Enti in rete L.482/99   

Il patois di Novalesa - Intervista a Matteo Ghiotto

Matteo Ghiotto ou descrit lo patouè de Noualèize

di Paola Vai

Il patois di Novalesa - Intervista a Matteo Ghiotto
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO

Il patois di Novalesa è molto simile alle parlate della Maurienne, allora è... diciamo molto di più Lanslevillard, Lanslebourg un po’, Termignon, Bessans, Bonneval-sur-Arc sono così. Diversamente a Giaglione, Gravere cambia già un po’ di più. Quando vado in Francia e c’è qualcuno che lo parla, noi parliamo solo patois. Fosse già, fosse più lontano, a Chambery, si capisce abbastanza.
Come... diciamo le sfumature della lingua, a Novalesa abbiamo l’aspirazione, abbiamo l’H, che è usata in sostituzione della S o di altre lettere, per esempio abbiamo testa o festa, abbiamo all’inizio della parola cenere, cera, civetta, cena, zecca, cento, quello, questo, latte. E poi in più a Novalesa con... Bruzolo dico, ci sono solo due paesi nella vallata in cui c’è la Ŗ francese, un po’ di più della ŗ francese. Fosse a Venaus non la conoscono, a Giaglione nemmeno perché non hanno questo nostro suono, però loro hanno conservato un altro suono la Ř, che è un suono che si trova al posto della ŗ. E poi fosse a Venaus e a Giaglione hanno conservato la S del plurale, che noi non abbiamo.
Perché Novalesa bisogna dire che in passato è stato un paese ai piedi del Moncenisio dove c’era molta gente, molto passaggio e quando arrivavano con i cavalli e con le diligenze stazionavano qui, e stazionavano per diversi giorni. La gente del villaggio ha dovuto imparare altre lingue e a causa di questo il patois si è un po’ mischiato. Non contaminato, perché noi abbiamo dei nomi arcaici che a Venaus non ci sono più e dipende. Ma poi bisogna dire che fino al 1802 Novalesa ha avuto il passaggio, da quel momento in poi per due secoli non ha più avuto la strada (per la Francia). E allora non salivano più da lì per il Moncenisio e la comunità di Novalesa è rimasta diciamo più isolata e il patois si è conservato meglio.

franco-provenzale Lou patouà ëd Noualéizë ou l’et ina vŗiå' samblablo a tout pili langadzou dëla Moŗienn, alouŗa et... dëzén plu quét Vëleŗ, Lëmboŗc taspò, Tŗamion, Bësån, Bonåvål sèn butà paŗì. Tŗamën Dzalhoun, Gravére i tsånge dzå taspò ‘d plu. E can quë dë vaou an Franhë e i a caŗcun que ou-z-ou paŗle, dë parlén ŗinc patouà. Sis dzå, sis plu louénh, a Tsamberì, i së coumprënt aseù.
Coume... dëzéin lë nuànhë de la léinga, a Noualéizë d’éin l’aspiŗashon, d’éin la Hë, quë lhë soŗt taspò dantŗë tot an soustitushoun d’ina Së ou d’otŗe lëttŗë' pŗë ezémpio d’éin téha ou féha, d’éin ou coumahéi dla paŗola héindŗë, hiŗë, hëvëtta', héina, hëcca', hèn, hèl, hèt, lahèl. E apé an plu a Noualéizë avò... Brezeul ou jount, lh’a ŗinc beu viladzo din la valada antéc i et lon la Ŗ fŗanzéza, taspò plu quë ŗ fŗanzéza. Sis a Vënò ou la cunusou pa, a Jalhoun nhånca pŗëquié qu’ou jount ou l’on an pa dë nouŗo soun i l’on tënù in outŗo soun quë e la Ř, et in soun qu’ou së tŗouvét ou bié dë la ŗ. E apé sis a Vënò e a Dzalhoun ou l’on tënù lou S dou pluŗal, quë no dë l’aìn pa.
Pŗëquié quë a Noualéizë il fo diŗë quë din li téin ou e itià in paì ou piò dë Mouhnì ntec i avé biën dou mondo, biën dë pasadzo e cån qu’ou l’arvavou avò li tsëvål e avò lë délizhansë ou së plantavou e ou së plantavou sëmpŗe biën dë dzoŗt. Le gen dou viladzo i a foulù ampŗéindŗë d’otŗi langadzo e pŗë mou dë hën lou patouà ou s’ét taspò plu mëhià. Jo pa hëmbaŗdì pŗëquié quë no n’èn dë nom vieùi quë a Vënò ou l’on pa me e dëpënt. Ma pé il fo diŗë quë téin qu’ou mileoiuhénebeu Noualéizë ou l’at avoù lou pasadzou d’iquieù inën pŗë beu shiéclou ou l’on pa me avoù lou tsëmin ou ità blouhiò. E alouŗa ou mountavou pa me dou Mouhnì la coumounità ëd Noualéizë i et iaia dëzéin plu izoulaia e lou patouà ou s’e vaŗdà mioù.