Portal d’Occitània    Cammino: Las Valadas Occitanas a Pè

Tappe 17 - 20

Tappe 17 - 20

Ussolo -> Rifugio Quintino Sella

Tappe 17 - 20
italiano 30/06/2009 martedì
Tappa 17. Ussolo - Elva

Durata: 5 h 30min
Dislivello: +1050 m -760 m
Difficoltà: medio
Partenza: ore 8,00

Dal posto tappa di Ussolo (1337 m), si sale lungo il sentiero GTA, attraversando la borgata Vallone
e raggiungendo poi Grange Albeno. Arrivati in prossimità dello spartiacque si attraversa la comba
del Duc e si superano le borgate Castiglione, Cesani e Ferreri, seguendo a tratti la rotabile. Un
comodo sentiero conduce poi al panoramico colle di San Michele (1935 m).
L'itinerario è accompagnato dalla vista delle splendide vette del Pelvo, del Chersogno e della
Marchisa. Dal Colle si scende lungo l'ampia mulattiera verso le borgate Chiosso superiore e
inferiore, Molino e Dao. Si raggiunge infine borgata Serre (1637 m).
Elva è la patria dei pelassiers, mestiere itinerante dei raccoglitori di capelli, ai quali il paese ha
dedicato il museo multimediale ubicato nella splendida casa della meridiana.
Nella chiesa parrocchiale, dedicata a Maria Assunta, si può ammirare il più bel ciclo di affreschi del
pittore fiammingo Hans Clemer, chiamato alla corte dei Marchesi di Saluzzo e soprannominato il
Maestro d'Elva, proprio in virtù del capolavoro dipinto qui.

1/07/2009 mercoledì

Tappa 18. Elva - Bellino

Durata: 4 h

Dislivello: +650 m -800 m

Difficoltà: facile

Partenza: ore 8,00

Questa tappa segue fedelmente il tracciato del GTA. Partendo da borgata Serre di Elva (1637 m), si
risale il vallone per poi proseguire, tralasciando a destra la strada che conduce al Colle di Sampeyre,
verso il Colle della Bicocca (2285 m). Da qui si continua in discesa, entrando in Valle Varaita, fino
a raggiungere borgata Chiesa di Bellino (1480 m).
Il Comune conserva numerose meridiane, recentemente e sapientemente restaurate, inserite
nell'itinerario "Bellino solare", di notevole interesse paesaggistico e artistico. A esse è stato anche
dedicato il Museo del Tempo e delle Meridiane.
La chiesa parrocchiale, sorta probabilmente sui resti di un'antica ara pagana, conserva un bel
campanile trecentesco e all'interno si può ammirare un fonte battesimale opera dei Fratelli Zabreri,
originari di Pagliero, in Valle Maira. A Bellino si è infine tramandata nei secoli la tradizione del
carnevale alpino, la "Beò", in una delle sue più autentiche rappresentazioni, che qui rivive ogni tre
anni.

2/07/2009 giovedì

Tappa 19. Bellino - Pontechianale

Durata: 4 h 30min

Dislivello: +930 m -670 m

Difficoltà: medio

Partenza: ore 8,00

Da borgata Chiesa di Bellino (1480 m) si sale verso il colle della Battagliola (2248 m), seguendo il
sentiero GTA, e, una volta raggiunto, si scende lungo una zona boschiva verso il lago di Castello
(1575 m), ampio bacino artificiale che deve essere costeggiato. Giunti a monte del lago, si
attraversa borgata Maddalena di Pontechianale e si sale verso il rifugio Savigliano (1743 m),
posizionato sopra l'abitato, in frazione Genzana.
Dal 1370 al 1713 il territorio di Pontechianale fece parte, insieme ai comuni di Casteldelfino e
Bellino, della Repubblica Brianzonese degli Escartoun. Il termine deriva dal verbo escartounar
ovvero dividere le imposte in quattro, essendo quattro i cantoni originari. Quello della Valle Varaita
era il cantone della Castellata.

3/07/2009 venerdì

Tappa 20. Pontechianale - Rifugio Quintino Sella

Durata: 5 h 30 min

Dislivello: +1120 m -220 m

Difficoltà: medio

Partenza: ore 8,00

Dal Rifugio Savigliano (1743 m) si scende al lago e, costeggiandolo sulla sinistra, si raggiunge
borgata Castello (1603 m). Si sale lunga la traccia U9 fino ad incontrare, dopo circa 300 m di
dislivello, una deviazione, che va imboccata verso destra, per proseguire alla volta del Passo
Gallarino (2727 m), che si raggiunge dopo aver superato il lago Bertin.
Da qui inizia la discesa, che conduce in breve tempo al rifugio Quintino Sella (2640 m).
Il rifugio si trova al lago grande del Viso e deve il suo nome al primo scalatore del Monviso.
Quintino Sella, vissuto tra il 1827 e il 1884, ingegnere, minerologo, statista e politico, ma
soprattutto appassionato alpinista, nel 1863 fondò il Club Alpino Italiano e nello stesso anno guidò
la prima spedizione italiana a raggiungere la vetta del Re di Pietra.
occitan 30/06/2009 mars
Tapa 17. Ussòl - Elva

