La Roccia di Clari e il segaccio dei Cesanesi

Nei mesi di luglio e agosto 1999 il comune di Cesana, i giovani, la Pro Loco ed i Commercianti hanno organizzato belle feste e gare per divertire i villeggianti.

La competizione che ha sorpreso per la sua originalità è stata quella dei boscaioli, specialisti, che adoperavano l’ascia e la motosega da stupire tutti i presenti.

Il lavoro di quegli operai mi portò indietro nel tempo, quando nelle veglie invernali, raccolti nel tepore della stalla i vecchi raccontavano le storie ai ragazzini. Me ne ricordo una e ve la racconto. Cesana ha sempre avuto un problema da risolvere, far stare il sole il più tardi possibile nel paese, soprattutto in inverno.

Il sindaco di un tempo, il quale voleva il bene dei suoi concittadini, propose la questione al paese e di conseguenza riunì il consiglio dei capifamiglia. “Come sapete - disse - è la Roccia Clari che nasconde il sole, nel pomeriggio al nostro paese. Come fare per toglierla di mezzo?”

La discussione diventa vivace, chi dice in un modo, chi nell’altro, chi una cosa e chi un’altra, chi più istruito propose di collocare un grande specchio a la Coche ed uno in cima alle pietraie della Livernea in modo da dirigere i raggi del sole verso la zona di Coumboudrau e sul paese. Tutte quelle proposte non furono accolte. Dopo tutto quel vociare prende la parola il sindaco: “Miei amici - dice - ho saputo che in America si costruiscono segacci di acciaio speciale con denti che tagliano la pietra come se fosse burro. Potremmo acquistarne uno di misura e tagliare la testa di Roccia Clari e rovesciarne il troncone nelle gorge e nella Comba della Fornace, così avremo sicuramente il sole nel paese e nello stesso tempo avremo spianato l’avvallamento”.

La proposta del sindaco ha sorpreso i presenti e per un istante si fece un grande silenzio nell’assemblea. In seguito, si alza l’assessore anziano e a nome di tutti dice: “Signor sindaco, se l’acquisto è possibile fate in modo di trovare il segaccio necessario; noi faremo il lavoro”.

La seduta finì e tutti se ne ritornarono a casa felici e sicuri di aver risolto il problema. Ma Roccia Clari è ancora lì al suo posto, il sindaco di allora è morto, così pure i cittadini di quel tempo ed il segaccio è sempre in America.

Anche le veglie non si faranno più e le storie ai fanciulli non si raccontano più nel tepore delle stalle, ma oggi ci pensa la televisione. Come sono cambiati i tempi!

Au miei de giulhiet e d’out, la Coumune de Sesane, la gionesse, la Pro Loco, e lou Coumrsants ilan ourganisà ‘d bella feta e d’ concours par ameusa lous estivants.

El concour q’a sourprei par soun efet lì-s-ità el concour dou Bousqeirants, de spesilistes, qi menavan l’appie e lous estroumpous a moteur q’ma miunghù saurie fa. El travalhe de plus ommes ou ma fait tourna areire ambou la memuare au temps d’ la velhià qan au foun de l’itable lous velhs countavan la pasa aus anfants. A me souvenou ‘d sette e au la countou.

A Sesane la lhié tougiou ità un gran probleme da resoudre, fa ita el sourè el plu tard poussible din el pais, sourtout an ivert.

L Consou d’un temp qe vourie veire irousous sou paisans pousà la questioun au pais e par conseqanse un giou reuni el Conselh dou chef ‘d familhe, «Q’ma ou sabé - ou la dì - au presents li Roucià Clari q’ou l’itreme el souré l’apre dina au pais, q’ma fa par ‘l gava du bamei?»

La dispussioun pren soustanse e qi dì bif e baf, qi une ciose qi une autre, qi plu istrouì voudrie beta un grand miralhe a la Cocce e l’autre a la simme d’la càsa ‘d la Livernea a moien qu ‘l reflex ane ver lous Coumboudraus e din el pais, ma toutas la questioun restan sans efet.

Apre tout q’é batibeulh el Consou pren la parolle: «Mous amis, ei soupù qe an Ameriqe la se forge d’estroumpous d’acie partiqulie a bou de dents qi seitan la rocce q’ ma la fusse ‘d beure, nous pudrian veire ‘d -n-aceta un de mesure, coupa la calotte a Clari e ranversà ‘l troucioun coupà din la Gorgia e din la Coumbe ‘d la Fournase, parie nous augheran el souré e an din el meime temp nous aclouterian la Coumbe».

La proposte dou Consou a sourprei la foule e par un estan la si fait un grand silanse din la sale...

Poi si levà l’asseseur e a noun d’lou presants ou la dit «Mosiò el Consou si la ciose li possible tacè mouien de trouba l’estroumpou néséssere, nousautres nous beten ‘l travalh».

La seanse fini e tout el mounde tourne a baraqe countent e segu d’agheire resolvu ‘l probleme, ma el Roucià de Clari ou li ancare iqì au giour d’anqoi, el Consou de qe temp ou li mort, lous paisans fan tere e l’estroumpour spesial li tougiou an Ameriqe.

La velhia las fan pa mai e la pasa aus anfants s’countan plus au found dl’itable, ma dran la televisoun. Q’ma lou temps soun cingià!


...