Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

A 40 anni dalla morte di François Fontan

A 40 ans da la mòrt de François Fontan

di Dario Anghilante

A 40 anni dalla morte di François Fontan
italiano

Questo 2019 sono 40 anni dalla partenza di François Fontan e per noi delle Valli Occitane è sempre una sofferenza constatare ch’egli non sia più presente per aiutare a comprendere e giudicare gli eventi di questo mondo. Durante tutto questo tempo abbiamo visto accadere molte cose che Fontan aveva previsto in geopolitica, il rapporto fra i popoli e le etnie e altre cose che dovremmo tener presente per interpretare meglio.

Nel mondo potremmo fare una lunga lista dei popoli che hanno alzato la testa verso un cammino di libertà nazionale: nostra sorella Catalogna, qui al nostro fianco, n’è l’esempio più chiaro, la Scozia n’è un altro. Israele, che Fontan aveva nel cuore, è ancora vivo e in salute, malgrado gli attacchi che lo minacciano di continuo, soprattutto a causa di un’antisemitismo crescente (imbellettato d’antisionismo), un’ostilità per la sua semplice esistenza e un’atteggiamento ipocrita specie in seno agli organismi internazionali (ONU, Unesco, l’UE, etc...) favorito da un’idea falsamente progressista e terzomondista presente soprattutto in una sinistra cieca, centralista e fondamentalmente antisemita, aiutata da una sempre più forte presenza di un islamismo chiuso, oscurantista e violento che terroriza tanto il mondo musulmano quanto il resto della società.

Per quanto riguarda l’Occitania, non mi pare aver compiuto grandi passi avanti verso un affrancament dei suoi diritti all’autodeterminazione, ma diciamo che il seme che Fontan ha gettato è ancora vivo: ll PNO continua a far sentire la sua voce in modo coerente e, divenuta più debole nell’occitanismo la presenza della componente spontaneista e gauchista, il confronto e il dibattito si è fatto più calmo e ragionato. Nelle Valli è vero che il MAO creato da Fontan non esiste più, ma nonostante ciò abbiamo una situazione di coscienza popolare d’identità occitana maggiormente radicata sul territorio e considerazione presso le istituzioni. La legge 482/99 nel frattempo ha l’occitano nella lista delle lingue storiche aventi diritto alla tutela, cosa che 50 anni fa era una chimera, e questa legge permette alle amministrazioni locali che lo vogliono di progettare iniziative interessanti e alle organizzazioni occitaniste attive di lavorare per la loro realizzazione. La presenza della lingua occitana nell’insegnamento e nell’informazione (radio-televisione) sono battaglie per ora del tutto da iniziare e da vincere, ma lì paghiamo anche il prezzo della marginalità del nostro territorio.

Dunque Fontan non l’abbiamo dimenticato, anzi, è sempre presente nei nostri cuori e nelle nostre azioni. È chiaro che fa male vedere come la sua casa di Frassino, a Cò di Fasi, sia completamente abbandonata e invasa da rovi e frassini, ma, piccola consolazione, fa piacere vedere che il sentiero che sale verso la casa è “Via François Fontan”, come una “Via François Fontan” è presente anche a Salbertrand in Val Susa.

Proprio l’inizio di questo 2019 ha visto la riedizione nelle nostre valli di “Etnisme”, un’opera fondamentale di Fontan. Su iniziativa di Fredo Valla, occitanista della prima ora sempre molto attivo soprattutto nella cinematografia, e di Diego Corraine, sardista e etnista alquanto operoso, è uscita per l’edizione Insula-Papiros di Nuoro una nuova edizione di “Etnismo - Verso un nazionalismo umanista” arricchita da una presentazione di Sergio Salvi (autore negli anni ‘70 d’importanti publicazioni come “Le nazioni proibite”, “Patria e matria”), fotografie di François e riflessioni su Fontan di Dino Matteodo, Dario Anghilante, Sergio Berardo, Diego Anghilante.

Di questa nuova edizione al momento sono state fatte ben tre presentazioni nelle Valli nel mese di febbraio (l’8 a Dronero, il 9 a Salbertrand e il 10 a Frassino), ma la cosa più importante è che le tre presentazioni hanno visto una straordinaria partecipazione da parte di un pubblico molto interessato. La proiezione del film sulla vita e sul pensiero di Fontan, che molti non hanno potuto vedere alla sua prima uscita, vent’anni fa, ha rappresentato un vero successo. Diego Corraine ha intenzione di attivarsi perché avvengano delle presentazioni anche in Sardegna e in Friuli.

occitan

Aquest an 2019 fai 40 da la partença de François Fontan e per nosautri de las Valadas Occitanas es totjorn una sufrença de constatar qu’es pus present per nos ajuar a comprene e jutjar çò que se passa dins aqueste mond. Avem vist, dins tot aqueste temp, arribar un baron de causas que Fontan avia previst dins la geopolitica, lo rapòrt entre lhi pòples e las etnias e d’autras causas que nos chaleria aver present per interpretar mielh.

