Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Giacomo Bellone - Poesias

Magalì

Magalì

di Giacomo Bellone

Magalì
italiano Ora che non sei più nel guscio,

ora che le piume nuove

ti portano dappertutto,

fai una svolazzata alla "Véua".

Riposati sul piancospino,

lo trovi subito,

è "fogliato" di bacche rosse.

Poi prendi lo slancio,

vola sul pisno spezzato dal fulmine,

è il "pino dei tre campanili".

Appena sotto ci sono i larici

piantati da tuo nonno,

quello che non hai conosciuto.

Guarda dove senti rumoreggiare,

ci vedrai laggiù,

come formiche che corrono

su un formicaio calpestato.

E guarda e cerca,

ci troverai,

con il cuore gonfio,

ma senza le lacrime agli occhi.
occitan Aüra que sies pus ent la gruelha,
aüra que las plumas novèlas
ilh te pòrton d'en pertot,
fai un'esvolasseaa a la Véoa.
Repause-te sal guespin,
lo tròbes subit,
al es fuelhat de bilhas rossas.
Après prén l'andi,
vòla sal pin escranchat dal tron,
al es lo "pin di tres cloquiers".
Just dessot la lhi es lhi mèrzes
plantats da tiu dant,
aquel qu'as nint conoissut.
Garja ente sentes de tapatge,
nos veiarès ailaval,
'scó de formias qu'ilh corron
sus un formier pistat.
E garja e chèr,
nos trobarès,
con lo còr gonfle
mas sensa las lagremas a lhi uelhs.