Enti in rete L.482/99   

Su per la collina “Cresto dei Cu”

Ameun p’lou Créet di Coou

Canzone della tradizione popolare di Mattie, proposta in occasione della seconda edizione di Tsant’an Tsamin (Canta in cammino) - 15 maggio 2011.

Su per la collina “Cresto dei Cu”
italiano Su per il “Cresto dei Cu”
Le piante di patate sono già fiorite
Andare a trovare le ragazze
Fa drizzar le orecchie (è eccitante)

Su per il “Cresto dei Cu”
M’han portato a passeggiare
M’han portato sull’altalena
...Pensavo di morire

E là dietro una roccia
Ho trovato una capra morta
Le ho tagliato le orecchie
Per farmi un paio di stringhe

Andavo al mercato
Me ne è successa una bella:
Ho trovato una ragazza
Né bella né brutta
Pareva una donna...

Sarei ben contento
Di trovarmi una morosa
Ma tutte le persone
Che ficcano il naso
Ne capiscon nulla

E i tanti mocciosi
Che si immischiano della mia tassa (sul celibato)
Quando han da pagar loro
Fanno come i tacchini
Spalancano la boccaccia

Su e giù per la “Via dei Bossi”
Correvo scalzo
Portavo il concime
Mi sono piantato una spina

Sigu sigu sigu sagu
È arrivato il mago mentre cantavo
“mago vai via, lasciami cantare!”:

“Buona sera ragazze canterine
Siamo al mese di Febbraio
I gatti vanno a far l’amore
Su per il Campo Piano”

franco-provenzale

Ameun p’lou Créet di Coou
Lë tartifleus soun jà flurieus
Alé trouvé lë fieus
A fat dërsée lës ourieus

Ameun p’lou Créet di Coou
Mënamë përmëné
Mënamë s’lou biantoou
...Peinsavou dë querpé!

E lae darì na rocha
I’ée trouvà na civra morta
Taiai lës ourieus
Për farm’in parée d’courièus

An alan aou marchà
A’iat arivamnën una bla:
I’ée trouvà na fiia
Pa ni bëla ni brutà
A sëiavët ‘a fuméla...

E sarioù benh countant
Dë trouvemë un’epousa
Ma toutë lë jan
Que fichoun lou nas
Na capéesoun na bousa

E li tanti mourvëlous
Quë s’anméeloun dë ma tasa
Quanquë i’an da pagué lour
E fan quëmë li peitou,
I’espalancoun la guanasa

Amoun aval për la “Vià di Bosu”
Courioù dechaous
Pourtavou lou iam
Plantam’in bosu

Sigou sigou sigou sagou
‘rivai lou magou mentre chantavou
“magou vae vià, lèsëmë chanté!”:

“Bou-na seira vioire
E seunës ou mées ‘d Feuvrì
Li chat e van ou vérou
Ameun p’lou Cham’Planì”.