Dins lo mond polem far una lònja lista de pòples qu’an levat la tèsta vèrs una via de libertat nacionala, nòstra sòrre Catalonha, aquí a nòstre costat, ne ‘n es l’exèmple mai clar, l’Escòcia n’es un autre; Israèl, que Fontan avia ben gravat dins son còr, es totjorn viu e galhard malgrat los atacs que lo menaçon de contunh, sobretot per un antisemitisme creissent (embarboirat d’antisionisme), un’ostilitat per la simpla existença e un’actituda d’ipocrisia sobretot dins lhi organisme internacionals (ONU, Unesco, l’UE, etc...) favoria da un’alura fausament progressista e tèrç-mondista presenta sobretot dins una senèstra bòrnha, centralista e fondamentalment antisemita, e ajuaa da una sempre mai fòrta presença d’un islamisme barrat, oscurantista e violent que terroriza tant lo mond musulman que la resta de la societat.

Per Occitània me semelha pas qu’aie agut de grands pas anant vèrs un afrancament de son drech a l’autodeterminacion, mas disem que la semença que Fontan a semenat es totjorn viva: lo PNO contúnia a far sentir sa vòutz en maniera coerenta e, vengua mai dèbla dins l’occitanisme la presença de la component espontaneista e gauchista, lo confront e lo debat s’es fach mai pasi e rasonat. Dins las Valadas es ver que lo MAO creat da Fontan existis pas mai, mas per contra avem una situacion de consciença populara d’identitat occitana mai enraïzaa sal territòri e de consideracion dins las institucions. La Lei 482/99 per entant a l’occitan dins la lista de lengas istòricas qu’an drech a tutèla e aquò fai 50 ans era una quimera e aquela lei permet a las administracions localas que lo volon de projectar d’iniciativas interessantas e a las organizacions occitanistas activas de trabalhar per la lor realizacion. La presença de la lenga occitana dins l’insenhament e l’informacion (ràdio-television) son de batalhas per aüra completament da prencipiar e ganhar, mas aquí paguem decò lo pretz de la marginalitat de nòstre territòri.

Donc Fontan l’avem pas eisubliat, al contrari es totjorn dins nòstri còrs e nòstras accions. Es clar que fai mal al còr de veire coma sa maison a Fraisse, a Cò di Fasi, sie completament a l’abandon, abo las ronças e lhi fraisses que l’envaïsson, mas, pichòta consolacion, fai plàser de veire que lo viòl que monta an aquela maison es “Via François Fontan”, coma una “Via François Fontan” es presenta tanben a Salbertrand en Val d’Ols.

Pròpi lo començament d’aqueste 2019 a vist la sortia en cò nòstre d’una reedicion de Etnisme, un’òbra fondamentala de Fontan. Per iniciativa de Fredo Valla, un occitanista de la premiera ora e totjorn ben actiu sobretot dins la cinematografia, e de Diego Corraine, un sardista e etnista fòrça actiu, es salhit per l’edicion “Insula-Papiros” de Nuoro una novèla edicion de “Etnismo - Verso un nazionalismo umanista” enrichia d’una presentacion de Sergio Salvi (autor dins lhi ans ‘70 de publicacions importantas coma “Le nazioni proibite”, “Patria e matria”), de fotografias de François e de refleccions sus Fontan de Dino Matteodo, Dario Anghilante, Sergio Berardo, Diego Anghilante. Mai qu’aquò, e verament important, al libre es liat un DVD abo lo film documentari“E i a lo solelh” virat ental 1999 da Diego Anghilante e Fredo Valla.

D’aquela novèla edicion se son fachas per aüra tres presentacion dins las Valadas al mes de belier 2019 (lo 8 a Dronier, lo 9 a Salbertrand e lo 10 a Fraisse), mas la causa mai importanta es que las tres presentacions an vist una extraordinària partecipacion de gent fòrça interessaa. La proieccion dal film sus la vita e lo pensier de François, que ben de gent avia pas agut ocasion de veire a sa sortia fai 20 ans, a representat un ver succés. Diego Corraine a intencion de s’activar per de presentacions tanben en Sardegna e en Friul.