Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 98 Febrier 2011

Fuochi di gioia nelle valli valdesi - il 16 febbraio

Fuec de jai dins las valadas valdesas

Festa della libertà oggi simbolo di dialogo tra popoli, culture e fedi diverse
del Centro Culturale Valdese

Fuochi di gioia nelle valli valdesi - il 16 febbraio
italiano È consuetudine ormai secolare, la sera del 16 febbraio, nelle borgate delle Valli valdesi accendere dei fuochi di gioia in ricordo della firma delle “Lettere Patenti” con le quali il Re Carlo Alberto nel 1848 concedeva per la prima volta nella storia del Piemonte i diritti civili alla minoranza valdese e, qualche giorno dopo, anche alla minoranza ebraica.
Con questo atto il Regno del Piemonte non solo poneva fine ad una secolare discriminazione nei confronti di una parte dei suoi sudditi, ma avviava anche un processo di modernizzazione che lo poneva al livello degli altri stati europei e alla testa del movimento del Risorgimento italiano.
Celebrare oggi quell’evento non vuol dire solo ricordare un momento del passato, ma soprattutto essere consapevoli che la libertà di coscienza è una delle libertà fondamentali di uno stato democratico come del resto viene anche affermato nella Carta costituzionale della Repubblica Italiana.
Il “fuoco della libertà” vuol essere anche simbolo gioioso di comunione e dialogo tra popoli, culture e fedi diverse.
La festa del 16 febbraio, da sempre, non ha un carattere religioso – sebbene i valdesi siano oggi ancora riconoscenti al Signore per la libertà ottenuta – ma civile. Intorno al falò si raduna tutta la popolazione al di là delle differenziazioni politiche, culturali, religiose, per una grande festa popolare.
Il 17 febbraio, invece, le comunità religiose si riuniscono per un culto e una giornata interamente comunitaria che spesso si conclude con una rappresentazione teatrale.
occitan Da passa un sècle e metz, lo sera dal 16 de febrier dins las ruaas de las Valadas valdesas s’aviscon fuecs de jai en recòrd de la signadura de las “Letras Patents”. Era lo 1848 e lo Rei Carlo Alberto donava per lo premier bòt dins l’istòria dal Piemont lhi drechs civils a la minorança valdesa e, qualqui jorns après decò a la minorança ebraica. Abo aqueste act lo Renh dal Piemont pas masque acabava una secolara discriminacion envers una partia di siei citadins, mas enchaminava decò un procés de modernizacion que lo portava al nivèl de lhi autri estats europeus e a la tèsta dal moviment dal Risorgiment italian.
Celebrar encuei aqueste event vòl pas masque enavisar un moment dal passat, mas sobretot èsser ben convints que la libertat de consciença es una des libertats fondamentalas dins un estat democràtic, coma d’autra part ven decò clarament dich dins la Carta constitucionala de la Republica Italiana.
Lo “fuec de libertat” vòl decò èsser un símbol jaiós d’una comunion e diàlog entre pòples, culturas e fes diferentas.
La fèsta dal 16 de febrier, da totjorn, a pas un caràcter religiós mas civil, bèla que lhi vaudes sien encà encuei reconoissent a Nòste Senhor per la libertat obtengua. Al dentorn dal solestrelh s’abarona tota la populacion al de lai de totas diferenças politicas, cultualas, religiosas, per una granda fèsta populara.
Lo 17 de febrier, per còntra, las comunitats religiosas s’ardornon per un cult e una jornaa entierament comunitària que ben sovent s’acaba abo una representacion teatrala.

Condividi