Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2011

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n° 98 Febrier 2011

Quando il ballo arriva in carrozza

Quora lo bal arriba en carròça

Carovana 2011 Balacaval, 4 mesi di viaggio, spettacoli, atelier itineranti nel Piemonte meridionale

Quando il ballo arriva in carrozza
italiano E’ un felice rapporto quello che lega la Chambra d’ Òc al cammino, lo si è visto a partire dall’ideazione del grande sentiero dell’Occitània a Pè del 2008 e nei cammini organizzati nei due anni successivi; in effetti c’è una sintonia molto forte tra la volontà di far conoscere una lingua e una cultura e il mondo della cosiddetta “mobilità lenta”, perché in entrambi i casi entrano in gioco il contatto con il territorio, il radicamento, il piacere dell’incontro e la scoperta dell’altro. Sono percorsi che vanno in profondità, a ritrovare la capacità delle persone di essere protagoniste e non spettatrici, a diffondere una cultura del dialogo e della convivenza. Per questo la Chambra d’Òc ha deciso di farsi promotrice di un’iniziativa speciale ideata da un gruppo di musicisti piemontesi, occitani e francesi, la Carovana 2011 Balacaval.
Un gruppo di musicisti viaggerà per quattro mesi, da giugno a settembre, a bordo di quattro carri trainati da cavalli sulle strade secondarie e i sentieri di campagna delle provincie di Cuneo, Torino e Asti. Le mete, giorno per giorno, saranno festival estivi, sagre paesane, piazze comunali, parchi naturali e cascine, dove la Carovana porterà serate di musica da ballo, incontri, spettacoli di cine concerto, atelier itineranti di musica, danze e artigianato.
La partenza è fissata a inizio giugno dall’Ostello del Po, nei pressi dell’Abbazia di Staffarda, poi, dopo aver toccato alcuni comuni della piana, la Carovana giungerà a fine luglio a Vinadio, dove sarà protagonista della manifestazione “Crear al País”, sul tema del rapporto tra tradizione e nuova creazione. In questa occasione presenterà in prima uno spettacolo di varietà nato in collaborazione con un gruppo di attori teatrali; tra luglio e agosto la Carovana sarà nei dintorni di Cuneo, a ridosso delle montagne, con alcuni eventi nei comuni e nei Parchi Gesso-Stura, Pesio e Alpi Marittime; a settembre tornerà nella piana e nel pinerolese. Al momento il calendario è in costruzione e sarà reso definitivo a metà aprile.
“La Carovana, muovendosi a passo d’uomo, ci darà l’occasione di osservare il nostro territorio da una prospettiva inedita. Sarà il viaggio più lungo che la maggior parte di noi abbia mai compiuto e lo faremo a non più di settanta chilometri da casa.” – afferma Manuela Almonte, che insieme a Stefano Protto, Peyre Anghilante, Marco Ghezzo, Claire Vincent, Diego Mearini fa parte del gruppo fisso che vivrà sui carri per quattro mesi.
Saranno gli stessi musicisti della Carovana a farsi narratori di questa avventura: con l’aiuto del fotografo e video operatore Andrea Fantino racconteranno dai loro PC collegati ai pannelli solari i luoghi attraversati, gli incontri, le serate di spettacolo e di ballo. Il materiale sarà pubblicato sul blog e sulla web tv “A Temp de Lengas”. In alcuni tratti la Carovana sarà raccontata dall’occhio esterno della giornalista Roberta Ferraris, esperta camminatrice che ha già partecipato ad altre iniziative della Chambra d’Òc.
I preparativi della Carovana sono cominciati lo scorso novembre, con la costruzione del quarto carro, il più grande, che si aprirà trasformandosi in palcoscenico e porterà al suo interno il parquet per la pista da ballo. Gli altri tre derivano dalle precedenti esperienze di Stefano Protto, che con i carri ha già percorso oltre quattromila chilometri insieme alla compagnia Croque Mule tra Francia, Ungheria, Romania e Salento. Ma da cosa deriva la scelta del mezzo di trasporto? Non deriva da un gusto retrò, tengono a sottolineare gli ideatori; le carrozze sono semplicemente i mezzi più adatti agli obiettivi di una compagnia che intende portare con sé tutto il materiale necessario per creare un contesto di festa e di incontro, abitare ogni luogo di sosta creando una sorta di aia nomade aperta al pubblico, ma soprattutto entrare in contatto il più possibile con i luoghi attraversati compiendo un viaggio a bassa velocità.
