Portal d’Occitània    Cammino: L'Occitània a Pè

TAPPA 7 - DAL RIFUGIO DEL COL D'ALLOS ALL' ABBAYE DE LAVERQ

TAPA 7 - DAL REFUGI DEL CÒL D'ALÒS A L'ABAÏA DE LAVÈRC

Il vallone di Laverq, e la sua abbazia medievale

TAPPA 7 - DAL RIFUGIO DEL COL D'ALLOS ALL' ABBAYE DE LAVERQ
italiano Sante delle montagne! Che animale è mai l'uomo che distrugge crudelmente il mantello superbo che copre le ossature dei monti senza accorgersi che colui che si scosta dal suo cammino per non schiacciare una formica compie un'opera di virtù ben più valorosa!
(F. Mistral - Calendal - Ousitanio Vivo)

Dal refuge d'Allos (2247m) si continua a seguire il GR 56 lungo la cresta fino alla Tête de Sestrière (2575m), con splendidi panorami sull'arco alpino. Si scende nel vallone del Laverq, dominato a nord e a est da La Petite e da la Grand Séolane e a sud dalla Tête de l'Estrop. Scendendo si entra nella foresta de Laverq e seguendo il fiume si giunge all'Abbaye de Laverq (1550m). Il rifugio si trova accanto all'abbazia del XII secolo. Le caratteristiche geografiche di questo vallone e il suo isolamento creano un mondo a parte, con un clima più umido rispetto alle valli vicine. Gran parte di esso è ricoperto dalla foresta demaniale del Laverq. Il termine deriverebbe da "Lac vert"; un tempo ci fu una frana di considerevole entità a valle dell'abbazia; il torrente de la Blanche non trovando più sbocco formò un lago nel quale si riflettevano le praterie e i boschi dell'ubac (il versante all'ombra) facendo sembrare l'acqua verde; a poco a poco il fiume ha poi scavato un nuovo passaggio e ha ripreso il suo corso.

Durata: 5 ore

Lunghezza: 17 km

Difficoltà: Media
occitan Santo di Baus! que l'ome es bèsti! D'ana, crudèu , gasta lou viésti
Qu'ufanous, èro tra subre l'osso di mount,
E de pas vèire qu'uno brigo
Se fuorviant, quau noun poussigo
Dins soun draiòu uno fourmigo
Fai obro de vertu mai valènto eilamount!... (Calendal - Marcel Petit)

Dal refugi d'Alòs (2247 m) se continua embe lo GR 56 a seguir la crèsta fins a la Tèsta de Sestrieres (2575 m), embe una supèrba vista sus las montanhas a l'entorn. Se davala ental valon de Lavèrc, dominat a nòrd est da la Pichòta Caiòla e la Grand Seolana, e a sud da la Tèsta de l'Estròp. Calant s''intra dins la forèsta de Lavèrc e seguet lo riu s'arriba a l'Abaïa de Lavèrc (1550 m). Lo refugi se tròba arrent l'abaïa dal sècle XII. L'isolament e las caracter´sticas geogràfics d'aquest valon creon un mond a part, embe un clima mai umide respèct a las valadas da pè. Lo mai es cubèrt da la forèsta de Lavèrc, dont lo nom veneria da "Lac Vèrd"; un temp una gròssa frana bloquet lo cors dal Riu de la Blancha, que com aquò formet un lac ente se miralhavon las praterias e lhi bòscs de l'ubac, fasent semblar vèrda l'aiga; puei lo riu chavet un novèl passatge e prenet mai sa draia. Temp de chamin: 5 oras
Lonjessa: 17 km
Dificultat: Mèdia