Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2019

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.190 Avost 2019

CREAR O PAÌ: quattro incontri per i venerdì di settembre al Ce.S.Do.Me.O. di Giaglione

CREAR O PAÌ: catro rancontre pre li deveindro de seteimbro o Ce.S.Do.Me.O. de Dzalhon

il 6, 13, il 20 e il 27 Settembre 2019

italiano

Crear o Paì – Creare al Paese. Li deveindro do Ce.S.Do.Me.O.” è un ciclo di incontri, organizzato dalla Chambra d’Oc e dagli sportelli linguistici della Città metropolitana di Torino, in collaborazione con il Ce.S.Do.Me.O. di Giaglione, che include al suo interno lingua, personaggi, cultura e musica. Il suo intento è quello di far conoscere nuove creazioni e nuovi progetti nati dal lavoro di ricercatori e artisti locali che svolgono la loro attività nel territorio delle valli francoprovenzali.

Il ciclo si svolgerà presso la sede del Ce.S.Do.Me.O. (Centro Studi Documentazione Memoria Orale) in frazione San Giuseppe 1 a Giaglione, piano terra dell’edificio municipale, e inizierà venerdì 6 settembre alle ore 21 con la presentazione della ricerca svolta da Francesco Pautasso intorno al francoprovenzale parlato a Mocchie e Laietto, ora frazioni del comune di Condove. L’autore del dizionario sarà accompagnato dalla presenza di Giorgio Cinato, curatore delle illustrazioni del volume intitolato “Il francoprovenzale di Mocchie e di Laietto”, uscito nel giugno del 2014.

Si proseguirà venerdì 13 settembre alle ore 21 con la proiezione del film-documentario “E i a lo solelh” di Diego Anghilante e Fredo Valla intorno alla figura di François Fontan. L’intento del film, uscito nel 1999 in occasione dei vent’anni dalla morte di questa importante figura dell’occitanismo politico moderno, è di raccontare la nascita e lo sviluppo della coscienza identitaria occitana nella seconda metà del XX secolo partendo dall’esperienza di Fontan che, attraverso la sua drammatica esistenza, ha rappresentato le speranze e le contraddizioni di quest’idea.

Venerdì 20 settembre, alle ore 21, sarà la volta dell’incontro con Christiane Dunoyer, direttrice del Centre d’Etudes Francoprovençales “René Willien” di Saint-Nicolas in Valle d’Aosta, che terrà una conferenza dal titolo “Chi parla la lingua del villaggio? Rappresentazioni linguistiche e intercomprensione”. L’intervento si prefigge di esplorare il funzionamento della comunicazione francoprovenzale e di tracciare le nuove aree della “buona comprensione” sulla base delle pratiche linguistiche, così come i comportamenti dei locutori in stretta connessione con le loro rappresentazioni della lingua e del territorio.

Infine, venerdì 27 settembre, sempre alle ore 21, l’etnomusicologo, musicista e sportellista della Città Metropolitana di Torino Flavio Giacchero presenterà “Ampai – frammenti di un mondo vivo”. Nato come rubrica per la rivista online “Nòvas d’Occitània”, Ampai, che significa “foglie secche”, è un invito a raccogliere testimonianze che volano via, un invito a partecipare a un viaggio tanto immaginifico quanto reale. L’autore racconterà di questo suo percorso di ricerca nelle piccole comunità di minoranza linguistica delle Valli di Lanzo attraverso i segni tangibili di una cultura alpina che parla di paesaggi sonori.

franco-provenzale

Crear o Paì – Creare al Paese. Li deveindro do Ce.S.Do.Me.O.” ét in siclo de rancontre, organizhò de la Chambra d’Oc e di guetseut languesticco de la Velò Metropolitan-na de Turin, an collaborashon avó lo Ce.S.Do.Me.O. de Dzalhon, qu’ou l’enclhout leinga, pressenadzo, culteura e mesicca. Son but ét hel de fare cunuhre de nove creashon a de novo prozhé neissù do travalh de sartsour e d’artisto localo qu’ou l’ovro din lo territouéro de le valaie francoprovensale.

Lo siclo ou se deroleret an tse lo siédzo do Ce.S.Do.Me.O. din la borjò Sein Geset 1 an Dzalhon, plan tera do batimeunn munissipalo, e ou l’anadieret deveindro 6 de seteimbro a 9 oure do véfro avó la presentashon de la ressertse féta de Francesco Pautasso a l’entòrt do francoprovensal parlà a Motse e Lieut, arò bordzìe de la comeune de Condove. L’otour do dishonéro ou saret acompanhò de la preseinse de Giorgio Cinato, curatour di dessin de l’ovradzo entitrà “Lo francoprovensal de Motse e do Lieut”, sortù din lo zouin do 2014.

I s’aleret ineunn deveindro 13 de seteimbro a 9 oure do véfro avó la proieshon do film-documentéro “E i a lo solelh” de Diego Anghilante e Fredo Valla a l’entòrt de la pressenò de François Fontan. Lo but do film, sortù an 1999 an occazhon di vent’an de la mòrt de héta emporteinta figueura de l’ossitanismo poleticco moderno, ét de contar la neissanse e lo developameunn de la cossieinse idantitéra ossitan-na de la seconda moueità do XXémo séclho an modeunn de l’esperiense de Fontan que, o lon de son esesteinse defessilhe, ou l’at representà les esperanse e le contradishon de héta idéia.

Deveindro 20 de seteimbro, a 9 oure do véfro, i saret lo momeunn de la rancontra avó Christiane Dunoyer, direttrisse do Centre d’Etudes Francoprovençales “René Willien” de Saint-Nicolas an Val d’Ouhe, que lhe teneret ina confereinse entitraia “Qui prédze la leinga do veladzo? Representashon lenguestique e entercomprenshon”. L’entervenshon lhe se fizhe l’esplorashon do fonshonameunn de la communicashon francoprovensala e de trahér le nóves ére de la “bon-na comprenshon” dessù la base de le pratique languestique, tal que li comportameunn di locutour en hereita conneshon avó se representashon de la leinga e do territouéro.

An fin, deveindro 27 de seteimbro, delon a 9 oure do véfro, l’etnomusicologo, musissisto e guetsetisto de la Velò Metropolitan-na de Turin Flavio Giacchero ou presenteret “Ampai – frehalhe d’in mondo vi”. Neissù an teunn que rubricca pre la revue an linhe “Nòvas d’Occitània”, Ampai, qu’i vout dire “folhe setseu”, ét in’envitashon a culhir de temouanhadzo qu’ou volo viò, in’envitashon a partissipar a in viadzo teunn de fantasì e que realo. L’otour ou conteret de he percours de ressertse din le petiote comenetaie de minoranse languesticca din le Valaie de Lans a traves de sinho evideunn d’ina culteura alpin-na que lhe parle de paisadzo de son.


Condividi