Portal d’Occitània    Musica e canti d'occitània

invia mail   print document in pdf format

Ho fatto un sogno

Ai fach un sumi

Parole e musica: Dario Anghilante

Ho fatto un sogno
italiano Nelle valli ci sono due galli
chi-chi-ri-chi
che si risvegliano di cattivo umore
chi-..............
Hanno gran voglia di accoppiarsi
ca ........
Dichiarano guerra in combattimento
ca-.............
si beccano fino alla morte
co-..............
alla fine vince il più forte
co-...........
Si volta per vedere dov’è la preda
co-.............
Neppure una gallina da saltare

Ho fatto un sogno nella notte disperata
che nella mia terra sarebbero giunte
delle galline dal sangue dolce
e ai nostri galli dal cuore cattivo
cadesse la cresta dell’arroganza
e al suo posto spuntasse il buon senso

Nel paese vi sono quattro gatti (poche persone)
uno vorrebbe collaborare
l’altro vuole far tutto da solo
Uno vuole costruire grandi palazzi
l’altro conservare tutto com’è
non ne vale la pena
E l’ultimo è di cattivo umore
e spaccherebbe la faccia a tutti

Ho fatto un sogno nella notte diperata
che all’improvviso con una strizzata d’occhio
sei uomini uniti si dessero la mano
in buon accordo mangiassero un pezzo di pane
e senza imbrogli traditori
facessero un passo di comune accordo

volete sapere di quale colore
chi-............
è la camicia di un bel blu
chi-............
Ad uno sembra di verde chiaro
ca-............
l’altro è indeciso tra grigio e giallo
ca-.......
a me sembra rossa
co-............
Non vedete che è tutta bianca
co-............
Ebbene, facciamo che sia di due colori
co-.............

Ho fatto un sogno nella notte disperata
che per la mia gente ci fosse una verità
e se è certo il chiaro del sole
nessuno giurasse che è scuro
e con il viso alto e sincero
dicesse soltanto ciò che è vero

Se Antonio fa fortuna
e fa buoni affari lavorando
c’è già Giuseppe che si contorce
e vorrebbe farlo fallire
E se Luigi s’è impegnato
nella pro-loco del paese
non mancano le cattive lingue
per dire “è chiaro ci guadagna”

Ho fatto un sogno nella notte disperata
che dall’invidia fossimo vaccinati
e se una testa viaggia a 120
è normale che faccia della strada
E se Sebastiano dopo domani fa fallimento
non per questo avremo giovamento

occitan Dins las valadas i a dui jals
qui - qui - ri- qui
Que se revelhon d’umor marrit
qui - qui - ri – qui
An ‘na gran vuelha de caponar
qua - qua -ra - quà
Declaron guèrra dins un combat
qua - qua - ra - quà
Se pitasseon fins a la mòrt
quò - quò - rò - quò
A la fin ganha lo mai fòrt
quò - quò - rò - quò
Se vira a veire ont’es lo fruch
quo - quo - ro - quo
Nhanca ‘na pola da sautar sus
quo - quo - ro - quo

Ai fach un sumi en la nuech desperaa
que dins ma tèrra serion arribatz
un trop de polas dal sang adolcit
e a lhi nòstri jals da lo còr tant marrit
cheiesse la cresta ponchua d’arogança
e a sa plaça sponchesse la creança

Dins lo país i a quatre chats
Un volaria se metre ensem
L’autre vòl far tot da solet
Un vòl bastir de gran palais
L’autre gardar tot coma es
Ma no, ma no, val ren la pena
E lo derier a maria luna
E squiaparia lo morre a tuchi

Ai fach un sumi en la nuech desperaa
que tot d’un crep abo un uelh esquichat
sieis òmes ensemo campesson la man
e ben d’acòrdi minjar un tòc de pan
sensa trapeta de dreire estremat
e a far un pas de comun acordat

Voletz sauber de qual color
qui - qui - ri- quì
Es la chamisa d’un bèl blòi
qui - qui - ri- quì
Un lhi semelha de vert clar
qua - qua -ra - quà
L’autre bauteia tra gris e jaun
qua - qua -ra - quà
Ma no, beicatz semelha maròn
quò - quò - rò - quò
A iu a ben veire semelha ros
quò - quò - rò - quò
Veietz ren qu’es tot blanc
quo - quo - ro - quo
E ben, fasem que a dui colors
quo - quo - ro - quo

Ai fach un sumi en la nuech desperaa
que per ma gent i aguesse una veritat
e se lo clar dal solelh es segur
deguns juresse qu’es tot escur
e abo lo morre aut e sencer
disesse mac son qu’es ben ver

Se a Tonin la lhi vai ben
E fai d’afar en trabalhant
I a já Juspin qu’es entorsut
E volaria lo far falir
E se Luís s’es engajat
Dins la Pro Lòco dal país
Marias lengas mancon pas
Per dir: es clar i ganha sus

Ai fach un sumi en la nuech desperaa
que da l’envidia foguessem vacinats
e se una testa marcha a 120
es ben normal que fasse d’ chamin
e se Bastian après deman vai dal cul
es ren aquò que nos pòrta d’ bonur