Portal d’Occitània    Cammino: Las Valadas Occitanas a Pè

Tappe 25 - 28

Tappa 25 - 28

Bobbio Pellice -> Exilles

Tappe 25 - 28
italiano 8/07/2008 mercoledì
Tappa 25. Bobbio Pellice - Ghigo di Prali

Durata: 7 h
Dislivello: +1700 m -1000 m
Difficoltà: impegnativo
Partenza: ore 8,00

Da Bobbio Pellice (732 m) si segue il sentiero GTA, che si snoda alla sinistra dell'abitato, toccando Payant, Lauset e Ristagni, fino a raggiungere Villanova (1225 m). Poco prima della frazione si imbocca la rotabile non asfaltata, attraversando dapprima un vecchio "Gias" e poi l'alpeggio delle
Randoulire, per raggiungere la panoramica Colletta delle Faure (2110 m). Da qui si imbocca a destra un sentiero che scende inizialmente nel vallone Giulian-Cruel per poi diventare pianeggiante e condurre all'Alpe Giulian e, svoltando a sinistra, all'omonimo colle (2451 m). Da qui l'itinerario
merita un'ultima deviazione per raggiungere lo splendido Altopiano dei Tredici Laghi, passando per il ricovero Perrucchetti. Si arriva infine a Ghigo di Prali (1454 m), superando il Lago d'Envie e scendendo rapidamente lungo ampie radure e boschi di larice. Siamo in Val Germanasca, nella zona
un tempo erano attive parecchie miniere di talco e nel comune rivive oggi, all'interno del museo Scopriminiera, quella più grande d'Europa. A Ghigo è ancora visibile l'antico tempio valdese, ora trasformato in museo, dove nel 1689 si organizzò un momento di incontro e ringraziamento degli esuli valdesi.

9/07/2009 giovedì

Tappa 26. Ghigo di Prali - Massello

Durata: 4 h

Dislivello: +480 m -780 m

Difficoltà: facile

Partenza: ore 8,00

Si parte da Ghigo (1454 m) lungo il sentiero GTA, si cammina verso nord, aggirando la base del Monte Selletta, e si attraversano gli abitati di Cugno e Campo del Clot (1440 m). Si arriva poi a Rodoretto, un tempo comune autonomo, e da qui si inizia a salire per raggiungere il Colle di Serrevecchio a quota 1707 m. Nuovamente in discesa, si attraversa il vallone di Salza, passando per Didiero, capoluogo del Comune di Salza di Pinerolo. Si continua nel Vallone di Massello e si arriva a Massello (1150 m), seguendo nell'ultimo tratto il sentiero Arturo Genre. Questo itinerario è stato dedicato allo storico e linguista locale che insegnò fonetica sperimentale all'università degli Studi di Torino e curò l'ultima edizione del dizionario del dialetto occitano della Val Germanasca di Teofilo G. Pons.
Il territorio del Comune di Massello offre ai visitatori: un importante sito preistorico con incisioni di diecimila anni fa, alla "Roccia dell'Alce" presso le Bergerie del Lausoun; l'interessante Museo Valdese di Balsiglia; il sentiero tematico sui mulini per cereali del percorso "La ruota e l'Acqua".

10/07/2009 venerdì
Tappa 27. Massello - Usseaux

Durata: 8 h

Dislivello: +1550 m -1300 m

Difficoltà: impegnativo

Partenza: ore 7,00

Partendo dall'abitato di Massello (1150 m) si tiene la sinistra e si raggiunge la borgata Balsiglia (1370 m). L'itinerario comincia poi a salire, aggiungendo quota 2713 m presso il Colle Albergian.
Da qui, in discesa, costeggiando la base del Monte Albergian sulla sinistra e tralasciando la deviazione a destra che conduce agli splendidi laghi dell'Albergian, si superano le Bergerie dell'Albergian e del Laux. Si arriva all'abitato di Laux (dall'occitano laus, lago) percorrendo l'omonimo vallone. Poco dopo si incontra la strada asfaltata e, una volta superata, si raggiunge
l'abitato di Usseaux (1416 m), in Valle Chisone.
La borgata è abbellita dai numerosi murales dipinti, che fotografano elementi umani e naturali della montagna in maniera suggestiva e singolare. Il territorio del comune fa parte di due zone protette: il Parco Orsiera Rocciavrè e il Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand.

11/07/2009 sabato

Tappa 28. Usseaux - Exilles

Durata: 7 h

Dislivello: +1000 m -1600 m

Difficoltà: impegnativo

Partenza: ore 8,00

Tappa conclusiva della Traversata. Si parte da Usseaux (1416 m) e si prosegue lungo la strada che verso sinistra raggiunge Pourrieres e si sale nel vallone di Cerogne fino al Colle dell'Assietta (2472 m). Questo luogo fu teatro, il 17 luglio 1747, di una memorabile battaglia che vide 7.000 piemontesi resistere contro 40.000 francesi. Ogni anno, una domenica del mese di luglio, viene rievocata la battaglia, con una splendida rappresentazione storica.
Dal Colle, nel territorio protetto del Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand, si scende superando le grange Riune fino ad arrivare all'alpeggio Clot des Anes (1936 m). Da qui si prosegue,
tenendo la sinistra, lungo ripidi tornanti, fino ad arrivare alle Case Brusà (1135 m). Si raggiunge infine Exilles (870 m), in Valle d'Oulx. L'omonimo forte è una costruzione monumentale, esistente già nel 1155. Da vecchio castello divenne fortificazione bastionata nel XVII secolo, periodo in cui
ospitò il misterioso e controverso personaggio conosciuto come la Maschera di Ferro. L'assetto odierno risale all'inizio dell'Ottocento.

