Enti in rete L.482/99   

Poesie dalla Val Chisone

Franco Bronzati

Franco Bronzati

Franco Bronzat

italianoDi quest'autore si possono consultare altri testi nel Tresòr de Lenga Corpus Testuale
occitan D'aqueste autor pòs trobar autres textes dins lo Tresòr de Lenga Corpus Testuale
Parole incatenate

Parole incatenate

De paraulas enchaenaas

italianoParole incatenate che ho raccolto al tramonto di un giorno d’inverno, in un caffè pieno di fumo, tra fanti e nove, gridate attorno ad una bottiglia di vino o ad un bicchiere di pastis, fra le millanterie dei cacciatori, calde, dette vicino ad un focolare, dette in un giorno di primavera...
occitan De paraulas enchaenaas qu’ai culhit a la bass’ora d’un jorn d’uvern dins un cafè plen de tuba entre de “vaslets e de naus”, bralhaas a la viron de una botelh...
Estate

Estate

Istat

italianoIl profumo d’un cespuglio fiorito, il fresco d’un giorno di pioggia mi ricordano la pigrizia di un’estate che se n’è andata.
occitan Le perfum d’un boisson flurit, le fresc d’un jorn de pluá me sovenon la paréça d’un istat qu’al s’n’es anat. (1979)
Ragno

Ragno

Aranh

italianoScrivere di giornate lunghe e senza senso, scrivere di visi esangui che mi sono vicini senza amicizia, senza allegria. Parliamo lingue diverse, straniere ma guardiamo tutti oltre i vetri il cielo grigio dell’inverno. Poi mi viene in bocca la rabbia che ho in me, tremano le mie labbra nella vog...
occitan Escrire sus de jornaas lonjas e sença sens, escrire sus de visatges blaus que m’avironon sença amistat, sença alegriá. Parlem de lengas diferentas estrangieras e agac...
Scrivere

Scrivere

Escrire

italianoScrivere di lontani ricordi di vetri arabescati da pioggia che cade di muri dipinti da ombre di blu che gioca tra i comignoli scrivere di volti cotti dal sole di mani spaccate dal gelo di neve che viene a coprire orme di ricordi mai scritti.
occitan Escrire de luènhs sovenirs de veires rimatjats de pluá que chai de muralhas pinturaas d’ombras de blòi que joá entre los forneaus escrire de visatges cuèits da...
Un altro giorno

Un altro giorno

Un autre jorn

italianoEro io che guardavo il solco inciso a valle? Sempre io ma in un altro giorno, un mese, forse un mondo diversi. Così mi interrogavo mentre tutto ardeva di fuoco e lontano si udiva il fragore di acque fresche, buone. Ma dov’erano i paesi vuoti, sbarrati? Scomparsi nel nulla. Solo io riman...
occitan Ero mi qu’agachavo aval la reá escaviá e mai mi mas dins un autre jorn, un autre mes o beleu dins un autre mond. Aiçò me demandavo embe que tot s’abrasava de fu...
Schizzi

Schizzi

Esberfalhs

italianoVolo di corvi nel cielo che si abbuia rosso d’ultimo sole, colore d’un giorno d’inverno bianco di gelida neve, freddo che serra le case poveri oggetti di un mondo non più nostro né mio che in te si specchia, madre, pallida in volto le mani screpolate dal vento, dal la...
occitan Vòl de corbaç aut dins le ciel qu’al se fai nuèit roi dal darrier solelh, chalor d’una jornaa d’uvern blancha de neá jalaa, freid qu’estrenh las mai...
Sogno beato

Sogno beato

Sueime benaurós

italianoIn un turbinio di foglie secche che irrompeva sulla terra ghiaiosa, spaventato, dall’altezza della mia follia, tra scintille schizzate al cielo in una notte di festa e di fuochi, assetato di conoscere il futuro il mio discorso interrogava gli antenati in un sogno benevolo che rinchiudeva tutto...
occitan Dins un torbilh de fuèlhas sèchas qu’embrivava sus una tèrra crassilhosa, temerós, de la sobeiraneça de ma mateça, entre d’alauvèlhas giscl...
Paesaggio

Paesaggio

Paisatge

italianoSuona la raganella del ragazzino e il bubbolo del cane risponde ai campanacci della mandria, folleggiano le fronde dei larici mentre la gente ritorna dal lavoro, speranza negli occhi dei giovani possiamo leggere, segni di tempi nuovi troveremo per la strada mentre il fiume cantando trascina per il s...
occitan Sona la chaça-caresma dal garçonòt e le carcavel de la vèça respond als picons de la vachariá, folastrian las branchas dals jarraç embe que le mont se ...
A malaggio

A malaggio

A mal aise

italianoGira e corri che non ti addormenterai e questo mondo non scapperà perché dovrà pungolarti con mille adulazioni e false luci. Per te uomo, il destino è di camminare su di un viottolo che sale e scende ma nella tua testa la voglia di salire dove ora muoiono le foglie dei fa...
occitan Vira e cor que t’apenocharès pas e cest mond al escaparè pas perquè al aurè de te ponchonar abó milanta adulacions e faussas lutz. Per tu, òme, le desti...
Le campane suonano per noi

