Enti in rete L.482/99   

Lemie

Lemie

Lemie
italiano

Le ipotesi formulate sull'origine del toponimo sono di natura diversa: secondo alcuni studiosi lo fanno derivare dal latino "lemiae" inteso come luogo delle streghe, oppure altri da "limina", limite o luogo posto ai confini, forse della XI Legione Transpadana di Augusto. Si racconta anche che l'antico villaggio di Lemie fosse situato in una zona di campi chiamati "casali" e che venne distrutto da un'alluvione nel corso del secolo XV.

Dopo una lunga dominazione del Vescovo di Torino, passò poi in feudo ai Visconti di Baratonia. Già nel secolo XIV le numerose miniere di ferro e di rame della zona iniziarono a essere sfruttate e, per questo motivo, alcune famiglie valsesiane e bergamasche si trasferirono a Forno di Lemie, dove era collocato un forno per la fusione dei minerali ferrosi.

Questa località, citata in documenti del 1159, rimase comune autonomo fino al 1810.

franco-provenzale

(grafia BREL)

Er-z-idée formulase zl'ouridjin doou toponimo ou sount eud nadura divérsa. Tanti stoudious ou lou feun dérivà daou latin lamiae intès coume post dél mahque, opure aoutri da limina, post eud counfìn, fosi dla XI Rédjoun Transpada d'Aougustou. As countet queu lou vètch paì ad Lemie ou fuse butà an 'na dzona ad tchamp tchamà "cazali" é qu'i-ot ihtà dstruta da n'alouvioun eunt lou cours dou sécoul XV.

Dopou la douminasioùn dou Veuscou ad Turìn, ou-y-eu pasà a li viscount ad Baratonia.

Djà eunt 'oou sécoul XIV è-s'è euncaminà a sfrutà eul noumérouze minère dou fèr è ram dla dzona é pér hinihé sécoundou ill'estoudious tante famìe valséziane é bérgamasque ou sou-sount spoustà aou Foueurn eud Lémia doue ou-y-ére co lou gran foueurn pér la fuzioun dli minèral férous. Sou post ihì, mémourià eunt un docoumeunt dou 1159, ou réhtà coumun aoutonoum fin-aou 1810.