Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2019

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.193 Novembre 2019

Una voce poetica dalla Val Grande di Lanzo: “Cartoulénax - Cartoline” di Giancarla Pinaffo

Ina voues poeticca de la Val Greunta de Lans: “Cartoulénax - Cartoline” de Giancarla Pinaffo

di Matteo Ghiotto

italiano

Per noi che operiamo nell’ambito della tutela delle minoranze linguistiche, in particolare quella francoprovenzale delle valli alpine piemontesi, è sempre una grande gioia la scoperta di nuove creazioni, di qualsivoglia natura, espressione della vitalità delle nostre lingue. Ciò capita assai raramente ma, quando accade, è bene che venga fatto un lavoro di divulgazione al fine di rendere merito agli autori e di produrre rinnovato interesse intorno a questi temi. Il volume “Cartolénax – Cartoline. Poesie in Francoprovenzale come parlato in alta Val Grande di Lanzo (Torino)” di Giancarla Pinaffo, edito dalle Edizioni dell’Orso di Alessandria e prefato dalla dotta e documentata voce del prof. Antonio Catalfamo, rappresenta un ultimo tassello del mosaico che, anno dopo anno, gli sportelli linguistici cercano, da un lato, di riportare alla luce e, dall’altro, di arricchire con nuove cromie e nuovi riflessi. La raccolta di poesie della Pinaffo, non solo fa emergere l’interessante varietà francoprovenzale della sua terra, ma ci spalanca le porte di un’anima che ha saputo, attraverso la lingua, dare forma e sostanza al suo pensiero e alle sue emozioni. È la lingua che intreccia le trame della vita, del tempo passato, di quelle nitide istantanee del tempo presente, fatto di immagini e ricordi annegati nei profili delle montagne, nell’evanescenza di un profumo, nel piano silenzio, sorgente di ogni suono. “Coume da ‘n patanù inòuxǿnt da cat bàite ou-sà.iat fora, pillìn ëd mùzica granta, lou to qui.œt.” (Come da un nudo innocente da quattro baite erompe, traboccante di musica maestosa, il silenzio), con questi versi si conclude la poesia Lou to qui.œt (Il silenzio) che ben rappresenta la profondità umana e letteraria dell’autrice. In questo percorso emergono le riflessioni sedimentate nel tempo, dalle prime luci dell’infanzia ad un oggi maldestro e dimentico di quel bianconero di una fotografia sbiadita e di quei luoghi sottratti alla delicatezza delle mani contadine e consegnati al frastuono scomposto dell’uomo odierno: “Epœra i-vìntat buratale ël figœrax ‘ndinz la mœnt. Separàlax l’œna da l’à.outa” (Eppure si deve setacciare le visioni impresse nella memoria. Sceverare le une dalle altre…). L’esercizio della memoria diventa necessario per continuare a essere più forti e più consapevoli di prima, senza cedere al nostalgismo, ma traendo vigore dal ricordo. Da esso affiorano i ritratti vividi dei valligiani, i paesaggi trapunti di dettaglio, i sapori già provati dalla Pinaffo e resi parola imperitura. La lingua è quella della Val Grande di Lanzo, con il suo lessico variegato, i suoi tratti fonetici arcaici, i suoi toponimi che danno ancoraggio e verità al poetare. Ci sono tutti gli ingredienti per godere pienamente di questo dono che Giancarla Pinaffo ha deciso di fare a sé stessa e di porgere a tutti noi con questa curata ed elegante edizione. Ne è una conferma, come già rammentato poc’anzi, la ricca prefazione del prof. Catalfamo che ha ben saputo collocare l’autrice nella “schiera dei poeti che hanno preferito scrivere nella lingua della loro «piccola patria»: Pier Paolo Pasolini di Casarsa, Biagio Marin di Grado, Tonino Guerra di Sant’Arcangelo di Romagna, Cesare Zavattini di Luzzara, Albino Pierro di Tursi, Santo Calì di Linguaglossa, Nino Pino di Barcellona Pozzo di Gotto”. Non si può pertanto che consigliare la lettura di queste liriche che cercano di fare emergere i perché della vita e, allo stesso tempo, si fermano di fronte al mistero. Concludiamo l’articolo con la proposta di una poesia, quella che meglio rappresenta il nostro oggi:

OTTOBRE

Dal calice azzurro

un’ultima rosa d’autunno,

dai suoi riccioli di ciclamino,

sussurra messaggi d’amore.

Col cuore teso

di desiderio

m’appresto ad incontrarla,

piacente e sentimentale.

