Enti in rete L.482/99   

Maria Terziano ci parla dei mestieri di una volta

Maria Terziano i parle di mëstìë d’in col

Testo e Video a cura di Paola Vai

Maria Terziano ci parla dei mestieri di una volta
italiano Quasi tutti [gli abitanti di Mattie un tempo] facevano i contadini. Poi i margari, tutti avevano una mucca a casa, o due. Poi, sulla nostra montagna ci sono tante di quelle grange diroccate perché monticavano... dicevano meré ameun, magari prendevano solo 4 o 5 bestie e guadagnavano qualcosa. Ma la maggior parte lavorava la terra, qualcuno andava già in fabbrica (forse dopo, proprio dire quando hanno cominciato...), qualcuno già in ferrovia. Dopo è poi successo che non c’era più... I bambini, finita la scuola, andavano, ancora ai miei tempi, andavano da garzone negli alpeggi, d’estate, ad esempio al Moncenisio.
E altro, beh ma c’erano i fabbri, c’è una famiglia nel cortile qui vicino a me che è soprannominata “quelli del Fabbro”. Piantavano la canapa ed è rimasto il soprannome di quelli che lo facevano, però la tela la portavano a fare a Coazze. Però mi ricordo che la piantavano ancora ai tempi della guerra la canapa.
C’era il mulino e i mugnai, sarti e sartorie... Poi quando hanno aperto il cotonificio allora da qui andavano tutti in fabbrica, erano diventati tutti operai.
E poi gli zoccolai, facevano gli zoccoli, e c’è ancora il soprannome, dopo i cestai, quelli che facevano le ceste, le gerle di salice, perché le gerle fatte con le liste di castagno passava a venderle Michele di Giaveno. Era della Maddalena [borgata montana di Giaveno, capoluogo della Valle del Tauneri] e arrivava con quattro o cinque gerle una dentro l’altra, girava dappertutto e le vendeva, le gerle fatte con le liste di castagno, non quelle fatte con i salici.
Poi c’era anche, un momento, c’erano anche quelli del Tessitore e arrivavano da Coazze e filavano la canapa. Gli antenati di mia nonna arrivavano da Coazze e Giletti, nella stalla, ho dormito fino a 10 anni nella stalla d’inverno, c’erano due grossi buchi e mia nonna diceva che tenevano i bastoni per filare la canapa, perché la cardavano. Poi un altro soprannome era quello del Britióou [“colui che pettina la canapa”], ai Giordani, i gemelli, perché le spazzole di ferro servivano per pettinare la canapa...
Ecco si sono conservati dei soprannomi proprio legati al mestiere che facevano una volta. Dopo è poi sparito tutto. Ma c’erano anche i forni dove facevano il pane, diciamo che qui erano tutti fornai perché tutti lo facevano... loro facevano il lievito madre e dopo facevano il pane. Comunque, c’era il forno ai Giodani, al Vallone e anche qui (Gillo).
Un tempo avevamo tutti una mucca e il raccolto più grosso era dato dalle castagne. Tanto è vero che io, i miei avevano una bottega e vendevano anche caffaro e zolfo per le viti, ma non tutti avevano i soldi per pagare e allora con le prime castagne venivano a pagare. I più poveri erano i più onesti. Erano una ricchezza [le castagne]... Beh le patate le mangiavamo perché non c’era altro e poi ne vendevamo anche un po’. E poi una cosa caratteristica di Mattie erano i fagioli. Si faceva anche la festa dei fagioli in occasione della festa patronale, il 16 settembre San Cornelio e San Cipriano, che era chiamata la festa dei fagioli perché era proprio il massimo. Mi ricordo, c’erano dei terreni chiamati “Le sanhes”, terreni umidi e venivano lunghi così. Passavano i carri a comprare i fagioli già sgranati e messi nei sacchi, e venivano anche da Giaveno, mi ricordo che erano in due con un carretto e venivano a comprare i fagioli. Era proprio una festa tradizionale, infatti, non si chiamava festa patronale in patois, bensì festa dei fagioli.
franco-provenzale Gran part li countadin. Peui li bërgì, touìti avioun ina vacha din mëzeun o doùës. Pre, dësoù notra mountanha a i ét tante dë slë grènge diroccate que merielàvoun... dizìoun meré ameun, magara përnioun mac catro o sin bétiës e ganhàvoun carcarën. Ma gran part i travaiavoun la téra, carcun alàvoun ja ala fàbrica (forse pres, propi dir canque é propi coumansà...), carcun ja in ferouvia. Pre é peui vnu que i éret pi... però me... Li bocha, finì l’ecola i alàvoun, acoù a mi tèin, i alàvoun da garseun da di bërgì dë choutènh tout isé amoun, a Mounsenis. E d’aoutro, bè ma i éret ja de farî, difatti ét la court li isè tacà dë me, si dou Farî. I plantàvoun lou chënëvoul e a restàit lë soupranom dë sitti qu’i fezioun, però la tèila la pourtàvoun far a Couvàsës. Però i më n’avizou me qu’i plantàvount acoura ou tèin da gouèra lou chënëvoul, la canapa.