Temp: 5 h 30 min

Desnivèl: +1050 m -760 m
Dificultat: mèdi

Partença: oras 8,00

Dal pòst tapa d'Ussòl se seguís lo viòl GTA que per la ruaa dal Valon monta a Granjas Alben. Arribats da pè lo crest, se travèrsa lo valon dal Duc e las ruaas de Chastilhon, Cò di Cesans e Cò di Ferrers, embe de tròç de carroçabla. Un sentier comòde mena puei al Còl de Sant Michèl (1935 m), d'ente se cala dins la comba d'Elva e per una larja draia se passa per Quiòs Sobeiran, Quiòs Sotan, L'Albèrc, Las Travèrsas fins al Sèrre (1637 m).
Elva es la pàtria di pelassiers, ai quals lo país a dediat lo musèu multimedial alestit dins l'espléndida casa de la meridiana. Dins la gleisa parroquiala, dediaa a Nòstra Dama de l'Assompcion, se pòl admirar lo pus bèl cicle d'afrèscs dal pintre flamenc Hans Clemer, sonat a la cort di marqués de Saluces e dich lo Mèstre d'Elva pròpi en vertut dal cap d'òbra pintrat dins aquela gleisa.

1/07/2009 mèrcres

Tapa 18. Elva - Blins (ruaa La Gleisa)

Temp: 4 h 

Desnivèl: +650 m -800 m 

Dificultat: facile 

Partença: oras 8,00

Aquesta tapa seguís fedelment lo traçat dal GTA. Dal Sèrre d'Elva (1637 m) se remonta lo valon, puei laissant a drecha la rota esterraa que mena al Còl de Sampeyre se contínua lòng lo crest vèrs lo Còl de la Bicòca (2285 m).D'aquí se cala dins lo valon de Blins, en Val Varacha, fins a la ruaa de Gleisa (1480 m).
La Comuna garda de nombrosas meridianas, da gaire restauraas, inserias dins l'itinerari "Bellino Solare", de remarcable interés païsatgístic e artístic. La gleisa parroquiala, bastia probablament sus un antic altar pagan, garda un jòli cloquier dal Tres Cent e dedins una fònt batesimala òbra di fraires Chabriers, originaris de Palhier, en Val Maira. A Blins s'es tramandaa enti sècles la tradicion dal carnaval alpin dins una de sas mai auténticas representacions, la Beò, que se fai tuchi lhi tres ans.

2/07/2009 jòus

Tapa 19. Blins (ruaa La Gleisa) - Pont e La Chanal (Refugi Savigliano)

Temp: 4 h 30 min

Desnivèl: +930 m -670 m 

Dificultat: mèdi

Partença: oras 8,00

Da la Gleisa, totjorn seguent lo GTA, se monta al Còl de la Batalhòla 82248 m) e se cala dins lo bòsc sus l'autre versant vèrs lo lac artificial de Pont e La Chanal (1575 m). Après l'aver costejat, s'atravèrsa La Madalèna e se monta al refugi Savigliano (1743 m), butat assús dal país, a La Regençana.
Dal 1370 al 1713 lo territòri de Pont e La Chanal faguet part, ensem a las Comunas de Chasteldelfin e de Blins, de la República Briançonesa de lhi Escartons. Lo tèrme ven dal vèrbe "escartonar", espartir las impòstas, en essent cinc lhi cantons originaris. Aquel de la Val Varacha era sonat lo canton de la Chastelada.

3/07/2009 venres

Tapa 20. Pont e La Chanal (Refugi Savigliano) - Refugi Quintino Sella

Temp: 5 h 30 min

Desnivèl: +1120 m -220 m 

Dificultat: mèdi 

Partença: oras 8,00

Dal refugi Savigliano, seguent la riba mancina dal lac, se cala mai a Lo Chastèl, d'ente se pren la traça U9 fins a encontrar, après 300 mètres de desnivèl, un vòut a drecha per lo Pas Galarin (2727), un pauc amont dal lac Bertin. D'aquí comença la davalaa, que dins gaire mena al refugi Quintino Sella (2640 m). Butat sus las ribas dal grand lac dal Vísol, lo refugi pren lo nom dal premier escalador de la montanha. Quintino Sella, viscut entre lo 1827 e lo 1884, engenhier, mineralogista, estatista, e polític, mas sobretot apassionat alpinista, ental 1863 fondet lo club alpin italian (CAI) e lo mesme an guidet la premiera expedicion al som dal Rei de Peira.