Enti in rete L.482/99   

Ennio Baronetto racconta dei mestieri tradizionali di Selvaggio

Li mësté d’in vir aou Servajou

di Paola Vai

Ennio Baronetto racconta dei mestieri tradizionali di Selvaggio
italiano

TRADUZIONE IN ITALIANO
In prevalenza qui si viveva di agricoltura, come in tanti posti di montagna, però proprio come in tanti posti di montagna, in cui non si riusciva a vivere di sola agricoltura, in cui si moriva di fame, una parte... qui c’è stata anche una forte emigrazione verso la Francia o anche in America, ma piuttosto in Francia e gli altri facevano, facevano insomma... o andavano a fare i muratori nel fondovalle quando trovavano, quando c’era del lavoro, oppure c’era del lavoro che facevano... c’erano delle famiglie che vivevano con la tessitura. Come altre borgate dell’alta Val Sangone, tipo borgate di Coazze, Mattonera, Indiritto... Mattonera, Indiritto, borgata Bosio e forse anche altre, io di questo non ho notizie precise, ma... vivevano di tessitura. Avevano dei telai nelle case e facevano la... tessevano, alternavano un po’ i lavori... quelli che avevano più terra vivevano un po’ di più coi prodotti della terra, con la vendita della frutta, delle mele e delle pere, qui c’erano tante mele, una volta qui si vendeva, c’era un commercio abbastanza fiorente di mele e castagne con la bassa valle. E invece quelli che vivevano peggio con la sola campagna, lavoravano la tela, andavano a prendere il filo mi sembra verso Nichelino, ad esempio su dall’Indiritto andavano, mi sembra, fino a Viù a prendere il filo e a portare la tela.
E appunto facevano quello, andavano a prendere il filo dove potevano e poi portavano la tela, portavano la tela lavorata, la vendevano... era una voce dell’economia abbastanza importante. Direi che è finito, per quello che mi ricordo, è finito all’inizio degli anni ‘50.
Di questa cosa mi ricordo perché noi nella stalla, la mia famiglia nella stalla aveva ancora il telaio, quando io ero bambino, proprio piccolo avevamo, mi ricordo ancora di mia nonna che lavorava e poi però proprio in quegli anni l’ha tolto. E poi nel giro di 4 o 5 anni l’hanno tolto tutti, anche gli altri.
Poi un’altra caratteristica diciamo, un altro tipo di artigianato che aveva una valenza economica, probabilmente discreta in rapporto alla situazione di allora, era la lavorazione dei rastrelli, dei rastrelli che era una lavorazione tipica di un gruppo di famiglie abbastanza ristretto, e direi che la parte da leoni la faceva la mia famiglia, dei Baronetto; c’erano dei Baronetto, poi qualche Tessa e poi c’era una famiglia di Dovis che li faceva. Quella era una lavorazione che facevano durante l’inverno, quando non c’era molto da fare in campagna o quando non c’era tanto da fare... quando c’erano dei tempi morti e facevano i rastrelli e poi li commercializzavano con i paesi limitrofi, ma anche con la pianura, perché andavano, li portavano con il carro nei paesi della pianura, intorno a Torino, li portavano anche alla fiera di Pinerolo. E mio padre mi raccontava sempre che un anno la sua famiglia ha fatto 200 dozzine, quindi 200 dozzine, 200 per 12 quanto fa, comunque 200 dozzine.

franco-provenzale An prevalènsa isì s’ vivît d’agricoultura, coume tënti post ëd mountanhi, però propi coume tënti post ëd mountanhi que d’agricoultura a s vivît pa qu’a s murît ëd fam, ina part isì a i é co sta ina forte emigrasioun ver la Frënsi o anque antl’America, ma pitost an Frënsi e i aouti i fiount, i fiount nsouma... o i alàvount a fe i muradour aval quënte i trouvàvount, quënte a i érat ëd travai, opura i érat ëd travai que s’ fiount, a i érat ëd famie que viviount ëd tesitura. Coume d’aoute bourjà dl’aouta Val Sangoun tipo bourjà ëd Couase, la Matouniri, l’Adrèch, la Matouniri, l’Adrèch, San Beus e forse anque d’aoute, mi ëd sousì i éi pa propi ëd noutisie préchize, a i érat... i viviount ëd tesitura. I l’aiount li tëlëi antë quë e i travaiàvount ai tëlëi e i fiount la... i tesiount, i alternàvount in po’ li travai... carcun siquì qu’i l’aiount in po pi d tèra i viviount in po pi sula tèra, sula véndita da fruta, di poum e di prus, isì a i érat tantissimi poum, in vir isì a s’ vandît, a i érat propi in coumersi abastansa fiourènt coun la basa di poum e ëd chistanhe. E invéche siquì que magara i ruàvount a vive pi malamènt coun la campanhi i travaiàvount la téla, i alàvount më smit qu’i alàvount aval dou Niclin a përné i fil, për ezémpi d’amoun d’Adrèch i alàvount, m’a smit, fin a Viù a cariè ëd fil e a pourtè la téla.
E apounto i fiount lounlì, i alàvount carié i fil antec i pouiount e peui i pourtàvount la téla, i pourtàvount la téla travaià, i la vandiount, a i érat ina... ina voui d’ecounomia abastënsa ëmpourtënta, i diroù, que i é finì për lon qu’i më scordou mi, i é finì si an prinsipi di an sinquënta. Mi sa choza isì m’la scordou perquè nous anta strabi, ma famia anta strabi l’aiount incoù lou talëi, propi mi i érou mainà, propi chitou i l’aien, më scordou incoù ma nona qui travaiàvat e peui però propi anti an iquì i eunt gavalou. E peui antou vir ëd cat o sinc an i eunt gavalou tout anque i aouti.
Peui in’aouta, dizouma in’aouta caratteristica, n’aoutou tipo d’atijanato que ou l’aìt, ou l’aìt ina valènsa ecounomica, probabilmènt discreta rapourtà ai tëns coume i erount antloura i érat la lavourasioun di rëstél, di rëstél qu’a i érat ina lavourasioun tipica d’in grup ëd famie abastënsa strèch, i diroù que la part dou leoun a la fît la famia mieù, di Baronetto, a i érat ëd Baronetto, peui a i érat carc Tessa e peui a i érat ina famia ëd Dovis que i li fiount co lour. Lounlì i érat ina lavourasioun que i fiount antl’invern, i fiount antl’invern quënte magara i érat pa tan da fe an campanhi o quënte a i érat pa tan da fe... quënte i erat in po ëd morta e i fiount li rëstél e peui li coumerchalizavou coun li pais isì di dintourn ma anque coun la basa, perqué i alàvount, i li pourtàvount coun li cartoun e li pourtàvount anti pais dla basa, anvirën a Turin, fin, li pourtàvount fin ala fëira ëd Pinereul.
E mi moun pari a m’ cuntàvat sëmpe que in an sa famia i an fait douzënt douzeunhe, couindi douzënt douzeunhe, douzënt për douze var qu’a fait, comouncoue douzën douzeunhe.