri, ma l’altezza la facevamo noi in base agli ordini del giorno. Uno tagliava la lastra, altri due la tenevano, uno da una parte l’altro dall’altra, e la staccavano. Una volta staccata si appoggiava su dei cavalletti a raffreddare, infine veniva presa da altri due operai, appoggiata su dei tavoli da taglio e ulteriormente rifilata in vari formati.

L’ambiente era caldo, io indossavo il giubbotto di lavoro che ci passava la vetreria e, finite le mie ore di lavoro, ero sempre marcio di sudore.

Le lastre tagliate e appoggiate su dei cavalletti obliqui, simili a quelli che si vedono sui camion dei vetrai, venivano spostate con dei carrelli e caricate su un montacarichi che le portava in basso e da lì mandate in magazzino dove, in quel periodo, almeno una quindicina di donne, le selezionavano e le stoccavano nei vari scomparti.

Nei primi tempi le lastre non erano ancora di buona qualità e i vetri prodotti venivano mandati per la maggior parte in Francia, specialmente in Costa Azzurra, dove venivano impiegati per le serre.

Le lastre erano sottili, appena qualche millimetro e sovente capitava che si rompessero durante le operazioni di taglio o di movimentazione.

Una volta una, rompendosi, mi tagliò un tendine della mano sinistra.

Feci qualche giorno d’ospedale, nei quali subii persino un’operazione.

Di quei giorni, ricordo un infermiere che mi diceva: “…vada poi dove la mandano, se a Torino, che vada a Torino, se Roma, che vada a Roma, se lei non guarisce poi bene, avrà il diritto ad un’indennità…”. Rimasi a Cuneo, ancora oggi il pollice della mano sinistra non si piega più come l’altro, ma lo considero un ricordo del tempo della vetreria.

occitan

Istava per nàisser la Vedreria de Vernant e lhi avia de manca de man d’òbra per la bastir.

Me campero sensa laissar pèrder l’ocasion, parelh coma aviu començat tanti trabalhs dins lo passats, sensa lhi pensar tròp dessús.

Qualque jorn après la convocacion començérem lhi trabalhs.

Nos manderen a garbar en metz a un prat un pauc de sobre al país embe pics e palas.

D’en premier bastissérem la cabana de fèrre, puei venec tota la rèsta fins a quora, finit lo chantier, foguero encharjat en qualitat d’obrier. Cerchero pas pus d’autres pòsts e aquí lhi restero fins a la pension.

De la vedreria puei dir d’aver vist pausar lo premier mon e vist la darriera tuba de sas ciminieras e benlèu, aurei encar lo temp de veire portar via lo darrier mon da las potentas palas mecànicas que la destruirèn per sempre, trent’ans après la produccion de la darriera lama de vedre.

La volontat de bastir la vedreria era partia da un grop de personas: qualqu’uns dal Vernant, d’autri de fòra, que avent de sòuds da envestir, monteren na societat, en donant vita an aqueste ambiciós projèct que, per la realitat campanharda d’alora, portec na gròssa innovacion per tot lo país.

Al començament de l’activitat productiva las màquinas per far lo vedre eren doas.

Foguec pas un aviament entosiasmant aquel de la vedreria. Al començament lhi avia de problèmas, lo forn marchava pas ben, se fasien de pròvas campant dedins tòcs de botelhas rigorosament passats al seàs da un grop de fremas obrieras, que avien lo dever de cernir masque la part transparenta.

Mas la qualitat de las premieras lastras era pas bòna, ilh disien que tochava encara far de melhorias al forn. A na mira decideren de s’apilar a un expèrt que venia da na vedreria pas luenh da la nòstra que fasia botelhas.

Abo son experiença, la produccion finalament prenec andi.

Entant na man de sòcis s’eren descoratjats e ilh eren sortits da l’escomessa endustriala, Bombilli e Valente eren anats a trabalhar a Vievola.

Da quora las màquinas començeren la produccion, coma un fuec que esclopetiand passa lèst a flama viva, plan-planet lhi accionistas mai grands liquideren aquilhi mai pichòts e a la fin la vedreria se transformec en na vera endústria; ben prometenta per l’avenir.

La vedreria donca, coma se ditz, avia chapat.

Entant a la direccion de l’establiment, sem dins lhi premiers ans ‘50, s’era plaçat lo doct. Faccenda.

