Portal d’Occitània    Musica e canti d'occitània

invia mail   print document in pdf format

Lo chiamavano Elva

Lhi disien Elva

mazurca - parole e musica: Dario Anghilante

Lo chiamavano Elva
italiano Il suo nome era Costanzo
viveva sempre ubriaco
se il vino era buono
cantava una canzone

Pipa, canna e cappello
di tutto si ricordava
gli amici li aveva all’osteria
per la bottiglia e la belote (gioco a carte)

Lo chiamavano Elva
quello era il suo paese
I suoi due figli alla guerra
non sono più tornati a casa

In una strada malfamata della città forestiera
faceva passare il suo tempo
come una vita senza storia

Aveva un letto e guardaroba
ch’era tutta la sua fortuna
del paese aveva un ricordo
l’angoscia e lo sconforto

Lo chiamavano Elva ...

Raccontano che in gioventù
fosse un grande lavoratore
la sua casa lassù
la più bella della zona

Vendere stoffa in Francia
Valle Corsaglia e Val Chisone
poi bruciava i soldi
che per lui non avevano più senso

Lo chiamavano Elva ...

Della pensione per i figli
aveva detto merda
la mia vita non è più qui
me l’hanno presa ch’era ancora verde

Nessun soldo paga i morti
nessun Stato avrà un perdono
Era allegro quando beveva
e l’amore aveva negli occhi

Lo chiamavano Elva ...
occitan Lo sio nom era Tan
sempe choc nele vivia
se lo vin al era bòn
‘na chançon nele chantava

Fuma, cana e chapèl
e de tot se navisava
lh’amis lh’avia a l’òste
per la bota e la belòta

Lhi disien Elva
aquel era son país
Lhi dui filhs a la guèrra
a maison son pus tornats

Dins ‘na via malfamaa
de la vila forestiera
el fasia passar son temps
coma vita sensa estòria

Avia un liech e dreissaor
qu’era puei tot sa fortuna
dal país avia un recòrd
lo malpró e l’esconfòrt

Lhi disien Elva …….

Dísen qu’en joventut
era un gran trabalhaire
la sia casa ilamont
la pus jòlia d’ tot lo caire

Vender estòfa òuta en França
Val Corsalha e Val Cluson
apres brusava lhi sòlds
que per nele avien pus rason

Lhi disien Elva …….

D’la pension per lhi filhs
el avia, avia dich mèrda
la mia vita es pus aicí
m’ l’an raubaa qu’era encar vèrda

Degun sòld paga lhi mòrts
degun Estat aurè un perdon
era alegre quora bevia
e l’amor l’avia ent lh’uelhs

Lhi disien Elva …….