Enti in rete L.482/99   

Giacomo Dalmasso “Jaco Gròs” racconta...

Ripresa della normalità

Represa de la normalitat

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

Ripresa della normalità
italiano

La ripresa dopo la guerra fu lenta e il lavoro era quello della terra: tagliar legna con mio padre, falciare l’erba in montagna per mantenere quelle due o tre vacche che avevamo, portare la legna a valle per l’inverno e via di questo passo.

La primavera successiva provai di nuovo a riprendere la mia antica attività lavorativa di prima della guerra: quella del servitur e, per alcuni mesi, andai nuovamente dall’altra parte del colle con un malgaro.

Intanto a Vernante stava per prendere il largo una piccola rivoluzione industriale che avrebbe cambiato per sempre il paese.

Era primavera e fra i vari lavori che facevo in quei giorni ero andato a tagliare l’erba su in montagna, al Sapè.

Io, Gian Bel e Luisin dei Folchi, da un po’ ne parlavamo, eravamo decisi ad andare a S.Dalmazzo di Tenda a lavorare per Gribaudo, una segheria di Borgo che ricercava continuamente boscaioli per il taglio di pini a Casterino. Avevamo già definito tutto per poter poi partire quando, dopo un paio di giorni dalla decisione, ci arrivò una proposta di lavoro molto interessante.

occitan

La represa après la guèrra foguec lenta e lo trabalh era aquel de la tèrra: talhar lo bòsc embe mon paire, talhar l’èrba en montanha per mantenir aquelas doas o tres vachas que aviam, davalar lo bòsc per l’uvèrn e via per parelh.

La prima d’après provero torna a reprene mon antic trabalh qu’aviu denant de la guèrra: aquela dal servitor e, per na man de mes, anero mai da l’autre cant dal còl embe un marguier.

Entant a Vernant istava per prene l’andi na pichòta revolucion endustriala que auria chambiat per sempre lo país.

Era de prima, entre lhi divèrs trabalhs que fasiu en aquilhi jorns ero anat a talhar l’èrba amont en montanha, al Sapè.

Iu, Jan Bèl e Loisin di Forc, da un pauc de temp devisaviam d’aquò, eriam decis d’anar a S.Dalmaç de Tenda a trabalhar per Gribaud, na rèssea dal Borg que recerchava d’un contuni boscatiers per lo talh di pins a Casterin. Aviam já definit tot per poler puei partir quora, après un parelh de jorns da la decision, nos arribec na propòsta de trabalh ben enteressanta.


Ripresa della normalità

Represa de la normalitat

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

Ripresa della normalità
italiano

La ripresa dopo la guerra fu lenta e il lavoro era quello della terra: tagliar legna con mio padre, falciare l’erba in montagna per mantenere quelle due o tre vacche che avevamo, portare la legna a valle per l’inverno e via di questo passo.

La primavera successiva provai di nuovo a riprendere la mia antica attività lavorativa di prima della guerra: quella del servitur e, per alcuni mesi, andai nuovamente dall’altra parte del colle con un malgaro.

Intanto a Vernante stava per prendere il largo una piccola rivoluzione industriale che avrebbe cambiato per sempre il paese.

Era primavera e fra i vari lavori che facevo in quei giorni ero andato a tagliare l’erba su in montagna, al Sapè.

Io, Gian Bel e Luisin dei Folchi, da un po’ ne parlavamo, eravamo decisi ad andare a S.Dalmazzo di Tenda a lavorare per Gribaudo, una segheria di Borgo che ricercava continuamente boscaioli per il taglio di pini a Casterino. Avevamo già definito tutto per poter poi partire quando, dopo un paio di giorni dalla decisione, ci arrivò una proposta di lavoro molto interessante.

occitan

La represa après la guèrra foguec lenta e lo trabalh era aquel de la tèrra: talhar lo bòsc embe mon paire, talhar l’èrba en montanha per mantenir aquelas doas o tres vachas que aviam, davalar lo bòsc per l’uvèrn e via per parelh.

La prima d’après provero torna a reprene mon antic trabalh qu’aviu denant de la guèrra: aquela dal servitor e, per na man de mes, anero mai da l’autre cant dal còl embe un marguier.

Entant a Vernant istava per prene l’andi na pichòta revolucion endustriala que auria chambiat per sempre lo país.

Era de prima, entre lhi divèrs trabalhs que fasiu en aquilhi jorns ero anat a talhar l’èrba amont en montanha, al Sapè.

Iu, Jan Bèl e Loisin di Forc, da un pauc de temp devisaviam d’aquò, eriam decis d’anar a S.Dalmaç de Tenda a trabalhar per Gribaud, na rèssea dal Borg que recerchava d’un contuni boscatiers per lo talh di pins a Casterin. Aviam já definit tot per poler puei partir quora, après un parelh de jorns da la decision, nos arribec na propòsta de trabalh ben enteressanta.