Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

“Lo sol poder es que de dire”, intervista a Fausta Garavini.

“Lo sol poder es que de dire”, entrevista a Fausta Garavini.
Online lo documentari de Andrea Fantino produch da la Chambra d’òc.

Online il documentario di Andrea Fantino prodotto dalla Chambra d’oc.

“Lo sol poder es que de dire”, intervista a Fausta Garavini.
italiano

Quando qualche giorno fa Ines mi ha chiesto di scrivere sul documentario “Lo sol poder es que de dire” - un’intervista a Fausta Garavini che ho realizzato nella sua casa fiorentina – ho subito pensato ad una frase, e questa frase è emersa ogni volta che ho pensato a quel video e alla necessità di scrivere qualche riga a proposito.

Il futuro è imperscrutabile”: sono queste le parole di Fausta che hanno continuato a rimbalzare nella mia testa, tra un pensiero e l’altro. Di per sé (non me ne voglia Fausta!) la proposizione potrebbe risultare non solo vera, ma anche banale, o retorica. Ma nel documentario è tutt’altro che banale, perché è di fatto la conclusione di un ragionamento a proposito delle lingue minoritarie, in difficoltà se non in via di estinzione. Fausta sostiene che nel nostro mondo sono tante le lingue morte, le lingue che si sono estinte, per una ragione o per l’altra. Per impedire il processo di estinzione della lingua occitana secondo lei non occorre solamente un grande sforzo di volontà, ma anche la forza delle istituzioni. Ma non si può perdere la speranza, dice. Non si può perdere la speranza perché niente può essere dato per scontato, specie quando i processi sono sociali, culturali, storici. Ed è in questo momento del documentario che Fausta racconta un episodio piccolo ma significativo, così significativo che è difficile rimanere indifferenti a quel che è, a quello che rappresenta. Racconta Fausta:

Ricordo sempre una lettera di Mistral a Roumanille, quando Roumanille stava fabbricando Li Prouvençalo, un’antologia di letteratura e di poesia provenzale. Mistral gli scrive una lettera dicendo che doveva inserire il tal poeta o il tal altro perché “non bisogna lasciare niente fuori perché questa sarà l’ultima corona della lingua del Midi”. Quindi Mistral e Roumanille avevano la consapevolezza di essere gli ultimi, che non ci sarebbe stato più nulla dopo… ed è stato tutto il contrario. Quindi… appunto… il futuro è imperscrutabile”.

Non so quando sia stata scritta la lettera. L’antologia data 1852. Sappiamo tutti com’è andata: quella non è stata l’ultima corona della lingua del midi, della lingua occitana, o occitanica, come preferisce dire Fausta. Oggi la stessa lingua può attraversare un momento meno felice di quello dei tempi di Mistral, o degli anni ‘70 quando le nostre vallate hanno visto un rifiorire della lingua non solo parlata ma anche scritta, quando quasi tutto d’un tratto a Sampeyre si è scoperto di parlare come a Montpellier e a Tolosa… ma non è detto che la lingua occitanica non riaffermi un nuovo ruolo e non acquisti una nuova forza, che peraltro già ha in tantissimi luoghi al di qua e al di là delle Alpi.

Ringrazio Fausta per avermi regalato questa consapevolezza, che è andata di pari passo con la (mia, personale) scoperta di un patrimonio letterario inestimabile, quello della letteratura occitanica contemporanea che Fausta Garavini (grande scrittrice, critica e studiosa di questo tesoro - nonché la più autorevole traduttrice di Montaigne in Italia) ha riunito e tradotto in un numero della prestigiosa rivista Paragone. Si tratta di una raccolta di poesie e scritti che è al centro del documentario, insieme al ricordo personale di Robert Lafont, grande scrittore, poeta e intellettuale occitanico, compagno di vita di Fausta. Il titolo del documentario riprende il titolo di una sua poesia: “Lo sol poder es que de dire”. Non ci sono altri poteri, se non quello della parola, del dire. Forse il più grande insegnamento della lingua occitanica alla civiltà europea e al mondo tutto.

Da oggi la Chambra d’Oc ha deciso di pubblicare il video online, sono ormai trascorsi due anni e mezzo dalla prima proiezione in occasione del Premio Ostana 2016, il documentario ha avuto diverse proiezioni sul territorio e soprattutto è stato visto in 18 città riunite nella rete “Mostra del Cinema Occitan”, per cui è giunto il momento che ognuno possa vedersi il video a casa, davanti al pc, su una poltrona, su un divano, o perché no? Nelle scuole, il primo dei luoghi in cui va coltivato “lo poder de dire”, specie di questi tempi in cui la parola è sempre più maltrattata e abusata da chi, in un modo o nell’altro, esercita dei poteri.

La lingua d’oc (poesia di Robert Lafont)

Dire è il solo potere.

Dire dolce: un ragno

pettina il sole

sul ponte dell’alba.

Dire duro: la montagna

è un frutto amaro

che allega le sorgenti.

Dire largo: il mare

ha posato le mani

sulle spalle del mondo.

