Enti in rete L.482/99   

Intervista a Matteo Ghiotto - Novalesa

Matteo Ghiotto ou parle de lloueu mémo

Intervista a Matteo Ghiotto - Novalesa
TRADUZIONE IN ITALIANO

Buona sera, mi chiamo Matteo Ghiotto e sono di Novalesa. Sono nato il 19 giugno 1984, adesso ho 27 anni. Lavoro a Oulx, qui ci troviamo presso l’Ufficio del Turismo e tutti i giorno vengo qui e la sera scendo a Novalesa. A Novalesa ci sono mio padre e mia madre, in più ho una sorella che è sposata, ha due bambini, già grandini. Anche mia sorella vive a Novalesa con un ragazzo del posto. Novalesa è paese che dista 8 km da Susa e è un paese molto conosciuto per la sua Abbazia del 726, dell’VIII secolo.
Io ho sempre vissuto a Novalesa, da quando ero bambino, poi sono cresciuto, ho fatto i miei studi a Susa, poi sono venuto (alle superiori) a Oulx. Quando è stato necessario decidere se andare a Torino, sono poi andato all’Università a valle e ho fatto i tre anni del primo corso e i due di specializzazione proprio sulla lingua.
Durante l’anno collaboro anche con la direzione scolastica di Susa e vado nelle scuole del circondario di Susa, Giaglione, Novalesa, Venaus e Chiomonte a insegnare il patois, soprattutto a insegnare a scrivere il patois più che a parlarlo.
Allora, noi parliamo, gli anziani dicono, nostra moda. Si parla nostra moda e sono rimasto solo io dei giovani che lo sanno, c’è ancora qualcuno di cinquant’anni e gli anziani. Diversamente non c’è più nessuno. Il patois di Novalesa, nostra moda, è parlato da circa 100, 110 persone ancora, non più di questo e diciamo che io l’ho imparato che avevo già 7/8 anni, perché quando sono nato mi hanno insegnato l’italiano, poi è successo che vivendo con mio nonno e mia nonna, sentivo sempre il patois e ho iniziato un po’ per volta a chiedere il nome di questo o quello, di una cosa, di un mobile... e da lì in avanti ho cominciato a parlarlo. Ho cominciato a parlarlo, ho cominciato a scriverlo e a usarlo ultimamente per comporre poesie... ho vinto un premio giusto una settimana fa...

franco-provenzale Boun véfŗo, më dë séi a noum Matteo Ghiotto e dë séi dë Noualéizë. Dë séi neissù li 19 (diznò) dë zuènh 1984 (milenohèneouitantecatrë), d’e 27 (vëntesét) ën aŗŗò. Dë tŗavalho a Ouls, ieù dë no trouvéin din l’Ouffisho dë Tourizmo dë Ouls e pi li dzoŗt daboŗ dë vénou ieù e lou véfŗo dë dëséindo a Noualéizë. A Noualéizë d’é moun paŗë e ma maŗë e an plu d’éi na souéŗa qu’i ët maŗiaia, i l’a beu gaŗsoun, dzå gŗåntinot. Ma souéŗa lhë vit asseù lhë a Noualéizë avò in omó dou viladzo. Noualéizë et in paì a 8 (ouit) quilométrë dë Suzë e et in paì ina vŗiò cunusù pŗë soun Abaì dou sëhèn e vëntësis, lou shiclou ouichémo (VIII sec.).
Më a Noualéizë d’é dëlon vivù, di pe quë d’iéŗo mouainà, apé d’e cŗeisù, d’e fe mi stujou dëvën a Suzë, apé d’e séi vënù a Ouls. Cån qu’i a foulù dësidà pŗë alà a Turin alouŗa dë séi pe alà a l’Università avol e d’e fet li tŗei ën dou pŗëmìe couŗs e li beu ën dë spechalizasioun fŗån su la léinga.
Pandan l’ën d’e aseù ina coloborashoun avò la direshoun dë Suzë e dë vo din lë scolë alantoŗ dë Suzë, Jalhon, Noualéizë, Venò e Tsëmon pŗë mouŗŗà lou patouà, dëssoù tot pŗë mouŗŗà a scŗirë lou patouà plu quë a paŗlalou.
Alouŗa no dë paŗlèn, li vieùlh ou jount, nouŗa moda. Së paŗle nouŗa moda e i a plu quë më di dzeuvinot qu’ou la savo, i et ancouŗa caŗqu’un dë hincant’ën e i a li vieulhë. Tramën i n’i a pa plu dzen. Lou patouà dë Noualéizë, la nouŗa moda, lh’ë paŗlàia da daboŗ hèn, hèn e dis pëŗsounnë’ ancouŗå', pa plus que hën e dëzèin quë më pé dzo l’é ampŗèin taspó d’aì dzo sèt-ouit ën pŗëqué quë i sei neissù a më ou m’on mourrà l’italiån to dëvën, apé i a vënù quë an viveun avò mi paŗéin e ma maŗéina alouŗa dë sentì din mouizhoun lou patouà e d’e coumahiå' taspò pŗë col an dëmandën lou nom dë hën dë hon, d’ina tsoza, d’in moblo... e d’iquieù inën d’e coumahiå' a paŗlaŗlo. D’e coumahiå' a paŗlaŗlo, d’e coumahiå' a scŗiŗlo e a scŗiŗlo daŗieŗmën da së fe de poémo... d’e ganhò un pŗi mac ina småna fet...