Le campane suonano per noi

Las clochas sonan per nos

italianoQuesta notte le campane suonano per noi, per noi che siamo morti con gli occhi sbarrati, siamo morti dentro, nel cuore, nella testa ormai vuota, senza idee. Sulla strada della città abbiamo lasciato il nostro bagaglio: un fazzoletto di seta legato ad un bastone di nocciolo. Era pieno di cose ...
occitan Cèsta nuèit las clòchas sonan per nos, per nos que 'os siem morts abó los uèlhs esglaiats. Siem morts dedins, dins le cuèr, dins la tèsta dosaüra ...
Ultima fiamma

Ultima fiamma

Darriera flama

italianoTi avevo trovata con i capelli al vento, ultima fiamma in questo deserto di neve, avevo guardato nei tuoi occhi aperti verso il sole che muore nella bruma e il tuo corpo rannicchiato che rabbrividiva nudo e bianco era lì, offerta d’amore e in ginocchio ho fatto mia la tua fede.
occitan T’aviu trobaa abó los peels a l’aura, darriera flama en cest desert de neá, aviuc agachat dins tos uèlhs ubèrts envers al solelh que muór dins le brolhar...
Preghiera dimenticata

Preghiera dimenticata

Preiera eissubliaa

italianoGiocavi con le stelle correvi dietro all’ombra della luna e ti sei persa nella più oscura notte. Dea, tu, ma gli altri dove sono andati? Sgranando occhi nostalgici che vedono notti folli, dei riccioli scarmigliati da mani che ora sono giunte, come non può il mio cuore rinnovare n...
occitan Te joaves abó las estielas te coriás darreire l’ombra de la luna e te siás perduá dins la nuèit plus escura. Déessa, tu, mas los autri adont sion ilhs a...
Dea madre

Dea madre

Déessa maire

italianoAscoltami, questo giorno che muore come i miei occhi nel tuo cuore come terra dimenticata dal suo popolo dove le case torneranno nelle tue braccia, Dea madre degli uomini tu che fai crescere l’erba dei prati, il grano dei campi, tu stessa che scolpita nella roccia viva sei sepolta sotto la cro...
occitan Escota-me cest jorn qu’al muor  com mos uèlhs dins ton cuèr, com terra eissubliaa de son puèple adont los caseis tornarèn dins tos braç, Déessa Mai...
Nella notte

Nella notte

Dins la nuèit

italianoHo udito nella notte i tuoi passi correre per il vicolo, in fretta, senza lasciare orme sulla polvere che copre le pietre de lastricato. Hai tagliato il mio corpo, rimescolato le mie interiora, messo la vipera regina e letto oracolo per un popolo: le teste di pietra non ci proteggono più e no...
occitan Aic auvit dins la nuèit tos pas correr la guindana, en pressa, sença laissar de peaas sus la possiera que cruèb las peiras dal pavat. T’as talhat mon còrs, bodivat mo...
Mondo dimenticato

Mondo dimenticato

Mond eissubliat

italianoSedersi sulla soglia di pietra grigia di casa con gli occhi che guardano le alte creste dei monti, che piano, nella sera si tingono del rosso dell’ultimo sole, sapere d’essere come un frutto maturo lasciato sopra una pianta, sapere d’essere come l’erba tagliata e lasciata mar...
occitan S’assetar sel lindal de peira grisa de maison abó los uèlhs qu’agachan las autas crestas de las montanhas que plan, dins le vespre se tenhan dal rói dal darrier solelh...
Sono stanco

Sono stanco

Siu las

italianoSono stanco di fare il Don Chisciotte e infilare con la mia lancia dei mulini a vento. Sono stufo di rispondere a chi mi chiede chi sono gli occitani? Mi viene quasi voglia di buttare tutto alle ortiche e di mettermi il cappello della maggioranza o quello della maggiorità? Né una n&eac...
occitan A siu las de far le Dòn Quishòte e enfialar abó ma lança de molin a vent. Siu confle de respondre a qui me demanda qui sion-ilhs los occitans? La me ven quasi vuèlha...
Il grau du Roy

Il grau du Roy

Le grau dal Rei

italianoHo ancora nelle orecchie lo sciacquio delle onde che si infrangono contro le rocce del molo, che diritto entra nel mare, negli occhi ho i mille lumi di una costa che si perde in due parti in un abbraccio sicuro e nelle narici ho l’odore marino che dalla profondità dell’acqua nasce...
occitan Aic encara dins las aurèlhas Le gafolear de las ondas que las se rompan contra las ròchas dal mòle, que dreit intra dins la mar, aic encara dins los uèlhs los mila lumes d&...
Giugno

Giugno

Juin

italianoAncora una volta giugno, giugno con la luce delle sue lunghe giornate, con il profumo dei fiori di tiglio, dolce miele che riempie l’aria di mille api, che solcano il mezzogiorno, mentre guardo il tranquillo scorrere dell’acqua d’un rivo che scende limaccioso per le recenti piogge ...
occitan Encara un viatge juin, juin abó la lumiera de sas lonjas jornaas, abó le perfum de las flors dals telhs, dóuç meel que ramplís l’aire de mila abèlhas qu...