Tra braccia vestite di foglie vigorose

aspiro un profumo inconsistente

che da giorni lontani

mi ritorna.

franco-provenzale

Pre no que d’ovrein din lo doméno de la sovegarda de le minoranse languestique, pé dzò de helò francoprovensala de le valaie alpin-ne piemonteise, ét delon ina greunta dzoué la dehreverta de nove creashon, de difareinta nateura, espreshon de la vitalità de nohre leingue. Heunn i s’an passe de rar còl ma, canqu’i capitte, ét in bieunn qu’i se fasisse in travalh de devulgashon pre reindre onour i otour e pre prodouire in intré arnovelà a l’entòrt de hi témo. Lo voleum “Cartolénax – Cartoline. Poesie in Francoprovenzale come parlato in alta Val Grande di Lanzo (Torino)” de Giancarla Pinaffo, edità de les Edizioni dell’Orso de Alessandria e prefashonà de la littraia e documentaia voues do prof. Antonio Catalfamo, ou represeinte in derér tessel do mosaicco que, eunn apré eunn, li guetseut languesticco ou sartso, d’in caro, d’arportar o dzòrt e, de l’otro, d’enretsir avó de nove coulour e de novo reflet. La culhetò de poémo de la Pinaffo, pa maque lhe fet merdzér l’enterisheinta varietà francoprovensala de sa tera, ma lhe nos embarne le porte de in’ama que lh’at sou, moueieunn la leinga, donar forma e sostanse a son pensameunn e a ses emoshon. Ét la leinga que lh’entrelahe le treneu de la viò, do tein passà, de heleu clhere foto do tein d’arò, fet de madze e ensevenianse niìe din li prefil de le montinheu, din l’evanesseinse d’in profeum, din lo quéto seleinsho, sordzeunn de tsaque son. “Coume da ‘n patanù inòuxǿnt da cat bàite ou-sà.iat fora, pillìn ëd mùzica granta, lou to qui.œt.” (Tal que d’in clhernù inosseunn de catro grandze ou s’an sòrt, arveteunn de greunta mesicca, lo seleinsho), avó hi vers ou freneit lo poémo Lou to qui.œt (Lo seleinsho) que bieunn ou represeinte la profondour uman-na e litteréra de l’otour. Din het itineréro ou merdzeisso le refleshon arsesaie din lo tein, de le premiére lemiére de l’enfanse a in malandret incoueu, oblieunn hè blan-nér d’ina foto blava e de hi caro ahrahiò a la delicatéhe de le man sadze do campanhin e livraie o vacarmo maladouet de l’omó preseunn: “Epœra i-vìntat buratale ël figœrax ‘ndinz la mœnt. Separàlax l’œna da l’à.outa” (Totun i fot shahér le madze emprimaie din la memouére. Partadzér unò de l’otra…). L’esersisho de la memouére ou veunt nessesséro pre continuar a iéhre plu solido e plu consieunn de deveunn, seinsa abandonasse o duretein, ma an sutseunn vigour de l’ensevenianse. De loueu ou l’aflouro li retrat vi di valesan, li paisadzo trepouintà de detelh, le savour dzò provaie de la Pinaffo e randù parola pre delon. La leinga lh’eut helò de la Val Greunta de Lans, avó son lessicco defarahiò, si tret foneticco arcaicco, si toponimo qu’ou dono encradzo e veretà o poetar. I at touit li engredieunn pre ardzouir an plein de he cadel que Giancarla Pinaffo lh’at dessidà de fare a lhi méma e de balhér a touit no avó héta atenheinta e bula edishon. Lh’eut ina confirmashon, tal que dzò deut dessù, la retseu prefashon do prof. Catalfamo que bieunn ou l’at sou plahér l’otour din la “linhe di poéto qu’ou l’ont preferà d’ehrire din la leinga de sa «petiota patrìe»: Pier Paolo Pasolini de Casarsa, Biagio Marin de Grado, Tonino Guerra de Sant’Arcangelo di Romagna, Cesare Zavattini de Luzzara, Albino Pierro de Tursi, Santo Calì de Linguaglossa, Nino Pino de Barcellona Pozzo di Gotto”. Adonca i se pout pa pa consilhér la leteura de hi poémo qu’ou sartso de portar o dzòrt li prequei de la viò e, an mémo tein, ou se planto fahe do mistéro. D’atsevein l’articlho avó la proposeshon d’in poémo, hel que mioù ou represeinte nohro incoueu:

OUTÓUBŒR


Da lou bichér bio-chièir

n’ultima rœza ëd l’outoônh,

da li xou-é rixoulìn ëd chiclamìn,

piǻn-piǻn im pàrlat d’lou bin voulé.

Coun min cœr ansiouz

ëd dezidéri

dj’im-prountou a ‘ncountrala,

piazòuza et xæntimœntàla.

Da li brax vestù ëd fòlliax fòrtax

dje-sìntou ‘n proufœm lindjìlliar

que da li ténz andré

im arcòrdou.


Condividi