Enti in rete L.482/99   

Giacomo Dalmasso “Jaco Gròs” racconta...

L'aereo che cadde in Bisalta...

L'avion que tombec en Besiauda

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

L'aereo che cadde in Bisalta...
italiano

Sapevo che Iutin, fratello di Rina d’Petu dal Tetu dei Gheta, era nei partigiani, con quelli della val Pesio.

Un giorno, mentre ero in montagna con mio padre a fare il fieno un po’ sopra a tetto Gheta, cadde un aereo sulla Bisalta, appena dietro Colla Piana, un po’ sopra al gias del malgaro.

Lo sentimmo precipitare, così, incuriosito, il giorno dopo partii per andare a vedere dove avesse impattato.

Sul posto, mi resi conto che ero arrivato tardi. Intravidi gente di Limone in mezzo ad altri che non conoscevo, probabilmente della valle Pesio, si erano già portati via tutto quello che potevano prendere, io raccolsi solo qualche frammento, roba di poco conto.

Ma ecco che all’improvviso sbucò un gruppo di partigiani in pattuglia, erano armati di tutto punto. Vedendoci attorno al relitto a trafugare chissà che cosa, come prima reazione volevano prenderci prigionieri e condurci a valle con loro, poi uno di loro mi riconobbe e ci lasciarono liberi.

A quei tempi era come se ci fosse una guerra fra italiani, quindi anche per i partigiani, abituati ad agire d’istinto e con metodi a volte duri, se non eri una persona più che conosciuta potevano pensare che fossi una spia fascista, di cui le vallate erano infestate, ma io conoscevo Iutin.

Iutin, prima di entrare nei partigiani era nelle guardie di frontiera, mi ricordo una sua frase celebre che pronunciò quando, dopo lo sbandamento, dove non vi erano più regole e ognuno portava via ciò che poteva dalle caserme, tornando a casa, alla domanda: “Tu cosa hai portato?”. Lui rispose: “ …è già tanto se ho portato a casa la pelle!”.

occitan

Sabiu que Iotin, fraire de Rina d’Peto dal Teto di Gueta, era enti partijans, embe aquilhi de la val Pes.

Un jorn, dal temp qu’ero en montanha embe mon paire a far lo fen un pauc dessús a teit Gueta, tombec n’avion sus la Besimauda, just darreire Còla Plana, un pauc dessús al jaç dal marguier.

L’auvérem picatar per las ròchas, parelh, plen de curiositat, lo jorn d’après partero per anar veire ente auguesse picat.

Sus lo luec, me rendero còmpte qu’ero arribat tard. Entreveiero gent de Limon en metz a d’autres que conoissiu ren, benlèu de la val Pes, ilh s’eren já portats via tot çò qu’avien polgut prene, iu culhero masque qualque tòc, ròba da gaire.

Mas vaquí d’un crep sautar fòra un grop de partijans en patrolha, eren armats fins a las dents. Nos veient a l’entorn de la carcassa a portar via vai saber çò que, coma premiera reaccion volien nos pilhar preisoniers e menar-nos aval embe lor, puei un de lor me reconóissec e nos laisseren libres.

En aquilhi temps era coma se lhi foguesse na guèrra entre italians, donca decò per lhi partijans, acostumats a l’agir d’instint embe mètodes de vincas durs, s’eres pas na persona mai que conoissua polien pensar que foguesses n’espia fascista, vist que lhi n’avia un baron dins las valadas, mas iu conoissiu Iotin.

Iotin, denant d’intrar enti partijans era dins las gardas de frontiera e m’enaviso na sia frasa celèbra que disec tornant a maison, quora après lo desbandament lhi avia pas pus deguna règla e chascun portava via aquò que polia da las casèrnas; a la demanda: “Tu çò qu’as portat?”. Ele respondec: “ …es já tant se ai portat la pèl!”.


L'aereo che cadde in Bisalta...

L'avion que tombec en Besiauda

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

L'aereo che cadde in Bisalta...
italiano

Sapevo che Iutin, fratello di Rina d’Petu dal Tetu dei Gheta, era nei partigiani, con quelli della val Pesio.

Un giorno, mentre ero in montagna con mio padre a fare il fieno un po’ sopra a tetto Gheta, cadde un aereo sulla Bisalta, appena dietro Colla Piana, un po’ sopra al gias del malgaro.

Lo sentimmo precipitare, così, incuriosito, il giorno dopo partii per andare a vedere dove avesse impattato.

Sul posto, mi resi conto che ero arrivato tardi. Intravidi gente di Limone in mezzo ad altri che non conoscevo, probabilmente della valle Pesio, si erano già portati via tutto quello che potevano prendere, io raccolsi solo qualche frammento, roba di poco conto.

Ma ecco che all’improvviso sbucò un gruppo di partigiani in pattuglia, erano armati di tutto punto. Vedendoci attorno al relitto a trafugare chissà che cosa, come prima reazione volevano prenderci prigionieri e condurci a valle con loro, poi uno di loro mi riconobbe e ci lasciarono liberi.

A quei tempi era come se ci fosse una guerra fra italiani, quindi anche per i partigiani, abituati ad agire d’istinto e con metodi a volte duri, se non eri una persona più che conosciuta potevano pensare che fossi una spia fascista, di cui le vallate erano infestate, ma io conoscevo Iutin.

Iutin, prima di entrare nei partigiani era nelle guardie di frontiera, mi ricordo una sua frase celebre che pronunciò quando, dopo lo sbandamento, dove non vi erano più regole e ognuno portava via ciò che poteva dalle caserme, tornando a casa, alla domanda: “Tu cosa hai portato?”. Lui rispose: “ …è già tanto se ho portato a casa la pelle!”.

occitan

Sabiu que Iotin, fraire de Rina d’Peto dal Teto di Gueta, era enti partijans, embe aquilhi de la val Pes.

Un jorn, dal temp qu’ero en montanha embe mon paire a far lo fen un pauc dessús a teit Gueta, tombec n’avion sus la Besimauda, just darreire Còla Plana, un pauc dessús al jaç dal marguier.

L’auvérem picatar per las ròchas, parelh, plen de curiositat, lo jorn d’après partero per anar veire ente auguesse picat.

Sus lo luec, me rendero còmpte qu’ero arribat tard. Entreveiero gent de Limon en metz a d’autres que conoissiu ren, benlèu de la val Pes, ilh s’eren já portats via tot çò qu’avien polgut prene, iu culhero masque qualque tòc, ròba da gaire.

Mas vaquí d’un crep sautar fòra un grop de partijans en patrolha, eren armats fins a las dents. Nos veient a l’entorn de la carcassa a portar via vai saber çò que, coma premiera reaccion volien nos pilhar preisoniers e menar-nos aval embe lor, puei un de lor me reconóissec e nos laisseren libres.

En aquilhi temps era coma se lhi foguesse na guèrra entre italians, donca decò per lhi partijans, acostumats a l’agir d’instint embe mètodes de vincas durs, s’eres pas na persona mai que conoissua polien pensar que foguesses n’espia fascista, vist que lhi n’avia un baron dins las valadas, mas iu conoissiu Iotin.

Iotin, denant d’intrar enti partijans era dins las gardas de frontiera e m’enaviso na sia frasa celèbra que disec tornant a maison, quora après lo desbandament lhi avia pas pus deguna règla e chascun portava via aquò que polia da las casèrnas; a la demanda: “Tu çò qu’as portat?”. Ele respondec: “ …es já tant se ai portat la pèl!”.