Grande Diavolo

È la vera storia di Foutre-Diable, un vecchio cacciatore che abitava al Thuras355: una vecchia casa, una capanna costruita da lui medesimo, ornata solo di lacrime e disgrazie.

La pelle dura, la piacevole moglie Salomè, un fucile, un buon cane, una pipa, nel pieno dell’inverno accanto al fuoco un bicchiere, riempito talvolta di grappa o di genepì.

Sopra il Rio dalla Leità teneva nascosto il suo tesoro, un filone d’oro e d’argento che solo lui conosceva, ai piedi del Ciatious in faccia alla Grande Apparent sempre al suo servizio quando si trattava di forgiare le palle per fucile.

La Gorgia, la Ciarancia, i Valloni erano il suo paese, la caccia il suo lavoro che d’estate espletava con il fucile e d’inverno con i lacci. Andò un giorno a Briançon a comprare qualcosa...

Al Champs de Mars ha trovato uno che faceva un concorso: bisogna uccidere un vitello posto alla distanza di 100 m.

Grandiable pensò: “La posta in gioco è mia”. Molta gente aveva già provato a tirare, spendendo le monete d’argento senza risultato.

Si fa avanti Grandiable: “Due colpi a me”. Prende il suo fucile, tira fuori dal suo tascapane due palle la prima per provare la sua polvere la pianta in una palizzata, la seconda la pianta nella testa della vittima.

Foutre-Diable” gridò la gente che era attorno a Grandiable, e il soprannome gli rimase per sempre.

La carne era per qualche tempo assicurata.

Arrivò l’inverno, un inverno di quelli duri, il contenitore dove si conservava la carne sotto sale era pressoché vuoto; le bestie selvatiche restavano nei loro rifugi, i lacci senza preda.

Grandiable decise di uscire con il suo fucile.

Salomè preoccupata pregò suo marito di restare a casa. Grandiable testardo come sempre partì lo stesso.

Le stelle luccicavano ancora nel cielo, tirava un’aria fine e la barba di Grandiable dopo un po’ era bianca di ghiaccioli, ma l’uomo non si perdeva di coraggio, camminando per le creste dove la neve era meno alta aveva già fatto una buona camminata. Dopo pranzo il tempo era cambiato, le nuvole coprivano tutta la vallata. Salomè incominciò a stare in pena, sovente se ne restava sull’uscio ad attendere suo marito.

Arrivò la notte ma di Grandiable non c’era traccia. Salomè dopo aver alimentato il fuoco prende la lanterna, s’avvolge lo scialle sulle spalle e va incontro al suo padrone...

Né l’uno né l’altra ritornarono più a casa, la montagna li ha inghiottiti tutti e due.

È così che ancora oggi nelle notti di luna la si sente gemere nelle pinete di L’Abrou e di Guglie Rousse. I vecchi dicono che sia l’anima di Salomè che va ancora alla ricerca del suo Grandiable.

Sarà vero?

Li la veritable istouare de Foutrediable, un ansien ciasou d’issì qu restave au Thuras; une velhe meisoun, une cabitte faite par ié meime, garnie ren qe d’larma e d’maleur.

La pé dure, une fenne pleisante Salomè, un fusil, un bon cin, une pipe, magare d’in l’frei d’hiver au couen du fuo un veire, coq viage bou de bonne blance ou de genepy.

Amoun du rio de la leità tenie itremà soun tresor, un fiaroun d’or e d’argent qe mac ié counneisie, au pé d’lou ciatious enfase la grande apparent, tougiou a soun servise qan la cedrie fourgia d’balla.

La gorgia, la ciarancia, lou valoun éren soun pais, la ciasse soun travalh, d’ita ambou l’fusil d’hiver lou las. N’enporte qan tou-li-s-anà a Briansoun par aceta d’caren...

Au ciamp de Mars ou la troubà coqun qe fesie un concour, la-s-douvie tua un pecit vee louen 100 mètre.

Grandiable arflieci, “la poste li mie”. Bien de gent avie giò isaià de tira, dipensan sa mounea d’argent, sense resulta.

La-s-fei aran Grandiable «dou creps a mì»: pren soun fusil tire fore d’sa taqe doua balla, la proumiere par issaia sa poudre la pouente dint une planqarde, la s’gounde la plante dint la cabose d’la victime. Foutrediable!!! cria ‘l mounde autour Grandiable!!! e ‘l soubriqet lhi restà.

La viande ére assura par coq temp.

L’hiver li-s-arribà, un hiver ‘d qellu duru, ‘l sebbre ére presqe a la fin; la bestia sauvaggia restavan dint sou getts lou las éren voidu. Grandiable dessidà d’sorti ambou soun fusil...

Salomè priandave e prià soun omme d’resta a meisoun. Grandiable teitar q’ma tougiou partì qanmeime.

La-s-itera éren anqa luisanta dint el see, l’èr ére fin e la barbe d’Grandiable apre un pau ére blance d’glasseiroun ma l’omme s’perdie pa de couragge, marcian par creita dounte la née ére plu basse avie giò fai un bon ciamin. L’apree dinaa ‘l temp avie cingià; la nebble coumblave toutte la vallade. Salomè coummensà a eisse en pèeine, souvent restave sou lindaa de sa porte n’attendan ‘l retour d’soun omme.

Li-s-arribà la nueit e d’Grandiable pagi d’signe. Salomè apre d’aougheire ghernì soun fuo pren sa lanterne, s’anviroulhe la pouente autour de la-s-ipalla e vei rancountre a soun patroun...

Ni l’un ni l’autre soun pamie tournaa a meisoun, la mountagne lou-s-a-aguttu touttu dou.

La parei qe anqare enqoi dint la nueit d’lune la se sente gemmarea par lou pinei d’labrou ou a mount d’gulhe rousse. Lou-s-ansien disan qe la sie l’ame d’Salomè qe vei anqare en recerce de soun Grandiable.

La saré vrei?

.