Enti in rete L.482/99   

Poesie dalla Val Chisone

A malaggio

A mal aise

A malaggio
italiano Gira e corri
che non ti addormenterai
e questo mondo non scapperà
perché dovrà
pungolarti con mille
adulazioni e false luci.
Per te uomo, il destino
è di camminare su di un viottolo
che sale e scende
ma nella tua testa
la voglia di salire dove
ora muoiono le foglie
dei faggi, dove l’erba
viene gialla e i laghetti
si velano di un sottile specchio ghiacciato.
La gente è alla ricerca
di qualche cosa di nuovo
che possa soddisfare
sogni segreti che altri
hanno ficcato nei loro cervelli
per ingrassarne pochi e
divertirne di più
e tu uomo di una terra ricca
hai già forse detto di si
ai soldi di questi?
Te ne andrai a malo agio,
angustiato, satollo
per le strade della terra
ma ricordati di una cosa,
ogni volta che ti volterai,
uomo, butta una manciata
di terra sui tuoi passi
perché nessuno possa seguirti.
occitan Vira e cor
que t’apenocharès pas
e cest mond al escaparè pas
perquè al aurè de te
ponchonar abó milanta
adulacions e faussas lutz.
Per tu, òme, le destin
al es de marchar s’un viòl
que al monta e al devala
mas dins ta tèsta
la vuèlha de montar adont
aura muoron las fuèlhas
dals faus, adont l’erba
ilh ven jauna e los tomples
se velan d’un prim miralh juriat.
La gent a la rechercha
de qualquaren de nau
que puèsche satisfar
de suèimes secrets que d’autres
an fichat dins sos cerveaus
per n’engraissar pas gaire
e n’amusar de mai
e tu, òme d’una terra richa
t’as beleu ja dit de òi
a l’argent de cèstos?
T’anares a mal aise
rangosteiat, apagonat
per los chamins de la tèrra
mas sovena-te d’una chausa,
chasca vetz que te virarès
òme, tapa una punhaa
de tèrra sus tos pas
perquè nun te puèsche sègre.
(1976)