Eren lhi ans dal boom endustrial e dal miracle italian, se trabalhava dur e las pausas eren gaire.

Iu trabalhavo pròpi ente sortia lo vedre, aquel que sonaven “destach”, ailà amont al darrier plan ente montava la lama de vedre. A l’època las lastras sortien verticalment e lo forn era plaçat dessot. Fasia na chaud dal bòia!

Coma foncionava? Vaquí, lhi avia coma un penche metàllic que anava a peschar dins na vasca plena de vedre líquid plaçaa dessot e tirava sus na substança pegosa que, passant a travèrs di cilindres, se solidificava devenent na lastra regda fins a arrubar al “destach” ente, iu e d’autres obriers, la talhiaviam embe lo talha, un utís per talhar lo vedre.

La larjor de la lastra era dui mètres, mas l’autessa la fasiam nosautri conforme a lhi òrdres dal jorn.

Un talhava la lastra, d’autri dui la tenien, un da na part l’autre da l’autra, e la destachaven.

Un bòt destachaa se pausava sus lhi cavalets a enfreisir, puei venia pilhaa da d’autri dui obriers, pausaa sus de taulas da talh e encara mai talhaa en divèrs formats.

L’ambient era chaud, iu portavo l’espolverin da trabalh que nos passava la vedreria e, fenias mas oras de fatiga, ero totjorn març de suor.

Las lastras talhaas e pausaas sus de cavalets butat per travèrs, parelh coma aquilhi que se veen sus lhi càmions di vedriers, venien meiraas embe de carrelhs e charjaas sus un montacharges que las portava dessot e d’aquí mandaas al magazin ente, en aquel temp, almenc na quinzena de fremas, las triaven e las pausaven dins lhi diferents compartiments.

Dins lhi premiers temps las lastras eren pas encara de bòna qualitat e lhi vedres fachs venien mandats la pus gròssa part en França, sobretot en Costa Azzurra, ente venien emplegats per las sèrras.

Las lastras eren primas, just qualque millimètre e sovent arribava que s’esclapessen durant las operacions de talh o de movimentacion.

Un bòt una, en s’esclapant, me talhec un tendon de la man gaucha.

Fasero qualque jorn d’ospital, dins lhi quals ai agut fins a mai n’operacion.

D’aquilhi jorns, enaviso un enfirmier que me disia: “…anatz puei ente vos manden, se a Turin, anatz a Turin, se Roma, anatz a Roma, se puei vos garietz ren ben, aurè lo drech a n’indemnitat…”. Restero a Coni, encara encuei lo det gròs de la man gaucha se plega pas pus coma l’autre, mas reteno aquò un recòrd dal temp de la vedreria.


La scommessa industriale

L'escomessa endustriala

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

La scommessa industriale
italiano

Stava per nascere la Vetreria di Vernante e c’era bisogno di manodopera per costruirla.

Mi buttai senza lasciar perdere l’occasione, così come avevo intrapreso vari lavori nei miei anni passati, senza pensarci troppo sopra.

Alcuni giorni dopo la convocazione iniziammo i lavori.

Ci mandarono a scavare in mezzo ad un prato un po’ sopra al paese con pale e picconi.

Per prima cosa costruimmo la baracca degli attrezzi, poi venne tutto il resto fino a quando, concluso il cantiere, fui assunto con l’incarico di operaio. Non cercai più altre sistemazioni e lì ci rimasi fino alla pensione.

Della vetreria posso dire di aver visto posare il primo mattone e l’ultima fumata delle sue ciminiere e forse, farò ancora in tempo a vedere l’ultimo mattone ad essere portato via dai potenti mezzi meccanici che la demoliranno per sempre, trent’anni dopo la produzione dell’ultima lastra.

La volontà di costruire la vetreria era partita da un gruppo di persone: alcuni di Vernante, alcuni di fuori, che avendo dei capitali da investire, costituirono una società, dando vita a questo ambizioso progetto che, per la realtà contadina di allora, portò una grossa innovazione per tutto il paese.

All’inizio dell’attività produttiva le macchine per fare il vetro erano due.

Non fu un avviamento entusiasmante quello della vetreria. Al principio c’erano dei problemi, il forno non funzionava bene, si facevano delle prove buttando dentro cocci di bottiglie rigorosamente passati al setaccio da un gruppo di donne operaie, che avevano il compito di selezionarne solo la parte trasparente.

