Portal d’Occitània    Occitania e lingua occitana

invia mail   print document in pdf format

Una storia che continua

UN'ESTÒRIA QUE VAI ANANT

Una storia che continua
italiano Nel 1999 lo stato italiano ha riconosciuto con la legge n. 482 le sue minoranze linguistiche storiche, fra cui gli occitani. Con la nuova legge i paesi delle Valli sono stati chiamati a dichiarare ufficialmente la propria identità e il 95% dei comuni ha deliberato di appartenere alla minoranza di lingua d'oc.
Prima ancora che dallo stato italiano, gli occitani erano stati riconosciuti dalla Carta europea delle lingue regionali o minoritarie del Consiglio d'Europa (1992) e con il sostegno concreto dell'Europa erano state avviate già negli anni Novanta delle iniziative complesse, progetti culturali, editoriali, realizzazione di film e documentari.
Per una minoranza come quella occitana, scopertasi tale solo da pochi decenni, il riconoscimento dello stato non poteva che introdurre cambiamenti percepiti a volte come traumatici. Modifiche nei modi di pensare e di agire delle associazioni culturali, abituate a un lavoro appassionato ma anarchico, tipico dei decenni che hanno preceduto la legge. Cambiamenti anche nei rapporti con il mondo esterno alla
minoranza, e con gli enti pubblici, comuni, province, regioni, ora direttamente investiti della questione dell'identità e della promozione della minoranza.
Si è così avviato un periodo di transizione verso iniziative che la legge vorrebbe di ampio respiro, indirizzate più alla pratica della lingua e alla scuola, all'uso dell'occitano nei media, meno alle ricerche folcloriche.
Dunque iniziative che devono partire dal consolidamento della questione occitana nelle istituzioni, dall'attitudine a suscitare convergenze, a far maturare creatività e immaginazione, e che vogliono impegno professionale e capacità di portare a termine progetti impegnativi e complessi.
Nel 2001, a Dronero, è sorto Espaci Occitan, associazione di enti pubblici per la promozione linguistica, culturale e turistica delle Valli occitane. Al suo interno è stato allestito un Istituto di Studi Occitani e il museo multimediale Sòn de Lenga.
La Chambra d'òc è l'Associazione culturale che, con il costante aiuto dell'Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte, in questi anni ha lavorato nel modo più qualificato nel campo dell'edizione di manuali didattici per adulti e ragazzi, corsi di formazione per adulti, uso costante del bilinguismo attraverso il giornale in radio tv web Nòvas d'Occitània .
Piemonte, Liguria e Calabria, le tre regioni con popolazione occitana, riconoscono la necessità di promuovere e valorizzare la minoranza occitana, citata espressamente negli Statuti della Regione Piemonte (art. 7) e della Regione Calabria (art. 2) e in modo elusivo dalla Regione Liguria (art. 2). Ma per far diventare l'occitano una lingua che, partendo dalle forme locali, sappia essere strumento di comunicazione nella vita di oggi, occorre ancora lavorare, e molto, soprattutto nella scuola col pensiero
rivolto alle generazioni future. Espaci Occitan e l'associazione Chambra d'òc hanno dato corso alla sperimentazione della grafia normalizzata per offrire una chance di unità ai vari dialetti di lingua d'oc in uso nelle Valli. Si sono tessuti rapporti internazionali con altre minoranze, con l'Europa, con gli enti regionali del territorio occitano nello stato francese e in Spagna con la Regione autonoma di Catalunya. In occasione dei Giochi Olimpici Invernali Torino 2006, la Provincia di Torino ha avviato a
partire da un progetto della Chambra d'oc, una grande campagna per l'occitano alle Olimpiadi valorizzando le lingue madri della regione.
