Portal d’Occitània    Cammino: L'Occitània a Pè

TAPPA 2 - DA PIETRAPORZIO AI LAGHI DI VENS

TAPA 2 - DA PEIRAPUERC AI LACS DE VENS

In cammino verso antiche miniere d'alta quota e specchi d'acqua

TAPPA 2 - DA PIETRAPORZIO AI LAGHI DI VENS
italiano Mi piaceva vivere lassù. L'aria era pura, l'acqua era buona. L'acqua era il nostro vino. Avevamo tutto ciò che insieme si chiama libertà. Era come aver le ali. Qui al ricovero degli anziani mi sento un po' come in prigione. La notte, quando sogno, sogno lassù. La mia casa, la mia prima casa. è una casa tutta nera, ma mi piaceva. Lassù l'aquila vola. (da un'intervista a Giovanna Giavelli, nata a Ferriere (Valle Stura) classe 1886 - N.Revelli "Il mondo dei vinti")

Tappa molto panoramica, ma assai impegnativa per i molti saliscendi tra boschi, pascoli e ambienti rocciosi d'alta quota. Da Pietraporzio si va a Pontebernardo dove, nell'Ecomuseo della pastorizia, si trova l'esposizione permanente che descrive l'itinerario abituale dei pastori transumanti tra la Valle Stura il Midi francese. Si sale a Murenz (1567 m) seguendo il sentiero GTA, e si prosegue prima tra i prati con vista sulla parete delle Barricate, poi nel lariceto. La mulattiera militare si alza ancora a tornanti, esce dal bosco e dopo una bella conca raggiunge il colle (2244 m.) Si lascia a destra la traccia che conduce alle vicine guglie rossastre dei Becchi Rossi (bunker e panorami) e si continua sul sentiero Gta che scende verso il Vallone di Forneris; attraversato il Rio omonimo, si comincia a salire sulla sinistra orografica del Vallone raggiungendo il Gias del Bai (2000m). Ora la mulattiera sale più decisa nel pascolo, poi piega verso sud con saliscendi fra blocchi di roccia; quindi si alza e poi piega a destra verso il Colle del Ferro (2581 m) luogo in cui nell'antichità, prima i liguri e poi i romani, estraevano questo minerale. Dal colle si oltrepassa il confine statale e si entra nel Parco nazionale del Mercantour; si segue il sentiero che taglia il pendio fra belle erosioni, e porta subito al Collet de Tortisse (2591m). Dopo pochi passi in discesa appaiono i tre laghi glaciali di Vens. Il sentiero transita presso il pittoresco arco naturale in pietra di Tortisse e con lunghi tornanti conduce al rifugio di Vens (2380m).

Durata: 6 ore

Lunghezza: 15 km

Difficoltà: Impegnativa
occitan M'agradava viure ailamont. L'aire era bòna, l'aiga era bòna. L'aiga era nòstre vin. Avian tot aquò que butat ensem se sòna libertat. Era coma aver las alas. Aicì a l'espidal me sento en pau coma en preson. La nuech quora sumiu, sumiu ailamont. Ma maison, ma premiera maison, es na maison tota niera, mas totun m'agradava. Ailamont l'aigla vòla. (da un'entrevista a Giovanna Giavelli, nascua a Ferrieras (Val d'Estura) classa 1886 - N. Revelli "Il mondo dei vinti")

Tapa impenhativa a monta e cala que alterna de bòscs sarrats, de pasturas, de ponchas rochuas e uefre de vistas maravilhosas. Da Peirapuerc s'arriba fins a Pontbernard ente, dins l'Ecomusèu de la pastorícia, se tròba un'exposicion permanenta que descriu lhi chamin que d'acostuma lhi pastors transumants fasion entre la Val d'Estura e lo metzjorn de França. Se monta a la ruaa de Murenz seguent lo sentier GTA; lo viòl militar contínua a atravèrs de prats, embe un jòlia vista sus la paret d'las barricadas, puei de melzes. A tornant se salh dal bòsc e, après una jòlia conca, s'arriba al còl (2244 m). Se laissa dal cant drech la traça que mena a las agulhas rossuenhas di Bècs Ros (bunkers, païsatges), e se seguís lo chamin GTA que cala ental valon de Forneris.Traversat lo riu omònim, se monta a l'adrech fins al Jas del Bai (2000 m). Aquí lo viòl comença a montar pus decís e passa de pasturas e de rochiers, puei plega a drecha e rampinha fins al Còl dal Fèrre (2581 m), dal nom dal mineral que traieron dins l'antiquitat derant i Lígurs, puei lhi romans. Dal còl se passa en França e s'intra dedins lo parc nacional dal Mercantor; lo viòl talha la còsta entre de manhíficas erosions e dins gaire arriba al Còl de Tortissa (2591), d'ente lo païsatge se duèrb sus lhi 3 lacs de Vens, que da l'aut semelhon tres vascas una après l'autra. Calant lo viòl passa arrent lo pitorèsc arc natural en peira de Tortissa e embe de tornants arriba al refugi de Vens (2380).
Temp de chamin: 6 oras
Lonjessa: 15 km
Dificultat: Impenhativa