Enti in rete L.482/99   

Serafina Perron Cabus racconta gli anni della sua giovinezza

Serafina Perron Cabus i countë sa zhënesë

Testo a cura di Renato Sibille

Serafina Perron Cabus racconta gli anni della sua giovinezza
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Allora, io mi chiamo Serafina Perron Cabus. Sono nata qui a San Marco e sono andata a scuola a Oulx, perché è un paese vicino ad Oulx. Allora le scuole erano a Oulx; ho fatto la quinta e poi, era tempo di guerra, e allora non c’erano altre scuole ad Oulx (Borgo superiore). Allora… dopo, si lavorava un po’ la campagna e, quando avevo quindici, sedici anni, d’inverno uno cercava un po’ di lavoro, ma non c’erano ancora così tanti alberghi come adesso. Allora una volta, avevo sedici anni, ho trovato una… per andare a fare… ad aiutare in cucina. Allora è andata bene, ho passato l’inverno, guadagnato qualche cosa per comprarsi un grembiule, per comprarsi le scarpe primaverili perché soldi non ce n’erano. Dopo la guerra era un po’ triste la vita qui; si basava tutto sulla campagna. Quando il tempo era bello si raccoglieva abbastanza, le cose erano belle. Ma quando il tempo era brutto, a volte mancava persino la farina, mancava il pane, e allora bisognava cercare di aiutare e andare avanti. E io, dall’età di quattordici anni ho sempre condotto il cavallo. E poi, dopo ho trovato uno spasimante, era delle Ramats perché io andavo giù a trovare i miei parenti; mia mamma era delle Ramats, e allora mi sono trovata lo spasimante laggiù però è partito per l’America, per il Perù. Qui non c’era lavoro dopo la guerra. Lui aveva fatto la guerra, tutti e tre gli anni di guerra forte in Sardegna e in Italia. Poi lavoro non ce n’era e là aveva una sorella, allora lo hanno chiamato, è andato in là e, dopo due anni, sono andata in là io. Poi ci siamo sposati là e siamo stati tredici anni in Perù. Poi io sono stata presa, acchiappata se vogliamo dire, dalla forza, dalla corrente a una lavatrice. Avevo lasciato sulla lavatrice le cose da mettere in conegrina e, invece, mi ha presa e sbattuta lontano perché avevo… i talloni delle scarpe erano di gomma e allora mi ha buttata lontano, mi ha bruciato il sangue e mi ha tutto rovinato la mano, rovinato il polso. E un medico tedesco mi aveva detto che bisognava cambiarmi tutto il sangue e io non ho voluto. “Allora”, mi ha detto, “allora bisogna che ve ne torniate al vostro paese dove siete nata e guarirete. E siamo ritornati qui, abbiamo lasciato tutto, siamo venuti in qua con i nostri figli e abbiamo ricominciato la vita qui. E allora è un po’ una storia che a volte la gente non crede, eh! Perché a volte dicono: “Ma non è possibile, là!”. E, invece, è successo così!
occitan

(grafia dell'Escolo dóu Po)

Alour, mi a m’sounou Serafina Perron Cabus. A sioù neisùë isì a Samar e sioù anà a l’eicorë a Ours, parqué l’i ‘n pai prosh d’Ours. Alour laz eicora laz eran a Ours; éi fai la sinquiémë e peui l’ér ‘l tan ‘d la guérë e alour lh’ér pa d’aoutraz eicora an Viérë. Alour… ‘pré, travalhavan un pòou la campannhë e, cant l’aviou quianzë, sez-i-an, d’uvér un ou sharshav un pòou ‘d travalh, ma lh’ér pa ancar d’oouberzhe parì ‘ma lh’a ieuir. Alour un cò, l’aviou sez-i-an, éi trouvà unë… d’anâ pasâ l’uvér a fâ lë… m’azhouâ din la cuzinë. Alour l’i anà bién, éi pasà l’uvér, ganhà ‘d carën par s’ashtâ ‘n foudî, par s’ashtâ la sabatta dou primmë parqué soldi la nh’ér pa. Apré la guérë l’ér un pòou trist la vittë isì; l’ér mac tout su la campannhë. Cant ‘l tan l’ér bé la s’arbatav bastans, ‘l butin ou l’ér bé. Ma cant ‘l tan ér brut, ‘d cos la mancavë fin la farinë, mancav ‘l pan, e alour vantav sharshà dë s’azhouâ e d’anà aran. E mi, da l’iazhe ‘d catorz-i-an éi choù menà ‘l shavà. E alour, apré mi a m’sioù trouvà un galan, ou l’ér ‘d la Ramâ parqué mi anavou avàl a trouvâ moun parën; ma mamma l’ér ‘d la Ramâ, e alour m’sioù trouvà ‘l galan idaval però ou l’a partì par l’Ameriqquë, par ‘l Peroù. Isì lh’ér pa ‘d travalh apré la guérë. Ié ou l’avî fai la guérë, touttou lou treiz an ‘d guérë fortë an Sardennhë e an Italî. Peui ‘d travalh la nh’ér pa e ilai ou l’avî unë sôr, alour i l’an sounà, l’i anà ilevé e apré douz an a sioù anà ilevé mi. Peui nou san marià ilai e san ità trez-i-an an Peroù. Peui mi a sioù ità achapà, atrapà s’ou vouré dîr. ‘d la forsë, ‘d la courantë, an unë lavatrisë. Avioù leisà su la lavatrisë ‘d butin par bitâ an counegrinë e, invece, la m’a achapà e la m’a futù lon parqué avioù… lou taroun ‘d la sabatta l’éran ‘d goummë e alour ou m’a futù lon, la m’a brulà ‘l san e l’a m’a tout rouinà la man, rouinà ‘l pounhé. E un madsin tedesquë ou m’avî dì que la vantav ‘m shinzhà tout ‘l san e mi éi pa vorgù. “Alour”, ou ma dì, “alour la vant qu’ou tournà a votr paì, anté qu’ou sé neisùë e ou tournà peui garî. E san tournà isevé, l’avan leisà tout, san vangù isevé bou notrouz eifan e l’avan arcoumansà la vittë isì. E alour l’i un pòou n’istouârë que ad cos la zhan créian pa eh! Parqué ad cos i dizan “Ma, l’i pa pousibbl, là!”. E, invece, l’i capità parî!