Enti in rete L.482/99   

Enrichetta Vottero racconta delle attività svolte un tempo al Tour

Enrichetta Vottero spiégue seun qu’i fezioun moun ai Tur

di Paola Vai

Enrichetta Vottero racconta delle attività svolte un tempo al Tour
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Beh [al Tour, nella malga in alpeggio], vendevamo il latte con il caffè, c’era un “quadro”, un’insegna con scritto “Vendita di vino, caffè latte”, c’è ancora adesso... E poi arrivava la gente, non c’era ancora la strada, la strada come adesso, tanti passavano da... scendevano dal treno a Bussoleno, venivano su a Foresto, poi prendevano su per l’Orrido, e arrivavano al Tour. Poi arrivavano a tutte le ore, anche della notte, tan tan sulla porta, bisognava andare ad aprire. E poi magari bisognava far bollire il latte, fare il caffè, e non avevamo mica il gas come adesso. Accendi il fuoco, poi se il latte versava, vuuuuuu tutta la cenere... [ride].
Gli alpinisti... Allora li chiamavamo i madonnini [andavano al Rocciamelone].

E a venire giù a fare i lavori qui, in primavera, c’era un sacco di lavori qui, un po’ le patate, un po’ l’uva e un po’ i prati. Dopo tornavamo su, sempre su a soma, sul mulo, perché la strada non c’era. Alle volte passavamo su dritti da qui. Invece altre volte andavamo fino a Pampalù con il carro, poi andavamo carichi poi magari tornavamo un’altra volta in qua per prendere altra roba.
Più tardi vendevamo anche un po’ di vino, vendevamo poi già della birra, della gazzosa, la strada arrivava poi già un po’ più avanti. Poi lasciavano me a controllare che nessuno prendesse le bottiglie. E qualcuno... – Guarda, guarda, guarda e io guardavo e... e prendevano le bottiglie... [ride] Era proprio ben controllato. Ma io non mi accorgevo, me ne accorgevo dopo che l’avevano fatto, io non ho mai visto.

Io sono andata nove anni su a pascolar le mucche, e poi è morto mio papà e...
Allora andavamo una volta io e una volta mia sorella su al Tour. E ai tempi dei partigiani andava solo mia sorella su in alto, io stavo qui con mia mamma, perché dovevamo lavorare la campagna che avevamo, facevamo un po’ di grano, un po’ di patate e poi avevamo le mucche, avevamo le mucche, il latte, che facevamo un po’ di tome e un po’ di burro. Mia mamma vendeva un po’ di burro e di formaggio e compravamo riso, zucchero, zucchero, non mi ricordavo [il nome in dialetto]. Poi prendevamo un po’ di fagioli, li facevamo tostare, erano adatti per fare il caffè, mia mamma li macinava. Oh mia mamma ci avrebbe tenuto molto ad avere un po’ di caffè, e... era tutta borsa nera, non avevamo soldi, avevamo un po’ di roba così. Eh il caffè era difficile trovarlo, per noi che non avevamo soldi.

franco-provenzale Bè, vendiàn dë lèt avù lou cafèi, cafè, i avàt in couader, couma së dit, in couader i avat scrit: “Vendita di vino, caffè latte”, i ét incò ourà... E apè arvàvount li dzan, i avat pa ncoù lou tsëmin, tsëmin com oourà, pasiàn tanti da... calàoun dou tréno da Bahoulén, vëniàn a moun a Forét, peui chapavoun su për l’Orrido, arviàn ou Tur. Apè arvian a toute ure, le ure d neut, tan tan la porta, a ventàvët vni dërvì. Apè magari a ventàvët a far boulhir lou lèt, a far lou cafè, a j’an pa lou gas e, quëm ourà. Vicha lou fuva, apè se lou lèt vërsavët, vuuuuu tou la hindre...[ride].
Gli alpinisti... Alura i l’ mandan i madounin.

E a vni a val fe li travalh ihì, dë primavera, i an n baroun de travalhi ihì, in blëc le tartifle, in po i rezin e in po i pra. Apé tournàout amoun, sémpe a moun a soumà, su lou mul perqué lou tsëmin i ér pa co. Pasaou a moun drèit di col di hè. Invéche carque col alàout fin a Pampalù avù lou cartoun, apè alàout carià pe magara tournàout d’ooute col in hà, in hè për plèlh l’aoutra roba.
Apè a vandiàn in blëc dë vin, no vandiàn, ian ja vnu a vandra dë bira a d’ gazeus, pe lou tsëmin i ér ja in blëc pi avanti, avanti. Apé më lasàvou me a gardè que lasiàn pa plelh ël boute. A carquedin, verda, verda, verda e me gouardavo e...plaou le boute e i portavou vià... [ride] I ér bin gardà. Ma me g’é mai scourzumne i arzumiou dopou, aprè que feziàn parìa, me g’é mai vît.

Io sono andata nove anni su a pascolar le mucche, e poi è morto mio papà e...
Allora alàvoun in blëc me e in blëc ma souèra a moun li Tur. E i téin di partijan i alàvat pi ma souèra li in oout, mi sioun sì avù mia mari, perqué deviàn travalhèr in blëc la campanha que g’ian, feziàn in blëc dë gran, n blëc d tartifle e peui g’ian ël vache, g’ian le vache, g’ian lou lèt, que feziàn in blëc dë toumma e n blëc dë bouéro. Apè ma mare dounavët vià n blëc de bouéro, n blëc de toume, a piaou ëd ril ou... dë hìquiro, a de hìquiro hìquiro na ricourdavou pa pi [del nome in dialetto]. A aloura piaout n blëc dë fëzùva, i fëzèt n blë bruzatè, siàn aposta per hën a far cafè, peu i mulinavët o ma mari l’avrì tenuie in blëc alou cafè, eh... ér toutta borsa néra g’ian pa de sordi, gë n’ian n blëc dë roba parìa. Eh cafè i érët in po difìchil a trouéne për no que g’ian pa d’ sordi.