Portal d’Occitània    Occitania e lingua occitana

invia mail   print document in pdf format

La scoperta occitana

LA DESCUBÈRTA OCCITANA

La scoperta occitana
italiano Non è ancora trascorso mezzo secolo da quando le Valli occitane in Italia hanno scoperto di parlare la lingua d'oc. Prima di allora nessuno nelle Valli conosceva la parola Occitania. Nelle alte valli si sapeva di parlare un dialetto affine a quello in uso in Provenza, un patois come in Queyras, ma nessuno pensava di fare parte della storia occitana. Eppure, almeno da un secolo, l'Occitania al di là delle Alpi era in fermento. A metà Ottocento era nato il Felibrige, cenacolo di scrittori provenzali creato da Frédéric Mistral, premio Nobel per la letteratura nel 1904. Il Novecento aveva visto sorgere l'Institut d'Estudis Occitans, laico e progressista, e verso gli anni Cinquanta François Fontan (1929-1979), teorico etnista, aveva dichiarato il diritto di ogni popolo a essere padrone del proprio destino sostenendo per gli Occitani la necessità di una lotta per la libertà. Appena iniziato, il risveglio nelle Valli occitane tuttavia si inserì nel dibattito culturale, economico e sociale che negli infuocati anni Sessanta animava l'intera Occitania.
Nel 1961 fu creata l'Escolo dòu Po (Scuola del Po, associata al Felibrige) per la conservazione della lingua e della cultura delle Valli, allora dette "provenzali-occitaniche". In seguito i fermenti del ‘68 portarono gli occitanisti più giovani a contestare l'Escolo dòu Po a cui rimproveravano l'orientamento al folclore e la scarsa attenzione ai problemi politici. Questi giovani stabilirono rapporti con l'occitanismo
d'oltralpe, con i gruppi politici ispirati dall'Institut d'Estudis Occitans e con gli intellettuali valdesi che durante la Resistenza avevano compilato la Carta di Chivasso per l'autonomia delle valli alpine.
Erano quelli anni di lotte. Lotte per la decolonizzazione in Africa e in Asia. In Europa corsi e irlandesi lottavano per l'indipendenza, baschi e catalani riempivano le pagine dei giornali con le loro battaglie per l'autodeterminazione e l'opposizione al franchismo. Nelle Valli, un gruppo al seguito di François Fontan, che nel frattempo era stato costretto dalla polizia francese ad autoesiliarsi a Frassino in val Varaita, fondò un partito politico: il Movimento Autonomista Occitano. Il M.A.O. chiese l'insegnamento della lingua, la proprietà delle risorse, in primo luogo dell'acqua destinata alla produzione dell'energia elettrica. Contemporaneamente fiorirono numerose associazioni distinte o per valle o per orientamento culturale e politico. Il popolo delle Valli cominciò a riconoscersi nell'identità occitana. Così quel territorio
marginale, privo di identità che erano le Valli negli anni Sessanta, cominciò a riconoscersi un'anima, ad avere delle aspirazioni, a darsi degli obiettivi, tanto che a distanza di quasi mezzo secolo non è un'esagerazione affermare che con la scoperta occitana uomini e donne delle Valli furono protagonisti dell'esperienza più significativa, ricca e originale, di questo territorio negli ultimi secoli. La scoperta occitana diede loro, forse per la prima volta, un'identità precisa che li portò a progettare assieme il proprio futuro: non più miseri montanari, non più mondo dei vinti, non più popolazioni stanche disfatte dall'emigrazione e intellettualmente impoverite, ma eredi di una grande vicenda culturale della storia europea, desiderosi di definire essi stessi il proprio avvenire.
occitan Es pas passat metz sècle da quora las Valadas Occitanas an descubèrt de parlar la lenga d'òc. Derant d'enlora degun dins las Valadas coneissia la paraula Occitània. Dins las autas valadas se sabia de parlar un dialècte que semelhava al provençal, un patois coma en Queiràs, mas degun pensava de far partia de l'istòria occitana.
Chal dir qu'era passat mai d'un sècle despuei que l'Occitània granda s'era reviscolaa: al meitan dal Uech-cent, era naissut lo Felibritge, moviment format d'un gròp d'escriveires provençals qu'avia a la tèsta Frederic Mistral, premi Nobel per la Literatura ental 1904. Enti premiers dal Nòu-cent era naissut l'Institut d'Estudis Occitans, moviment laic e progressista, e vèrs lhi ans Cincanta François Fontan
(1929-1979), teòric de l'etnisme, avia declarat lo drech de chasque pòple a èsser padrons de son destin, en sostenent per lhi occitans la necessitat d'una batalha per la libertat. Totun enti ans Sessanta, fins da lor premier revelh occitan, las Valadas intreron tot subit dins lo debat cultural, polític, econòmic e social que an aquel temp enflamava l'entiera Occitània.
Ental 1961 foguet creaa l'Escolo dòu Po (associaa al Felibritge), per la conservacion de la lenga e de la cultura de las Valadas, sonaas enlora "provençalas-occitanas". Lo ferment polític dal ‘68 menet lhi occitanistas mai joves a contestar l'Escolo dòu Po, acusaa d'èsser estachaa al folclorisme e gaire interessaa ai problemas polítics. Aquesti joves comenceron a se raportar embe lhi occitanistas de l'autre
cant, embe de grops polítics inspirats da l'I.E.O. e embe lhi intelectuals valdés que dal temp de la Resistença avion compilat la Carta de Quivàs per l'autonomia de las valadas alpinas.
Eron lhi ans de las batalhas políticas. En Àfrica e en Àsia se luchava per la decolonizacion; en Euròpa lhi còrses e lhi irlandés se bation per l'indipendença, lhi basques e lhi catalans emplion las pàginas di jornals de lor batalha còntra lo franquisme e per lo drech a l'utodeterminacion. Dins las Valadas, un
tropèl de joves ensema a François Fontan, que per sas posicions anti-colonialistas la policia francesa avia constrech a s'exiliar a Fraisse en Val Varacha, fondet un partit polític: lo Moviment Autonomista Occitan. Lo M.A.O. demandava l'ensenhament de la lenga, la proprietat de las ressorsas, l'aiga per l'energia elèctrica derant tot, e l'autonomia política de las Valadas occitanas. Dins mai d'una valada naisseron d'autras associacions, diferèntas per orientament cultural e polític; la gent comencet a se reconéisser dins l'identitat occitana. Com aquò, aquela tèrra a l'embroa, fins an aquel moment desmentiaa e sensa identitat, comencet a se reconéisser un'anma, a aver d'aspiracions, a se donar d'objectius, tant qu'aüra que son passats esquasi cinquanta ans es ren esagerat afermar qu'embe la descubèrta occitana la gent de las Valadas es estaa protagonista de l'experiença mai sinhificativa, richa e originala d'aqueste territòri dins lhi darriers sècles. La descubèrta occitana a donat, benlèu per
lo premier bòt, una identitat precisa a n'aquesta gent e l'a portat a se voler donar ensema un futur: pus de paures montanhòls, pus de monde esquichat, pus d'òmes las, esquintats da l'emigracion e empaurits dins l'esperit, mas eretiers d'una granda cultura de l'istòria europea, desiros de decidar lor mesmes lor avenir.