Enti in rete L.482/99   

Poesie dalla Val Chisone

Giugno

Juin

Giugno
italiano Ancora una volta giugno,
giugno con la luce
delle sue lunghe giornate,
con il profumo
dei fiori di tiglio,
dolce miele
che riempie l’aria
di mille api,
che solcano il mezzogiorno,
mentre guardo
il tranquillo scorrere
dell’acqua d’un rivo
che scende limaccioso
per le recenti piogge dalle colline
che ti hanno visto nascere,
che ti hanno visto crescere
e poi, uomo, prendere
la strada che il destino
aveva già tracciato per te,
lontano dal tuo paese
e io, tuo figlio,
mi sono fatto uomo
d’altra terra.
occitan Encara un viatge juin,
juin abó la lumiera
de sas lonjas jornaas,
abó le perfum
de las flors dals telhs,
dóuç meel
que ramplís l’aire
de mila abèlhas
que draian le meijorn,
dal temps que agacho
le tranquile colar
de l’aiga d’un rius
que devala limonós
de las colinas
que t’an vist naisser,
que t’an vist creisser
e puèi, òme, prener
la viá que le destin
aviá ja traçat per tu,
luènh de ton país
e mi, ton filh,
me siu fait òme
d’autra tèrra.
(16 de juin dal 1997)