Enti in rete L.482/99   

Ennio Baronetto descrive la borgata Selvaggio

Ennio Baronetto pàrlat ëd sa bourjà, lou Servajou

di Paola Vai

Ennio Baronetto descrive la borgata Selvaggio
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Allora mi chiamo Ennio Baronetto, sono nato l’11 agosto del ‘43, sono già abbastanza vecchio, si nota dalle piume grigie che ho in testa. Sono nato al Selvaggio da una famiglia proprio del Selvaggio e ho vissuto sempre al Selvaggio, a parte un periodo in cui ho lavorato all’estero ho sempre abitato al Selvaggio.
Il Selvaggio è, in origine perché adesso non è più così, non è più così perché è cambiato tutto, sono cambiate anche le borgate, capita, come è capitato prima a Torino, come capita dove si ha l’urbanizzazione. Quando andavo a scuola al Pacchiotti (Istituto Giacinto Pacchiotti, scuola cattolica diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane), da Giaveno al Selvaggio si incontravano Giaveno, il nucleo di Ruata Ollasio, il nucleo della Cascinetta, Bergeretti e Selvaggio. Adesso è un unico abitato da Giaveno fin su, no? A quei tempi Selvaggio era considerato sostanzialmente diviso in 4 borgate: allora c’era Selvaggio di Sopra, la parte più alta, sopra la chiesa, che era la più popolosa, poi c’era borgata Rio, spostata verso, sulla sinistra, si sulla sinistra orografica, sotto il Santuario, poi il nucleo dritto sotto il Santuario ma in direzione della strada attuale che porta a Giaveno, questo era Selvaggio di Sotto, poi c’era un nucleo di case dove c’è il Santuario che si chiamava Trucetto. Poi c’era Bergeretti che è considerato... non era considerato proprio del Selvaggio, però quando si facevano le feste si andava a Bergeretti con la musica, quindi in certe occasioni si considerava una borgata delle nostre. Comunque i nuclei erano un po’ questi.
La Rjià, che è la parte più alta del Selvaggio, è diciamo per i tre quinti, o quattro quinti, almeno come era allora, sotto il territorio di Giaveno, amministrativamente sotto il territorio di Giaveno e quello che divide è la strada che attraversa, la strada che attraversa da... quella che arriva in qua da Coazze dove c’è la salita, quello che rimane a destra della strada, quindi a valle, è sotto Giaveno, a monte rimane sotto Coazze.
E tutto Selvaggio, compreso Bergeretti, fa parte della parrocchia di Coazze. Allora questo ha fatto nascere un detto... a Coazze, ma anche qui si diceva, che da vivi gli abitanti di Selvaggio vanno a Giaveno, da morti vengono a Coazze.
Io direi che in prevalenza i rapporti di Selvaggio sono sempre stati indirizzati un po’ di più verso Giaveno. I prodotti della campagna... io mi ricordo che quando si vendevano ancora le mele, si vendevano castagne, si vendevano patate... ecco direi che i prodotti della campagna che si vendevano erano un po’ questi. E gli scambi avvenivano verso Giaveno, insomma perché i negozianti arrivavano da valle, non necessariamente da Giaveno, ma comunque da valle, quindi si andava a Giaveno, al mercato, c’era anche un movimento verso Coazze, verso il mercato di Coazze, specialmente dalla parte alta di Selvaggio, ma direi che in prevalenza era verso Giaveno.
franco-provenzale Aloura mi më schamou Ennio Baronetto, i seui nâ lou ounze d’ost dou carantetrai, seui ja bastansa véi a s’ véi dal piume grize qu’i éi in tésta. Mi seui nâ aou Servajou, da na famia propi dou Servajou e i seui vistà sèmpe aou Servajou, gavà in periodo qui éi travaià al’estero seui sta sèmpe aou Servajou.
Lou Servajou a l’ét, an origine perqué ura a l’é pa pi parei no, é pa pi parei perqué a i é cambià tout, a i é cambià anque ël bourjà, càpitat, coume i é capità prima a Turin, coume càpitat antec a i é l’ourbanizasioun. Quënte mi alavou a scola aou Pacchiotti (Istituto Giacinto Pacchiotti, scuola cattolica diretta dai Fratelli delle Scuole Cristiane), dan Javën aou Servajou a i érat Javën, noucleo da Rouà d’Oulais, noucleo da Casinëtta, Bëdrët e ou Servajou. Ura dan Javën amoun a l’é unic, no? An si tënz iquì lou Servajou ou i érat counsiderà soustansialmènt diviz an cat bourjà: aloura a i érat la Rijà, la part pi aouta, joura dla gézia qu’a i érat la pi poupoulouza, peui a i érat ‘Dlai dou Rì, spoustà vers, sla sinistra orografica, si sla sinistra orografica, souta ou Santuari, peui ou noucleo drèch souta ou Santuari ma in diresioun antec a i é ura la vië qui vait an Javën saquì i érat la Rjià Davàl, peui a i érat in noucleo ëd què antec a i é lou Santuari qu’i së schamàvat lou Trucët, qui érat propi mëc cat ou sinc què ma iquì a s chamàvat lou Trucët. Peui a i érat Bëdrët qu’i érat counsiderà... ou i érat pa counsiderà propi dou Servajou, però quënte a s’ fît ëd féste a s’alàvat an Bëdrët coun la muzica, couindi an chérte oucazioun a s’ counsideràvat ina bourjà dël noste. Comouncoue li nouclei a i erat in po’ siquì.
La Rjià qu’a l’é la part joura dou Santuari i est dizouma për li trai couint, o cat couint, dizouma trai couint, almen coum a i érat antloura, souta ou teritori ëd Javën, aministrativamènt souta ou teritori ëd Javën, e lon qu’a divìdat a l’é la vië qu’i travérsat, la vië qu’i travérsat da... saquì qui rùvat ansai dan Couvase qu’a i é la roustà qu’i moùntat aout, lon qu’a l’è a la dërchì dla vië, couindi aval, a l’é souta Javën, amoun a l’é souta Couase.
Tout lou Servajou coumprè fin an Bëdrët ou fait part dla paroquia ëd Couvase. Aloura sousì a i é fait naise in dit... an Couvase, anque isì i s’ dizit paréi, que da viou si dou Servajou i vënt an Javën e da mort i vìnount an Couvase.
Mi diroù que an prevalènsa li rapport dou Servajou i sount sta sëmpe n po pi indirisà ver Javën. Li proudot dla campanhi... mi i më scourdou que quënte a s’ vandît ancoura ëd poum, a s’ vandît ëd chistanhe, a s’ vandît ëd trìfoule... ecco i diroù que i proudot dla campanhi qu’i s’ vandiount a i érat in po siquì. E li squëmbi viniount vers Javën, nsouma perqué li negousiënt i ruvàvount da souta, pa nechessariamént dan Javën ma i ruvàvount da souta couindi a s’alavat vers Javën, aou marcà, a s’alàvat co, a i érat co in alè spechalmènt la part pi aouta dou Servajou vers Couase, vers lou marcà ëd Couase, ma i diroù que an prevalénsa a i érat vers Javën.