Ma la qualità delle prime lastre non era buona, si diceva che bisognava ancora fare delle migliorie al forno. Ad un certo punto decisero di appoggiarsi ad un esperto proveniente da una vetreria non lontana dalla nostra che produceva bottiglie.

Con la sua esperienza, la produzione finalmente decollò.

Intanto alcuni soci si erano scoraggiati ed erano usciti dalla scommessa industriale, Bombilli e Valente erano andati a lavorare a Vievola.

Da quando le macchine iniziarono la produzione, come un fuoco che crepitando passa velocemente a fiamma viva, pian piano gli azionisti più grandi liquidarono quelli più piccoli e alla fine la vetreria si trasformò in una vera industria; molto promettente per il futuro.

La vetreria aveva dunque, come si dice, preso il largo.

Intanto a dirigere lo stabilimento, siamo nei primi anni ‘50, si era insediato il dott. Faccenda.

Erano gli anni del boom industriale e del miracolo italiano, si lavorava duro e le pause erano rare.

Io lavoravo proprio dove usciva il vetro, al cosiddetto “distacco”, su all’ultimo piano dove saliva la lastra. All’epoca le lastre uscivano verticalmente e il forno era situato in basso. Faceva un caldo boia!

Come funzionava? Ecco, c’era come un pettine metallico che andava a pescare in una vasca colma di vetro liquido messa in basso e tirava su una sostanza collosa che, passando attraverso dei rulli, si solidificava diventando una lastra rigida fino ad arrivare al “distacco” dove, io ed altri operai, la tagliavamo con il taia, un attrezzo per tagliare il vetro.

La larghezza della lastra era di due metri, ma l’altezza la facevamo noi in base agli ordini del giorno. Uno tagliava la lastra, altri due la tenevano, uno da una parte l’altro dall’altra, e la staccavano. Una volta staccata si appoggiava su dei cavalletti a raffreddare, infine veniva presa da altri due operai, appoggiata su dei tavoli da taglio e ulteriormente rifilata in vari formati.

L’ambiente era caldo, io indossavo il giubbotto di lavoro che ci passava la vetreria e, finite le mie ore di lavoro, ero sempre marcio di sudore.

Le lastre tagliate e appoggiate su dei cavalletti obliqui, simili a quelli che si vedono sui camion dei vetrai, venivano spostate con dei carrelli e caricate su un montacarichi che le portava in basso e da lì mandate in magazzino dove, in quel periodo, almeno una quindicina di donne, le selezionavano e le stoccavano nei vari scomparti.

Nei primi tempi le lastre non erano ancora di buona qualità e i vetri prodotti venivano mandati per la maggior parte in Francia, specialmente in Costa Azzurra, dove venivano impiegati per le serre.

Le lastre erano sottili, appena qualche millimetro e sovente capitava che si rompessero durante le operazioni di taglio o di movimentazione.

Una volta una, rompendosi, mi tagliò un tendine della mano sinistra.

Feci qualche giorno d’ospedale, nei quali subii persino un’operazione.

Di quei giorni, ricordo un infermiere che mi diceva: “…vada poi dove la mandano, se a Torino, che vada a Torino, se Roma, che vada a Roma, se lei non guarisce poi bene, avrà il diritto ad un’indennità…”. Rimasi a Cuneo, ancora oggi il pollice della mano sinistra non si piega più come l’altro, ma lo considero un ricordo del tempo della vetreria.

occitan

Istava per nàisser la Vedreria de Vernant e lhi avia de manca de man d’òbra per la bastir.

Me campero sensa laissar pèrder l’ocasion, parelh coma aviu començat tanti trabalhs dins lo passats, sensa lhi pensar tròp dessús.

Qualque jorn après la convocacion començérem lhi trabalhs.

Nos manderen a garbar en metz a un prat un pauc de sobre al país embe pics e palas.

D’en premier bastissérem la cabana de fèrre, puei venec tota la rèsta fins a quora, finit lo chantier, foguero encharjat en qualitat d’obrier. Cerchero pas pus d’autres pòsts e aquí lhi restero fins a la pension.

De la vedreria puei dir d’aver vist pausar lo premier mon e vist la darriera tuba de sas ciminieras e benlèu, aurei encar lo temp de veire portar via lo darrier mon da las potentas palas mecànicas que la destruirèn per sempre, trent’ans après la produccion de la darriera lama de vedre.

