Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Masino Anghilante - Poesie e canti

La preghiera del pastore

La preiera dal pastor

di Masino Anghilante

La preghiera del pastore
italiano Sulla montagna alta, alta
C’è una chiesa piccola, piccola
Tanto brutta e tanto vecchia
Che nessuno viene a pregare;
per altare una grossa ardesia,
con una croce intagliata nella pietra,
una Madonna che si dispera,
 ha il bambino tutto scostrato;
ma un pastorella con le sue quattro pecore
tutti i giorni viene a pregare,
mentre le pecore pascolano
sulla radura e fra i rovi:
“O Vergine  del cielo, Regina immacolata,
pietà del tuo pastore pietà,
io chiedo nessun tesoro,
voglio solo restare pastore
per tutti i giorni pregare il Redentore”.
occitan S’la montanha auta, auta,
lhi a na gleisa pichotina,
un pauc bruta e un pauc antica
que mai degun vien a pregar.
Per altar na gròssa lausa
bo na crotz talhaa ent la peira
na Madòna que s’dispera
a l’ Bambin tot descrostat.
Mas un pastor bo lhi sias quatr feas
tuchi lhi jorns vien a pregar
mentre lhi feas fan pastura
s’la radura e fra lhi ronciers

Ò Vèrgine dal cèl, Regina immaculaa
pietat dal tiu pastor, pietat
Mi chamo degun tesòr, vuelh masque restar pastor
per tuchi lhi jorns pregar lo Redentor.