Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

CHANTAR L’UVERN CON “SPIRITI D’INVERNO”

CHANTAR L’UVERN AVÓ “ESPRIT DE L’EVERT”

Di Matteo Ghiotto

italiano

Venerdì 31 gennaio alle ore 20.30, nell’ambito della rassegna "Chantar l'uvern 2019-2020 - da Natale a Pasqua” - XIII edizione, a cura della Chambra d'Oc e dell’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie, presso la sala consiliare di Mompantero, avrà luogo la presentazione del libro fotografico di Stefano Torrione intitolato “Spiriti d’inverno”, racconto per immagini delle principali feste in maschera sulle Alpi italiane.

Il 20 gennaio, San Sebastiano, a Chiomonte si ripete il rito della Puento, il 22 gennaio, San Vincenzo, a Giaglione si porta in processione il Bran e danzano le spade, il primo week-end di febbraio, in occasione della Candelora, a Mompantero si festeggia Santa Brigida con Fora l'Ours e il Ballo dell'Orso. Antiche tradizioni legate a Santi patroni del periodo invernale che ci riportano alle nostre radici, a riti celtici e romani che simboleggiano l’inverno che cede il posto alla primavera e celebrano il ritorno della bella stagione. Con questo libro Stefano Torrione documenta cinquantaquattro mascherate alpine, dal Piemonte al Friuli Venezia Giulia passando per la Valle d’Aosta, la Lombardia, il Trentino Alto Adige e il Veneto, un vero e proprio album antropologico per immagini delle principali feste in maschera sulle Alpi italiane.

Nella fascia temperata del pianeta l'inverno è un po' ovunque la stagione degli spiriti...” scrive Giovanni Kezich, antropologo, direttore dal 1991 del Museo degli Usi e dei Costumi della Gente Trentina di San Michele all'Adige, nella prefazione del libro. “...la ricomparsa degli spiriti al cuore dell'inverno è l'occasione di un collettivo girar pagina in cui, protetti dalle maschere, si può archiviare il passato prima che il futuro abbia inizio, un attimo di sospensione dove è lecito qualche eccesso, e un po' di spensierata allegria: quello stesso rito che a un certo punto del medioevo la Chiesa cercherà di esiliare in un ghetto più o meno tollerato del calendario, che chiamerà "carnevale"... Così si può intravvedere ancor oggi in molti luoghi la trama dell'antico calendario invernale dei riti, se non intera del tutto, almeno a brani ben leggibili, soprattutto in montagna, per esempio sull'arco alpino, per una sorta di inerzia storica, ma anche per il ritrovato orgoglio delle comunità che se ne fanno interpreti”.

Da oltre 10 anni Stefano Torrione fotografa questi riti alpini e ne descrive il significato profondo.

Le maschere demoniache rappresentano il lato oscuro della cultura contadina, esse segnano la ritualità del passaggio delle stagioni,  sprigionano il dualismo della nascita/morte, luce/buio, del bello/brutto, buono/cattivo e del vecchio/giovane. I cortei, i gesti, le danze fanno parte di un grande affresco cerimoniale che abbraccia il calendario contadino, dalla Festa di Ognissanti al Carnevale, passando per l'Avvento e il Capodanno. Il carnevale di montagna è un evento ricco di rappresentazioni e implicazioni simboliche, è coralità, tradizione, è rito! È spirito di montagna, d’inverno”.

Questo libro è il racconto del suo lungo viaggio tra gli Spiriti d’Inverno...

franco-provenzale

Deveindro 31 dzenér a 20.30 oure, din lo doméno do programmo “Chantar l'uvern 2019-2020 – de Tsaleinde a Pasque” - XIII edizione, o soueunn de la Chambra d'Oc e de l’Eunn de gestion de les Ére Protedzìe de les Alpe Cossiéne, an tse lo sala do conselh de Mompantér, lh’aret plahe la presentashon do lévro fotograficco de Stefano Torrione entitrà “Esprit d’evert”, conto pre madze de le prensipale féhe de barbouire dessù les Alpe italian-ne.

Li 20 dzenér, Sein Bastian, a Tsemon i s’arpéte lo rito de la Pouinta, li 22 dzenér, Sein Vinseunn, an Dzalhon i se porte an presseion lo Bran e ou danso li sabro, lo premiér din de seman-na de fevrér, an ocazhon de la Tsandelousa, a Mompantér i se féhe Seinta Bredzida avó con Fora l'Ours e lo bal de l’òrs. De viélhe tradishon iliaie i seunn protetour de la perioda ivernala qu’ou no raméno a nohre rei, a rito selticco e roman qu’ou sembolizho l’evert qu’ou séde la plahe a la premò e ou selébro l’artòrt de la bela sezhon. Avó he lévro Stefano Torrione ou documeinte hinquentecatro embarbouiraie alpin-ne, do Piemon o Friuli an passeunn pre la Val d’Ouhe, la Lombardìe, lo Trentin e lo Veneto, in veretablo album antropolozhicco pre madze de le prensipale féhe an barbouire dessù les Alpe italian-ne.

Din la fésse temperaia do planéto l’evert ou l’eut taspó dampretòt la sezhon di esprit...” ou l’ehrit Giovanni Kezich, antropologo, diretour dipé 1991 do Musé di Us e de le Coheume de le Dzenn Trentin-ne de San Michele all'Adige, din la prefashon do lévro. “...l’artòrt di esprit o cor de l’evert ou l’eut l’ocazhon d’in vreiér padze dzeneralo din loquin, defandù de le barbouire, i se pout artsevar lo passà deveunn que lo futur ou comahisse, in momeunn de suspanshon enté qu’i pout tsaque esadzerashon, e in blò de lendzér bonimour: hè mémo rito qu’an in poueunn do moueieunn-adzo l’Eglise lhe sartseret d’esilar an in guet plus on moueins tolerà de l’armenac, que lhe manderet "carnaval"... Parér i se pout entrevér encorò incoueu an bieunn de caro la trenò do vieulh calandrér ivernalo di rito, si pa entiére do tòt, omoueins an de tòc bieunn lisiblo, pé dzò an montinheu, pre esimplo dessù l'arc alpin, pre ina serténa finhantise istoricca, ma asseu pre l’artrovà orgòlh de le comenetaie qu’ou se n’an font enterpi”.

Dipé plu de 10 an Stefano Torrione ou fotografe hi rito alpin e ou n’an dehrit lo seins profon.

Le barbouire diabolique ou represeinto lo caro hur de la culteura agricola, ou marco la ritualità do passadzo de le sezhon, ou delibéro lo dualismo de la neissanse/mòrt, lemiére/nouet, do bel/mové, bon/cròi e do vieulh/dzevenó. Li cortédzo, li gest, le danse ou font pert d’ina greunta pinterò seremoniala que lh’embrahe l’armenac agricolo, de Touiseunn o Carnaval, an traheunn pre l’Avann e lo Boneunn. Lo carnaval de montinheu ou l’eut in eveunn retsó de representashon e d’emplicashon simbolique, ou l’eut coralità, tradishon, ou l’eut rito! Ou l’eut esprit de montinheu, d’evert”.

He lévro ou l’eut lo conto de son lon viadzo entre li Esprit de l’Evert...