Dire amico: il vetrice.

La mia lingua mi sta davanti

nuda come una fanciulla.

occitan

Quora qualque jorn fa Ines m’a demandat d’escriure sal documentari “Lo sol poder es que de dire” – un’entrevista a Fausta Garavini que ai realizat dins sa maison florentina – ai súbit pensat a una frasa, e aquela frasa es emerjua chasque bòt que ai penat an aquel video e al besonh d’escriure qualque riga sus aquò.

Lo futur es imperscrutable”: son aquestas las paraulas de Fausta que an continuat a redondar dins ma tèsta entre un pensier e l’autre. De per se (m’excusarè Fausta!) la proposicion poleria resultar ren masque vera, mas bèla banala, retòrica. Mas ental documentari es tot autre que banala, perqué de fach es la con clusion d’un rasonament a propaus d’las lengas minoritàrias, en dificultat se ren en via d’extinccion. Fausta sosten que dins nòstre mond son tantas las lengas mòrtas, avalias per una rason o un l’autra. Per empedir lo procès d’extincion de la lenga occitana second ilhe chal pas masque un grand esfòrç de volontat, mas decò la fòrça d’las institucions. Mas un pòl pas pèrder l’esperança perqué pas ren pòl èsser donat per escomptat, sustot quora lhi procès son socials, culturals, estòrics. E es an aquel moment dal documentari que Fausta cònta un episòdi pichòt, mas significatiu, tan significatiu qu’es difícil restar indiferents a çò que es, a çò que representa. Cònta Fausta:

Recòrdo sempre una letra de Mistral a Roumanille, quora Roumanille era a fabricar Li Prouvençalo, un’antologia de literatura e de poesia provençala. Mistral lhi escriu una letra en disent que devia aquel o aquel poeta o aquel’ autre perqué “chal pas laissar ren defòra perqué aquesta serè la darriera corona de la lenga dal Metzjorn”. Donca Mistral e Roumanille avion una consciença d’èsser lhi darriers, que lhi auria pas pus ren après… e es istat tot lo contrari. Abo aquò... justament... lo futur es imperscrutable”.

Sai pas quora sie istaa escricha la letra. L’ntologia data lo 1852. Saubem tuchi coma es anaa: aquela es pas istaa la darriera corona de la lenga dal Metzjorn, de la lenga occitana, o “occitanica”, coma preferís dir Fausta. Encuei la mesma lenga pòl atraversar un moment menc aürós d’aquel di temps de Mistra, o di ans ’70, quora nòstras valadas an viscut un reflorir de la lenga ren masque parlaa, mas bèla escricha, quora esquasi tot d’un crep a Sampeyre s’es d’escubèrt de parlar coma a Montpellier e a Tolosa... mas es pas dich que la lenga occitana torne pas afermar un nòu ròtle e prene pas una nòva fòrça, que de mai ajá dins un baron de luecs d’aiçai e d’ailai d’las Alps.

Remercio Fausta per m’aver regalat aquela consciença, qu’es anaa ensem a la descubèrta (mia personala) d’un patrimòni literari inestimable, aquel de la literatura occitana contemporànea que Fausta Garavini (granda escriveira, crítica e estudiosa d’aqueste tesòr, en mai que la pus influenta traductritz de Montaigne en Itàlia) a rechampat e revirat dins un numre de la prestigiosa revista Paragone. Se tracta d’un recuelh de poesias e d’escrichs qu’es al centre dal documentari, abo lo recòrd personal de Robert Lafont, grand escriveire, poèta e intellectual occitan, companh de vita de Fausta. Lo títol dal documentari repren aquel d’una sia poesia: “Lo sol poder es que de dire”. Lhi a pas d’autri poders, se ren aquel de la paraula, dal dir. Benlèu lo pus grand ensenhament de la lenga occitana a la civiltat europea e al mond entier.

Da encuei la Chambra d’òc a decidat de publicar lo video online, d’aüra en anant son passats dui ans e metz da la premiera projeccion en ocasion dal Prèmi Ostana 2016, lo documentari a agut divèrsas pojeccion e sobretot es istat vist dins 18 vilas reünias dins la ret “Mostra del Cinema Occitan”, pr’aquò es arribat lo moment que chascun pòle se beicar lo video a maison, derant lp pc, sus una poltrona, sus un divan, o perqué pas? Dins las escòlas, lo premier di luecs ente vai cultivat “lo poder de dire”, sustot dins aquesti temps ente la paraula es totjorn pus maltractaa e abusaa da qui, d’un biais o l’autre, exèrcita de poers.

La lenga d’òc (poesia de Robert Lafont)

Lo sol poder es que de dire.

Dire doç: un’aranha

penchena lo solèu

sus lo pont de l’aubeta.

Dire fèr: la montanha

es una frucha amara

qu’enteriga lei sòrgas.

Dire larg: la marina

a pausat sei doas mans

sus l’esquinau dau mond.

Dire amic: l’amarina.

Ma lenga es davant ieu

Nusa coma una dròlla.