Enti in rete L.482/99   

Mattie

Matiës

Mattie
italiano

Mattie è un piccolo paese della Media Valle di Susa, che conta poco più di 700 abitanti e che si trova a circa 50 km da Torino. Situato a mezza costa, su un altopiano che si estende alle pendici del massiccio montuoso dell’Orsiera-Rocciavré, il comune occupa una superficie di 27,72 km² ed è articolato in una serie di frazioni sparse lungo il versante orografico destro della valle. Il territorio è delimitato a sud dalle alte cime del Monte Roccanera (2852 m s.l.m.), di Punta Mezzodì (2777 m s.l.m.) e dell’Orsiera, che con i suoi 2890 m di quota rappresenta la vetta più alta del gruppo; a nord dalla soleggiata collina di Cret di Coou; a est e a ovest rispettivamente dai solchi dei torrenti Gerardo e Scaglione. Spostandosi da est verso ovest, il primo abitato che si raggiunge è le Combe, superato il quale s’incontrano le frazioni di Giordani, Gillo, che ospita il municipio, le scuole e i servizi principali, Menolzio, Piccole Tanze, Grandi Tanze e Vallone. Ciascuna frazione è a sua volta suddivisa in diversi abitati, molti dei quali prendono la loro denominazione dai nomi delle famiglie che in passato li fondarono e occuparono. Pare che questi toponimi abbiano origini medievali e derivino dal nome delle famiglie cui venivano concessi in enfiteusi (dal signore locale) i vari terreni da coltivare, sui quali conservavano il diritto di affitto (e di abitazione) anche i discendenti. Molte denominazioni rispecchiano ancora dei cognomi attuali e ne offrono un esempio le borgate di Aghetti, Ainardi, Bruni, Riffero; altri nuclei invece derivano da antichi casati estinti, risalenti in generale ai secoli XV/XVI, quali ad esempio Chiarmassi (dal casato Chalmacius), Duranda (dal casato Durandus) e Pautassi (dal casato Pauctacius).
Al centro degli insediamenti, infine, si erge isolata e dominante, su un’altura panoramica, la chiesa parrocchiale dei Santi Cornelio e Cipriano.
L’insediamento d Mattie ha origini assai antiche, come mostrano i diversi reperti ascrivibili al periodo neolitico rinvenuti principalmente nei pressi di Grandi Tanze e le incisioni rupestri coppelliformi della Pira Crëvoulà, ubicata poco più a monte dell’abitato di Menolzio, ove il ritrovamento di un’urna funeraria ha portato a ipotizzare la presenza di un insediamento romano. Il toponimo, attestato con certezza dall’XI secolo (con la forma Maticis e successive varianti Mathiis, Mathiarum), deriverebbe dall’antroponimo *Matticus, derivato da Mattius, personale latino, con il valore di ‘(fondo) appartenente alla famiglia dei Mattii’ (1).
Il patrimonio linguistico di Mattie è caratterizzato dalla compresenza della parlata francoprovenzale, del piemontese e dell’italiano. Queste ultime due lingue si sono imposte come codici comunicativi di maggior prestigio con l’avvento del progresso, come conseguenza degli interventi di scolarizzazione, dello sviluppo industriale di Bussoleno e Susa, della costruzione della linea ferroviaria (Torino-Bardonecchia, con il deposito a Bussoleno) e dell’emigrazione verso il fondovalle. Queste trasformazioni socio-economiche hanno comportato per il dialetto locale una forte contaminazione e la graduale perdita di vitalità. Esso, infatti, è oggi utilizzato esclusivamente dalle persone anziane nella comunicazione in ambito famigliare.


(1) Riferimenti in Ivi, p. 385.

Matiës it in pechit paì de Mèza Val Suza, qu’ou couinte, a pou pré, plu de 700 abitòn è que se trove a cazi 50 Km da Turin. Bità a meza cota, sut in pianoro qu’ou vèit su li flòn de la mountanha Orsiera–Rocciavré, lou coumun oucuppe inna estensioun de 27,72 Km couadrà e ou l’at inna serie de frasioun spatarà lounc lou versòn orografic dràt de la valada. Lou territori ou andicà, a mezjorn, da le ooute simme de la Mountanha Rochaneira (2852 m s.l.m.), de Pouinta Mezjorn (2777 m s.l.m.) è de l’Oursira que, avéi si 2890 m d’aoutessa, i la pouinta pì oouta du grup; a mezanouèit da la coulinna ansouleià de Cret di Coou; a matin è a vepro rispetivament da le trase di tourent Gerard è Scalhoun. Meironse da matin vers de vepro, la premiéra bourjà que trouvèn ì lë Cömbës è apré trouvèn le frasioun di Jourdăn, Géilou andounque i soun lou mounichipio, lez éicole è li princhipal servissi, Mënous, Pëchëitë Tansës, Grantë Tansës è Valön. Onhi frasioun it, à soun col, partajà an diversi grup de meizoun, è in baroun de lour i pilhoun lou nò da li nò de le famelhe que, an passà, l’on foundali è ocupali. Smilhe que si nò isì l’avisoun de origini medioevale è derivisoun da lou nò de famelhe, ale cale ieroun dounà an enfiteusi (da lou sinhouròt dou post) li vari terén da travalhé è, su seutti, onca li dishendent counservavoun li drat d’afité è de itéye.
In baroun de nò l’on incò li counhom de varra è i soun, in esemplo, le bourjà di Aguët, Enart, Breunh, Rifé. Anveche, d’ooutri post derivoun da vielhe meizoun noble estinguse, qu’i rimountoun, an général, a li secoul quinziéimo e seziéimo, coumme, per ezempio, Charmass da lou cazat de Chalmacius, Durăndă da lou cazat de Durandus è Paoutàss, da lou cazat de Pautacius.
Aou mès de le meizoun, izoulà è douminonta, sut inna auturra panoramica, se trove l’ingléiza parroquiala di Sent Cornelio e Cipriano. L’ansediament de Matiës l’at de origini in baroun vielhe, coumme se vèit da de difrént rèst pout éise dou periodo neolitic, trouvà princhipalment tacà le Grantë Tansës è le inchizioun de le roche a coupèle de la Pira Crëvoulà, bità in poc plut amoun de la frasioun de Mënous, andounque t’ità trouvà in urna da sementeurio è sèn a féit pensé à la prezensa d’in ansediament roumon. Lou nò, èicrit sicurament din lou oundichezim secoul (avéi la forma Maticis è apré avei le varionte Mathiis, Mathiarum), deriverìt da lou antrouponim *Matticus, derivà da Mattius, persounal latin coumme valoù de ‘(found) qu’ou l’èt de la famelha di Matii’ (1). Lou patrimoni lingouistic de Matiës ou caraterizà da la coumprezensa de la parlada francoprouvensal, dou piemountéis è de l’italiòn. Se dariére lengue isì l’on ampounouse, coumme couminicasioun de plut d’ampourtonsa, corra t’arivaye lou prougrèss, coumme counsegouensa de li antervent per lez éicole, de lou svilupp andustrial de Basoulen è Suza, da la coustrusioun dou chumin de fèr (Turin – Bardonecchia avéi lou depozit a Basoulen) è de l’imigrasioun vers lou foun de la valada.
Sette trasfourmasioun socho-economique l’on fèit si que lou dialèt dou post venise countaminà avéi inna perdita graduala de vitalità. An efèit, incouèi, out’utilizà cazi maque da li vielh per parlé an famelha.


(1)Riferimént din Dizionario di toponomastica, cit., pag.385.