"Una lenga n'es viva que se pòt donar Vida a totas causas", una lingua è viva se ha la capacità di esprimere ogni momento della vita dell'uomo: sono parole dello scrittore Joan Bodon che esprimono un ideale in cui si racchiude la condizione per poter immaginare un futuro per l'occitano così come per ogni altra lingua.
occitan Ental 1999 l'Estat italian a reconeissut embe la lei n. 482 sas minoranças linguísticas istòricas, e entre lor decò lhi occitans. Embe la nòva lei lhi país de las Valadas son estats chamaas a declarar oficialament lor identitat e lo 95% de las Comunas se son dichas minorança de lenga d'òc.
Mas encà derant, lhi occitans eron estats reconeissuts da la Carta Europenca de las lengas regionalas o minoritàrias de lo Conselh de l'Euròpa (1992) e, pròpi embe lo sostenh concret de l'Euròpa, já enti ans Novanta eron estaa entreinaas d'iniciativas importantas, de projèctes culturals, editorials, de films e de documentaris.
Per una minorança coma aquela occitana qu'a descubèrt sa esistença da ben gaire de temp, lo reconeissiment de l'Estat polia ren que menar de chambiaments de bòts sentuts coma traumàtics: chambiaments dins lo biais de pensar e d'agir de las associacion culturalas, acostumaas a un trabalh apassionat, chasque d'un per sia via, coma era típic di ans qu'an precedut la lei. Chambiaments decò dins las relacions embe lo mond fòra d'la minorança e la pública administracion, Comunas, Províncias,
Regions, que aúra an lo dever institucional de trabalhar en favor de l'identitat e la promocion de la minorança.
Com aquò sem dins un moment de passatge vèrs d'iniciativas que la lei voleria de grand respir, orientaas mai vèrs l'utilizacion de la lenga e a l'escòla, a la presença de l'occitan dins lhi mèdias e menc a la recercha folklorica. Donca d'iniciativas que devon partir dal consolidament de la question occitana dins las institucions, da la propension a bastir d'alianças, a far maürar la creativitat e l'imaginacion, e qu'an manca d'empenh e capacitat de portar a la fin de projèctes complicats e empenhatius.
Ental 2001, a Draonier es naissut l'Espaci Occitan, associacion d'administracions públicas per la lenga, la cultura e lo torisme de las Valadas, embe un'institut d'estudis occitans e lo musèu multimedial "Sòn de Lenga".
La Chambra d'òc es l'Associacion Culturala que, abo l'ajut de l'Assessorat a la Cultura de la Region Piemont, dins aquesti ans a trabalhat en maniera qualifiaa dins lo champ de l'edicion de manuals didatics per grand e pichòt, cors de formacion per adultes, costant usatge dal bilinguisme a travèrs lo jornal en radio tv web Nòvas d'Occitània.
Piemont, Ligúria e Calàbria, las tres regions embe de gent occitana, reconeisson la necessitat de promòure e valorizar la minorança. Lhi Estatuts de la Region Piemont (art. 7) e de la Region Calàbria (art. 2) dins un biais clar e la Region Ligúria (art. 2) en maniera un pauc coacha. Mas per far devenir l'occitan una lenga que, partent da las formas localas, sàpie comunicar lo viure d'encuei, chal encà trabalhar un bèl pauc, sobretot dins l'escòla e beicant a las nòvas generacions. L'Espaci Occitan e
l'associacion Chambra d'òc an entrenaa l'experimentacion de la grafia normalizaa per donar una possibilitat d'unitat a las parlaas occitanas de las Valadas. Se son teissuts de rapòrts embe d'autras minoranças, embe l'Euròpa, embe las administracions regionalas en Occitània granda e embe la Region autònoma de Catalonha. En ocasion di Juecs Olímpics d'Uvèrn dal 2006, la Província de Turin a realizat,
sus un projècte de la Chambra d'òc, una granda campanha per la presença de l'occitan ai Juecs, en valorizant las lengas maires de la Region.
"Una lenga n'es viva que se pòt donar vida a totas causas", disia Joan Bodon; paraulas qu'exprimon l'ideal que pòl nos far imaginar un avenir per l'occitan coma per totas autras lengas.