Chambra d'Òc    Manifestazioni Eventi e Novità

invia mail   print document in pdf format

Manifestazioni Eventi e Novità

Un ricco programma culturale e artistico ad Oulx sabato 6 ottobre per la settima giornata delle minoranze linguistiche storiche

Un ric programa cultural e artístic a Ols sande 6 per la setena Jornada d’las Minoranças Linguísticas Istòricas

7° Giornata delle Minoranze Linguistiche Storiche

Un ricco programma culturale e artistico ad Oulx sabato 6 ottobre per la settima giornata delle minoranze linguistiche storiche
italiano

La Giornata delle minoranze linguistiche storiche che si tiene ad Oulx sabato 6 ottobre è giunta alla sua settima edizione. Il programma di quest’anno è molto ricco e denso di novità. Inizia la mattina con un’antemprima di “Calendal: la storia di un semplice pescatore”, una creazione originale ispirata all’opera di Frédéric Mistral, ideata da Simone Lombardo eseguita dal gruppo La Ramà, che verrà poi replicata la sera in “prima “ alle ore 21.Dunque la mattina una anteprima letteraria-teatral musicale per le scuole dell’Itituto Des Ambrois , dove poi prosegue dalle ore 15,30 con un pomeriggio culturale.

La maestra Giovanna Jayme, ben conosciuta in valle per altri suoi importanti lavori in campo culturale, presenterà attraverso un colloquio con Evelina Bertero il libro, composto da 22 novelle di Giovanni Boccaccio, tradotte nell’occitano di Oulx e edito da Chambra d’oc titolato “ BADINADDA, BOUFOUNADDA, ICHTOUARA TŖAJICCA DIN LOÛ COUNTE ËD BOCCACCIO”e, congiuntamente, verrà presentato il lavoro di documentazione orale attraverso la realizzazione di altrettanti video con lettura delle novelle da parte dell’autrice in lingua originale, sottotitolati in italiano e pubblicati on line su www.chambradoc.it.

Il programma della Giornata prosegue con la presentazione della traduzione in occitano e in francoprovenzale del libro di Jean Giono “L’uomo che piantava gli alberi”, edito nella collana PAPIROS che prevede anche le versioni in sardo, catalano algherese, tabarchino. Sarà Diego Corraine, giunto appositamente dalla Sardegna a presentare questo lavoro editoriale di rete. Una lettura incrociata in occitano, francoprovenzale e francese , accompagnata dai suoni de I Blu l’Azard farà apprezzare sia il contenuto che il lavoro di traduzione di quest’opera che è sempre più moderna e attuale nel suo significato.

Conclude la giornata una tavola rotonda coordinata da Matteo Rivoira, dell’Univesità di Torino, titolata “La nuova creazione nelle lingue occitana e francoprovenzale. Simone Lombardo, Andrea Fantino, I Blu l’Azard, Renato Sibille, Fredo Valla, Silvia Giordano porteranno la loro esperienza di loro realizzazioni nel campo della creazione artistica: musica, teatro, film. La nuova creazione è necessaria per tutte le lingua, ma è vitale per le lingue minoritarie. In questi anni molto è stato fatto in questo campo e attraverso la rassegna di Chantar l’uvèrn molte creazioni sono conosciute e apprezzate. Sarà l’occasione per incontrare oltre che personaggi storici come Fredo Valla e Renato Sibille una nuova generazione di trentenni che si affaccia alla riballta e che ci fa capire che un lavoro sulle lingue proseguirà anche in futuro.

Tutte queste attività sono frutto di un lavoro degli Sportelli linguistici che hanno il compito di valorizzare le lingue nell’ambito della L. 482/99 “Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche” , che fanno capo a una rete di Comuni occitani e francoprovenzali della Valle di Susa con capo-fila progettuale la Città Metropolitana di Torino. E’ prevista la partecipazione alla Giornata della consigliera delegata alle minoranze linguistiche storiche della Città Metropolitana Silvia Cossu.

occitan

La Jornada d’las Minoranças Linguísticas Istòricas que se ten a Ols sande 6 d’otobre es arribaa a sa setena edicion. Lo programa d’aquest an es ben ric e plen de novitats. Comença lo matin abo un’avant-premiera de “Calendal: l’istòria d’un simple peschaire”, una creacion originala inspiraa a l’òbra de Frederic Mistral ideaa da Simone Lombardo e sonaa dal grop La Ramà, que venerè puei replicaa lo sera “en premiera” a 21h00. An aquela avant-premiera literària teatral-musicala adreçaa a las escòlas de l’Institut Des Ambrois, seguirè, a partir da 15h00, un après-metzjorn cultural.

La magistra Giovanna Jayme, ben conoissua dins la valada per d’autri trabalhs importants ental champ cultural, presentarè a travèrs un collòqui abo Evelina Bertero lo libre, compausat da 22 novèlas de Giovanni Boccaccio reviraas dins l’occitan de Ols e editat da la Chambra d’òc, titolat Badinadda, boufounadda, ichtouara trajicca din loû conte ëd Boccaccio”; ensem an aquò venerè presentat lo trabalh de documentacion orala a travèrs la realizacion d’aitant de video abo una lectura de novèlas da part de l’autritz en lenga originala sostitolats en italian e publicats on-line sus www.chambradoc.it.

Lo programa de la jornada contínua abo la presentacion de la revirada en occitan e en francoprovençal dal libre de Jean Jono “L’òme que plantava d’àrbols”, editat dins la colana PAPIROS, que prevé decò las versions en sard, catalan, alguerés e tabarquin. Serè Diego Corraine, arribat exprès da la Sardenha a presentar aqueste trabalh editorial de ret. Una lectura encroseaa en occitan, francoprovençal e francés, acompanhaa dai sòns di Blu l’Azard, farè apreciar sia lo contengut que lo trabalh de traduccion d’aquesta òbra sempre pus modèrna e actuala dins son significat.

Sarra la jornada una taula reonda coordinaa da Matteo Rivoira, de l’Universitat de Turin titolaa “La nòva creacion en lenga occitana e francoprovençala”. Simone Lombardo, Andrea Fantino, i Blu l’Azard, Renato Sibille, Fredo Valla, Silvia Giordano contiarèn lor experiença de lors realizacions ental champ de la creacion artística: música, teatre, film. La nòva creacion es necessària per totas las lengas, mas es vitala per las lengas minoritàrias. Dins aquesti ans sus aquò es estat fach un baron de trabalh e a travèrs lo festenal Chantar l’Uvèrn ben de creacions son conoissuas e apreciaas. Serè l’ocasion per rescontrar, en mai que de personatges istòrics coma Fredo Valla e Renato Sibille, una nòva generacion de joves de trent’ans que se mostra sus la scèna e que nos fai comprene que un trabalh sus las lengas continuarè decò dins l’avenir.

Totas aquestas activitats son lo fruch dal trabalh di esportèls linguístics, que an lo dever de valorizar las lengas dins lo quadre de la lei 482/99 “Nòrmas a tutèla d’las minoranças linguísticas istòricas”, liats a una ret de Comunas occitanas e francoprovençalas de la Val dOls abo coma cap de fila projectual la Citat Metropolitana de Turin. Es prevista la partecipacion a la Jornada de la conselhiera delegaa a las minoranças linguísticas istòricas de la Ciutat Metropolitana Silvia Cossu.