occitan Es un rapòrt aürós aquel que lia la Chambra d'òc al chamin, l'avem vist a partir da l'ideacion dal grand viòl de l'Occitània a Pè dal 2008 e di chamins organizats kgi dui ans d'après; en efèct lhi a una sintonia ben fòrta entre la volontat de far conóisser una lenga e lo mond de la  que dion “mobilitat lenta”, perque en tuchi dui lhi cas intron en juec lo contact embe lo territòri, l'enraïsament, lo plaser dal rencòntre e la descubèrta de l'autre. Son de percors que van en profonditat, a retrobar la capacitat de las personas d'èsser protagonistas e ren espectatritz, a difónder una cultura dal diàlog e de la convivéncia. Pr'aquò la Chambra d'ò a decidut de se far promotritz d'una iniciativa especiala ideaa da un grop de musicaires piemontés, occitans e francés, la Carovana Balacaval. Un grop de musicaires viatjarè per 4 mes, da junh a setembre, a bòrd de quatre cars tirats da cavals sus las vias secondàrias e lhi chamins de campanha de las províncias de Coni, Turin e Asti. Las destinacions, jorn per jorn, serèn de festenals estius, fèstas de país, plaças comunalas, parcs naturals e caissinas, ente la Carovana portarè de seradas de música da bal, encòntres, espectacles de cine-concèrt, ateliers itinerants de música, danças e artisanat.
La partença es fixaa al començament de junh a l'Ostello del Po, près de l'Abaïa de Staffarda, puei, après aver truchat qualquas comunas de la plana, a la fin de lulh la Carovana arribarè a Vinai, ente serè protagonista de la manifestacion “Crear al País” sus lo tèma dal rapòrt entre tradicion e nòva creacion. En questa ocasion presenterè en Carovana premiera un espectacle de varietat naissut en collaboracion embe un grop d'actors teatrals. Entre lulh e avost la Carovana serè a l'entorn de Coni, al pè d'las montanhas, embe qualqui eveniments dins las comunas e dins lhi Parcs Ges-Estura, Pes e Tànar e Alps marítimas. A setembre tornarè dins la plana e ental pinerolés. Al moment lo calendari es tren de se far e serè rendut definitiu a meitat abril.
“La Carovana, en se bojant a pas d'òme, nos donarè l'ocasion d'observar nòstre territòri da una prospectiva inédita. Serè un viatge pus lòng que la major part de nos aie jamai fach e lo farèm a ren ami de setanta quilomètres da maison” - afèrma Manuela Almonte, qu'ensem a  Stefano Protto, Peyre Anghilante, Marco Ghezzo, Claire Vincent, Diego Mearini fai part dfal grop fix que viurè sus lhi cars per quatre mes.
Serèn lhi musicaires mesmes de la Carovana a se far contaires d'aquesta aventura: embe l'ajut dal fotograf e video operator Andrea Fantino contarèn da lors PC branchats ai panèls solars lhi luecs atraversats, lhi encòntres, las seradas d'espectacle e de dança.  Lo material serè publicat sus lo blog e sus la web tv “A Temp de Lengas”. En qualque tòc la Carovana serè conta da l'uelh extèrn de la jornalista Roberta Ferraris, valenta chaminaira qu'a já partecipat a d'autras iniciativas de la Chambra d'òc.
Lhi preparatius de la Carovana son començat lo novembre passat embe la contruccion de la qüarta carròça, la pus granda, que se durbirè en se transformant dins una scèna e portarè dedins lo parquet per la pista da bal. Las autras tres arribon da las experienças precedentas de Stefano Protto, qu'embe lhi cars a já percorrut passa quatre mila quilomètres ensem a la companhia Croque Mule entre França, Ongria, Romania e Salento. Mas d'ente arriba la chausia dal meian de transpòrt? Ven pas da un gust retrò, tenon a remarcar lhi ideators; las carròças son simplament lhi meians pus adapts a lhi objectius d'una companhia que vòl se portar après tot lo material que chal per crear un contèxt de fèstas e d'encòntre, abitar chasque luec de sosta en creant una sòrta de iera nomada dubèrta a la gent, mas sustot intrar lo mai possible en contact embe lhi luecs atraversats en complent un viatge a bassa velocitat.



Condividi