Portal d’Occitània    Cammino: L'Occitània a Pè

TAPPA 61 - DA JUZET D'IZAUT A ST. BÉAT

TAPA 61 - DA JUZET D'IZAUT A ST. BEAT

La chiave di Francia

TAPPA 61 - DA JUZET D'IZAUT A ST. BÉAT
italiano Qui è l'ombra, qui la luce, sappiamo la verità come gli alberi, con le nostre mani impastiamo il vento e lo gettiamo sul tempo chiuso. Io parlo a voi, voi mi parlate, ed ogni cespuglio è un uccello che sogna l'alba quando il giorno se n'è andato, ed ogni uccello è una piuma che scrive sulle nuvole. Qui è l'oggi, qui il domani, nella nostra fame gustiamo il domani, e siamo soli come pastori. (Robert Lafont - poeta e scrittore occitano)

Si segue la D 618 che attraversa i paesi di Cazaunous e Moncaup; un sentiero segnalato si arrampica nel bosco e giunge alla Fontaine Artalas; da qui la vista si apre sul paesaggio circostante ed il sentiero sale ancora fino ai piedi del Pic du Gar, alto 1756 metri. Superato il Pic du Prat Dessus, si passa nel versante sud, dove una ripida discesa a tornanti porta al paese di Bezins-Garraux e poi scende ancora verso il fiume Garonna, dove sorge Saint Béat (501 m). Antica città gallo romana, edificata in una strettoia del fiume, detta il “Passus lupi”, deve il suo nome a Carlomagno. Nel XIV secolo la sua posizione strategica, di passaggio obbligato verso la Spagna, le valse l’appellativo di “chiave di Francia”. Lo sfruttamento delle le cave di marmo bianco, fin dall'antichità ne hanno fatto una città prospera. Restano ancora alcune tracce di questa ricchezza, come il castello fortezza del XII secolo, che domina la città, e la chiesa romanica.

Durata: 6 ore

Lunghezza: 20 km

Difficoltà: Impegnativa
occitan Aquí es ombra aicí es lutz / Sabèm lo verai coma d'arbres / amb nòstrei mans / pastam lo vènt / e lo trasèm sus lo tèmps clus. / Parle a vosautres me parlatz / e cada barta es un aucèu / que sòmia d'auba a jorn falit /e cada aucèu es una pluma / que sus lei nívols fai escrich. / Aquí es uei aicí deman. Tastam deman dins nòstra fam / e siam solets coma de pastres. (Robert Lafont - poèta e escriveire occitan)

Se seguís la D 618 qu'atravèrsa lhi vilatges de Cazaunós e Montcaup. Un viòl senhalat se rampinha dins lo bòsc e rejonh la Fontana d'Artalàs; aquí la vista se duèrb sus lo païsatge l'entorn e lo viòl monta encara fins ai pè dal Pic de Gar, aut 1756 mètres. Sobrat lo Pic del Prat Dessús, se passa a l'adrech, ente una drecha calaa mena al país de Bezins-Garraus e davala encara vèrs la Garona, ente se tròba Sant Beat (501 m). Antica vila gallo-romana, bastia sus un'estrechura dal flum e sonaa "Passus lupi", deu son nom a Carle Manh. Ental XIV sècle, per sa posicion estratégica de passatge vèrs l'Espanha, foguet apelaa la "clau de França". Anticament sas carrieras de marme blanc n'en faseron una vila prosperosa; demòron encara de nombrosas traças d'aquel temp, coma la fortessa dal sècle XII que dòmina la vila e la gleisa romànica.

Temp de chamin: 6 oras

Lonjessa: 20 km

Dificultat: Impenhativa