La volontat de bastir la vedreria era partia da un grop de personas: qualqu’uns dal Vernant, d’autri de fòra, que avent de sòuds da envestir, monteren na societat, en donant vita an aqueste ambiciós projèct que, per la realitat campanharda d’alora, portec na gròssa innovacion per tot lo país.

Al començament de l’activitat productiva las màquinas per far lo vedre eren doas.

Foguec pas un aviament entosiasmant aquel de la vedreria. Al començament lhi avia de problèmas, lo forn marchava pas ben, se fasien de pròvas campant dedins tòcs de botelhas rigorosament passats al seàs da un grop de fremas obrieras, que avien lo dever de cernir masque la part transparenta.

Mas la qualitat de las premieras lastras era pas bòna, ilh disien que tochava encara far de melhorias al forn. A na mira decideren de s’apilar a un expèrt que venia da na vedreria pas luenh da la nòstra que fasia botelhas.

Abo son experiença, la produccion finalament prenec andi.

Entant na man de sòcis s’eren descoratjats e ilh eren sortits da l’escomessa endustriala, Bombilli e Valente eren anats a trabalhar a Vievola.

Da quora las màquinas començeren la produccion, coma un fuec que esclopetiand passa lèst a flama viva, plan-planet lhi accionistas mai grands liquideren aquilhi mai pichòts e a la fin la vedreria se transformec en na vera endústria; ben prometenta per l’avenir.

La vedreria donca, coma se ditz, avia chapat.

Entant a la direccion de l’establiment, sem dins lhi premiers ans ‘50, s’era plaçat lo doct. Faccenda.

Eren lhi ans dal boom endustrial e dal miracle italian, se trabalhava dur e las pausas eren gaire.

Iu trabalhavo pròpi ente sortia lo vedre, aquel que sonaven “destach”, ailà amont al darrier plan ente montava la lama de vedre. A l’època las lastras sortien verticalment e lo forn era plaçat dessot. Fasia na chaud dal bòia!

Coma foncionava? Vaquí, lhi avia coma un penche metàllic que anava a peschar dins na vasca plena de vedre líquid plaçaa dessot e tirava sus na substança pegosa que, passant a travèrs di cilindres, se solidificava devenent na lastra regda fins a arrubar al “destach” ente, iu e d’autres obriers, la talhiaviam embe lo talha, un utís per talhar lo vedre.

La larjor de la lastra era dui mètres, mas l’autessa la fasiam nosautri conforme a lhi òrdres dal jorn.

Un talhava la lastra, d’autri dui la tenien, un da na part l’autre da l’autra, e la destachaven.

Un bòt destachaa se pausava sus lhi cavalets a enfreisir, puei venia pilhaa da d’autri dui obriers, pausaa sus de taulas da talh e encara mai talhaa en divèrs formats.

L’ambient era chaud, iu portavo l’espolverin da trabalh que nos passava la vedreria e, fenias mas oras de fatiga, ero totjorn març de suor.

Las lastras talhaas e pausaas sus de cavalets butat per travèrs, parelh coma aquilhi que se veen sus lhi càmions di vedriers, venien meiraas embe de carrelhs e charjaas sus un montacharges que las portava dessot e d’aquí mandaas al magazin ente, en aquel temp, almenc na quinzena de fremas, las triaven e las pausaven dins lhi diferents compartiments.

Dins lhi premiers temps las lastras eren pas encara de bòna qualitat e lhi vedres fachs venien mandats la pus gròssa part en França, sobretot en Costa Azzurra, ente venien emplegats per las sèrras.

Las lastras eren primas, just qualque millimètre e sovent arribava que s’esclapessen durant las operacions de talh o de movimentacion.

Un bòt una, en s’esclapant, me talhec un tendon de la man gaucha.

Fasero qualque jorn d’ospital, dins lhi quals ai agut fins a mai n’operacion.

D’aquilhi jorns, enaviso un enfirmier que me disia: “…anatz puei ente vos manden, se a Turin, anatz a Turin, se Roma, anatz a Roma, se puei vos garietz ren ben, aurè lo drech a n’indemnitat…”. Restero a Coni, encara encuei lo det gròs de la man gaucha se plega pas pus coma l’autre, mas reteno aquò un recòrd dal temp de la vedreria.