Evian lou mulin nos a i éret lou mulinî e pre de sartoû, ëd sartourirës... d’aoutri mëstìë a Màtiës... peui canque l’an druvì lou cotonificio alora iquié alàvoun tuti ala fàbrica, i éroun toutës fabricantës.
A peui lou sëpounì, fazìoun li seupën, li sëpounì, i ét acoù lë stranom, prèz si di cavanhé, si qu’i fezioun li cavanh, le garbisse, perqué li garbën a pasàvet Miquél da Javën a vandeiou. Da Madalèina e aloura quièl arivava coun couat o sinc cabase una ansima l’aouta, ou virave dapertout a vande li garbeun, sitti que soun a strishës, pa la garbisa dë sali, dë ven.
Apré a i éret asé, moumént, a i éret asé si dou Tissot e arivàvoun da Couvasës e filavano la canapa ma nona d i soun na, te diou que arivàvoun da Couvasës mi antenati e Gilat, din soun eitrablo, ma nona, mi éi drumì fin a diz an din l’eitrablo d’invern, a i éret duì pertus gro parei e dezît qu’iquì a i éret li bateun, qu’a teni li bateun për filé lou chënëvoul, përqué i lou cardàvoun. Peui n’aoutro stranom si dou Britióou, li Jourdan, i gemelli, përqué le brë'tieus son delle spazzole que spasoulàvoun për filé la... ecco èt istaie acoù si [stranom] propi groupà a si mëstìë que fezìoun in col. Apré é peui sparì tout. Ma apré i éret i fouórn dounc ou fezioun lou pän, ma iquì i éroun touì fournì perqué eian touti ël mari a farlo... lour i fezioun il lievito, l’alvóra e apré i fezioun lou pän, comouncoue i ér li fouórn i Jourdan, a i éret to li Valeun, a i ér to isè.
I avioun tuti ina vacha e lou pi gros i ér le chatinheus, tant é vèi que me, li meui avioun la butià e vandioun asé lou caffaro, lou sorfro, sën qu’a së dounàt al vizeùs, ma pa touit que avioun li sordi për pagué, tan di mac ël chatinheus, ël prumìë chatinheus i venioun pagué. Li pi povrë i éroun li pi ounést. A i éret la riquëssa... bè ël tartiflës ël minjavou asé no perqué a i éret pa d’aoutro, pre na vandioun asé. Apré na coza ëd Màtiës carateristica dizeun a i éret li fezeul. Isè i s’é fèt anque la féta di fezeul, la festa patronale 16 settembre San Cornelio Cipriano i mandà la féta di fezeul përqué a i éret propi lou màssim. Mi më n’avéizou, a i é dë terèin, sanha, umido, e i vënioun loun paréi. Li i pasàvoun li carteun a chitéiës, li fezeul peui an grana qu’i éroun din li sac, e vënioun anque da Javën, më n’avéizou qu’éroun an duì avù in charët e vënioun a chité li fezeul. A i ér propi na choza, difatti la féta di fezeul për tradisioun, e pa peui féta patrounal an patouà, féta di fezeul a i éret.