Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Lo sumi d’un òme ridícul - de Fëdor M. Dostoevskij

Il sogno di un uomo ridicolo. di Fëdor M. Dostoevskij - Presentazione

Lo sumi d’un òme ridícul de Fëdor M. Dostoevskij - Presentacion

"Chaminar e pensar", traduzione in lingua occitana a cura di Peyre Anghilante. Voce recitante di Dario Anghilante

italiano

A partire da questo mese proponiamo ai lettori di Nòvas d’Occitània questo breve racconto fantastico di Dostoevskij. L’opera, scritta attorno al 1876 e pubblicata l’anno seguente, narra la storia di un uomo egoista che, in un momento di crisi esistenziale, decide di uccidersi, ma che addormentandosi davanti alla pistola carica cade in un sogno dove davvero sogna il suicidio e ciò che viene dopo questa vita, venendo trasportato in una realtà del tutto diversa dove regna l’amore e la felicità. Un’esperienza che al suo risveglio lo porterà a intraprendere, pur condannato da un mondo che lo taccerà di follia, un cammino di verità e di benevolenza. Una riflessione sul senso dell’esistenza che non può che essere sempre più attuale.

In questo lavoro di traduzione mi ha aiutato il fatto di avere iniziato negli ultimi tempi a studiare il russo e ciò m ha permesso, dopo una prima stesura dall’italiano e benché la mia conoscenza non sia ancora certamente sufficiente per tentarne una traduzione personale, di consultare il testo originale disponibile in rete. Il racconto, formato da 5 capitoli, sarà diviso in 12 letture.

occitan

A partir d’aqueste mes propausem ai lectors de Nòvas d’Occitània aqueste brèu cònte fantàstic, de Dostoevskij. L’òbra escricha a l’entorn dal 1876 e publicaa l’an d’après, narra l’estòria de un òme egoïsta que, dins un moment de crisi existenciala, decida de maçar-se, mas qu’en s’endurment derant la pistòla charjaa chei dins un sumi ente da bòn sumia son suicidi e çò que ven après aquesta vita, en venent transportat dins una realitat dal tot diferenta ente rènha l’amor e lo bonaür. Un’experiença que a son revelh lo menarè, bèla se condamnat da un mond que l’acusarè de folia, un chamin de veritat e de benevolença. Una reflexion sal sens de l’existença que pòl ren qu’èsser de mai en mai actuala.

Dins aqueste trabalh de revirada m’a ajuat lo fach d’aver començat enti darriers temps a estudiar lo rus e aquò m’a permés, après una premiera redaccion da l’italian e ben que ma conoissença sie pas encà certament sufisenta per ne’n temptar una revirada personala, de consultar lo tèxt original, disponible en ret. Lo cònte, format da 5 capítols, serè partatjat en 12 lecturas.


Il sogno di un uomo ridicolo. di Fëdor M. Dostoevskij - Presentazione

Lo sumi d’un òme ridícul de Fëdor M. Dostoevskij - Presentacion

"Chaminar e pensar", traduzione in lingua occitana a cura di Peyre Anghilante. Voce recitante di Dario Anghilante

italiano

A partire da questo mese proponiamo ai lettori di Nòvas d’Occitània questo breve racconto fantastico di Dostoevskij. L’opera, scritta attorno al 1876 e pubblicata l’anno seguente, narra la storia di un uomo egoista che, in un momento di crisi esistenziale, decide di uccidersi, ma che addormentandosi davanti alla pistola carica cade in un sogno dove davvero sogna il suicidio e ciò che viene dopo questa vita, venendo trasportato in una realtà del tutto diversa dove regna l’amore e la felicità. Un’esperienza che al suo risveglio lo porterà a intraprendere, pur condannato da un mondo che lo taccerà di follia, un cammino di verità e di benevolenza. Una riflessione sul senso dell’esistenza che non può che essere sempre più attuale.

In questo lavoro di traduzione mi ha aiutato il fatto di avere iniziato negli ultimi tempi a studiare il russo e ciò m ha permesso, dopo una prima stesura dall’italiano e benché la mia conoscenza non sia ancora certamente sufficiente per tentarne una traduzione personale, di consultare il testo originale disponibile in rete. Il racconto, formato da 5 capitoli, sarà diviso in 12 letture.

occitan

A partir d’aqueste mes propausem ai lectors de Nòvas d’Occitània aqueste brèu cònte fantàstic, de Dostoevskij. L’òbra escricha a l’entorn dal 1876 e publicaa l’an d’après, narra l’estòria de un òme egoïsta que, dins un moment de crisi existenciala, decida de maçar-se, mas qu’en s’endurment derant la pistòla charjaa chei dins un sumi ente da bòn sumia son suicidi e çò que ven après aquesta vita, en venent transportat dins una realitat dal tot diferenta ente rènha l’amor e lo bonaür. Un’experiença que a son revelh lo menarè, bèla se condamnat da un mond que l’acusarè de folia, un chamin de veritat e de benevolença. Una reflexion sal sens de l’existença que pòl ren qu’èsser de mai en mai actuala.

Dins aqueste trabalh de revirada m’a ajuat lo fach d’aver començat enti darriers temps a estudiar lo rus e aquò m’a permés, après una premiera redaccion da l’italian e ben que ma conoissença sie pas encà certament sufisenta per ne’n temptar una revirada personala, de consultar lo tèxt original, disponible en ret. Lo cònte, format da 5 capítols, serè partatjat en 12 lecturas.