occitan 8/07/2008 mèrcres
Tapa 25. Buebi - Guigo di Praal

Temp: 7 h 

Desnivèl: +1700 m -1000 m

Dificultat: impenhatiu

Partença: oras 8,00

Lo percors seguís lo traçat GTA que da Buebi pren a mancina e passant per las ruaas de Paiant, Lauset e Rostanhs arriba a Vilanòva (1225 m). Un pauc aval de la ruaa se pren la rota esterraa que monta derant a un vielh Jaç e puei a l'alp de Las Randoliras fins a la panoràmica Coleta de las Fauras (2110 m). Un sentier a drecha davala per un tròç dins lo valon Julian-Cruèl, puei devén planejant e passat l'Alp Julian vòuta a mancina vèrs lo Còl Julian (2451 m). D'aicí l'itinerari mèrita una darriera deviacion vèrs lo jòli plan di Tretze Lacs, passant per l'abric Perucchetti. Sobrat lo lac d'Envie, a travèrs d'amplas raduras e de bòscs de mèlze se davala a Guigo de Praal (1454 m). Sem en Val Germanasca; un bòt dins la zòna eron activas ben de minieras de talc e dins la Comuna reviu encuei, dedins lo musèu "Scopriminiera", la mai granda d'Euròpa. Al país es encara visible l'ancian temple valdés, encuei devengut un musèu, ente dins lo 1689 s'organizet un moment d'encòntre e de rengraciament de lhi exiliats valdés.

9/07/2009 mèrcres

Tapa 26. Guigo de Praal - Massèl

Temp: 4 h

Desnivèl: +480 m -780 m 

Dificultat: facile

Partença: oras 8,00

Dal país se pren a nòrd lo sentier GTA qu'entorna la basa dal mont Seleta e atraversant las ruaas de Conh e Champ del Clòt (1440 m) arriba a Rodoret, un temp Comuna autònoma. D'aquí se comença a montar per rejónher lo Còl del Sèrre Vielh (1707). Já mai a la valaa s'atravèrsa lo valon de Salsa passant per Didier, cap-luec de la Comuna de Salsa. Se contínua dins lo valon de Massèl fins al país (1150 m), seguent dins lo darrier tròç lo sentier Arturo Genre, dediat a l'istorian e linguísta local qu'a mostrat fonética experimentala a l'universitat de Turin e a curaa la darriera edicion dal diccionari dal dialèct occitan de la Val Germanasca de Teofilo G. Pons. Lo territòri de la Comuna de Massèl pòl ufrir: un important site preistòric embe d'incisions de fai dètz mila ans a la "Rocca dell'Alce", près de las Bergerias del Lauson, l'interessant Museu Valdés de Barsilha, lo viòl per lhi molins sonat "La ruota e l'Acqua".

10/07/2009 venres

Tapa 27. Massèl - Usseaus

Temp: 8 h

Desnivèl: +1550 m -1300 m 

Dificultat: impenhatiu

Partença: oras 7,00

Dal país se ten la mancina e se rejonh la ruaa de Barsilha (1370 m). L'itinerari comença puei a montar, arribant ai 2713 mètres dal Còl de l'Alberjan. Se torna calar traversant lhi pendís dal mont Alberjan e laissant la deviacion a drecha que mena a lhi espléndids lacs de l'Alberjan; sobraas lhi jaç de l'Alberjan e dal Laus, se descend lo valon e s'arriba al vilatge de Laus (vielh mot per dir "lac"). Pauc après s'encòntra la via asfaltaa e se monta al vilatge d'Usseaus (1416 m), en Val Cluson. La ruaa es abelia da de nombrós murals pintrat, que rafiguron d'elements umans e naturals en maniera suggestiva e singulara. Lo territòri de la Comuna fai part de dui airals portejuts: lo Parc Orsiera Rocciavrè e lo Parc Natural dal Grand Bòsc de Salbertrand.

11/07/2009 sande

Tapa 28. Usseaus - Ensilha

Temp: 7 h

Desnivèl: +1000 m -1600 m

Dificultat: impenhatiu

Partença: oras 8,00

Tapa conclusiva de la Traversada. Da Usseaus se contínua lòng la via que sus la mancina vai a Porrieras e remonta lo valon de Ceronh fins al Còl de l'Assieta (2472 m). Aquel luec foguet teatre, lo 17 de lulh 1747, d'una memorabla batalha que veiet 7.000 piemontés tenir tèsta a 40.000 francés. Tuchi lhi ans, una diamenja de lulh, ven rievocaa la batalha embe un'espléndida representacion istòrica.
Sobrat lo còl, a travèrs lo Parc Natural dal Grand Bòsc de Salbeltrand se davala a Granjas Roïnas fins a l'alp dal Clòt des Anes (1936 m). Se contínua, tenent la mancina, per de revincs en fòrta calaa que menon a las maisons de La Brusaa (1135 m) e d'aquí a Ensilha (870 m), en Val d'Ols. Son fòrt es una bastison monumentala já existenta ental 1155. Da vielh chastèl, ental sècle XVII devenet una fortificacion bastionaa, època dins la quala ospitet lo misteriós e controvèrs personatge coneissut coma la Màsquera de Fèrre. Son aspèct d'encuei remonta al començament de l'Uech Cent.