Gran Bouc

È nato intorno al quindici di maggio, come tutti i piccoli di camoscio ma dopo qualche tempo era più gagliardo dei suoi colleghi; d’autunno le sue piccole corna superavano dello spessore di un dito quelle dei suoi simili.

Verso i tre anni era ben piantato, con le zampe e i garretti solidi, una testa superba con un paio di corna ben tornite.

Le femmine gli strizzavano l’occhio e i giovani maschi gli portavano rispetto. Si è trovato così capo di un branco senza accorgersene.

Di primavera faceva passeggiate verso la Livernee e molte volte incontrava i cavatori che andavano verso la cava di marmo; alla Croce incontrava spesso le massaie che salivano alla Cocce e non si scomponeva a quella vista, beveva tranquillo alla fontana dell’Arpause e pian piano rientrava nel bosco ai piedi della Roccia di Clari.

La sua vita è trascorsa tranquilla per qualche tempo. Un bel giorno era con tutto il branco al Lago di Racé quando su dal ghiaione che sovrasta il lago vede un polverone, Gran Bouc fa il suo fischio di avvertimento e tutto il branco guarda verso l’alto, un nuovo maschio scendeva come un fulmine giù dalla pietraia, in un attimo è stato al lago a provocare.

Gran Bouc ha cercato diverse volte di farlo ragionare ma non c’è stato modo. La lotta è iniziata; in un primo tempo sembrava che Gran Bouc avesse la meglio sul nuovo arrivato ma in seguito l’età si è fatta sentire; due volte ha piegato le ginocchia sotto i colpi dell’avversario, due volte il pelo è schizzato via sui suoi fianchi; i suoi garretti hanno ceduto e ha dovuto ritirarsi su tre zampe e rinunciare alla battaglia.

Credendo che qualcuno lo seguisse non si voltava indietro, ma nessuno si è mosso. “Oh com’è il mondo!” pensava Gran Bouc “tutti adorano il più forte; contro la forza non c’è ragione che tenga”; dopo esser passato alla Croce sì e cacciato nel bosco a guarire le sue ferite.

Novembre, la Lombarda spingeva su dalla valle una nebbia spessa che sputava fine fine; sugli alberi e sui cespugli la galaverna posava la sua barba bianca dappertutto, Gran Bouc, riparato sotto una sporgenza doveva fregare la schiena contro la roccia per arrestare il suo tremito, l’inverno non lo aveva mai spaventato ma adesso si sentiva triste soltanto a pensarci.

Quando il sole è arrivato Gran Bouc ha pensato di fare due passi verso una fontana; non sapeva a che cosa andava incontro.

Non aveva ancora fatto cento metri che ha sentito un tuono e una grossa puntura ai fianchi gli ha fatto piegare le ginocchia e il suo muso ha baciato la terra, una nebbia rossa gli ha confuso la vista, la morte lo ha avuto.

Ora la testa di Gran Bouc è inchiodata su una parete nel mezzo di due ritratti, da una parte c’è un uomo dai baffi bianchi, e sul cappello una piuma di gallo forcello; sarà lui che gli ha dato il colpo di grazia; dall’altra parte una donna dai capelli biondi, la catena e la croce d’oro le fanno più bello e più dolce il sorriso; forse sarà lei che ha fatto cuocere le frattaglie dell’animale. Triste sorte.

Tutti e tre uniti nello spazio dei ricordi. Cos’è mai la vita.

Ou’ li neissù autour dou quienze ‘d mai, q’ma toutou lou ciabros ‘d ciamoun ma apre ‘d coqe temp ou l’ére plu galhiar d’ sou coulèghe; d’outeun sa cournetta dipasavan d’un bon travèrden qella d’ sou parie.

Slou treis an l’ére bien plantà la patta e lou giarres soliddou, une tète superbe ambou un paré ‘d corna bien tournilhiaa.

La fumella gli cligniavan l’oelh e lou bouccasins gli dounnavan respect. Si troubà parie scef dou troupé sense s’navisaa.

D primme fesie ‘d proumenadda ver la Livernee e bien ‘d viage rancountrave lou marmourin q’anavan a la cave; a la Crou rancountrave souvent la menagera qe mountavan a la Cocce e ou se direngiave pa a la viste, ou beuvie tranqille a la fountane dl’Arpause e cirin cirin rintrave din ‘l ‘bo au pé dla Roccia ‘d Clari.

Sa vitte li passà tranqille par coq temp. Un bè giou ou l’ére ambou tout el troupè au Lau ‘d Racé qan amoun dla sabliére ‘d soubre ‘l lac vé un poussieiroun, Gran Bouc doune soun sible d’alérte e tout l’esqabò garde anlér, un bouc nouvè disendie q’ma un foudre aval dla clapiére, din-s-un clen d’oelh li-s-ità au lac a ciarcià garulhie.

Gran Bouc ou la issaià plusieurs viage a ‘l rasounaa ma lhiè pa ità moien. La lutte a coumensà; en proumie temp sembrave qe Gran Bouc aoughesse rasoun du nouvè arribà ma an suite ‘l age si fait senti; dou viage ou la plià lou genouns ‘d sous lou creps dl’ adversére dou viage la boure a sautà su sa cota; sou giarres an cedà e i la douvù prenne su treis patta el ciamin dou pavé e renounsaa a la batalhie.

En croian qe coqun ‘l suivèsse ou s-virave areire, pa niungù si bougià. «Oh qma li ‘l mounde!» pensà Gran Bouc «tous adoran ‘l plu fort; countre la forse la lhié pa ‘d rasoun qe tène»; passà a la Crou si foutù din ‘l bo a gari sa blésseira.

Nouvembre, la Loumbarde poussave a moun dla vallade une nebble ipeise q’icupie fin fin; su lous aubres e la Broussalhie, la garaverne pausave sa barbe blance par tout, Gran Bouc, abrità ‘d sous un arbancioun douvie fretaa l’icine countre la rocce par arestaa soun tramourin, l’iver l’avie giamei ipouvantà ma voire ou se sentie triste mac a lhi pensaa.

Qant ‘l souré li-s-arribà Gran Bouc pensà ‘d fa dou pa ver la fountane ‘d piana; ou sabie pa a qèlle ou l’anave ancountre.

Ou l’avia panqa fait çen métre q’ ou la antandù un cò ‘d tonér e une grose puente a la cota lhià fait plea lou genouns e soun mour a beisà la teppe, une nebble rouie lhià troublà la vue, la mort la agù.

Voire la téte ‘d Gran Bouc li clouà a un’apparen au bamei de dou portres, d’un qeire la lhié un omme dla moustaccia blancia, e su ‘l ciapé une plumme ‘d coq; la saré ié cou lhià dounà ‘l cò ‘d grase; dl’autre qeire une fenne ‘d lou céveux blouns, sa ceine e sa crou d’or lhi fan plu bel e plu dou soun sourire; mentue la sarà ielle qa fait cueire la friqaseie. Triste sort.

Toutou treis uni din l’espase dou souvenirs. Desqe li mei la vitte.

.