Enti in rete L.482/99   

I fiori

Las flors

poesia di Costanzo Rey - Crissolo, Valle Po

I fiori
italiano

Il vento questa sera

non si mescola più

nei bicchieri,

i papaveri rossi,

leggeri come il tuo sonno

affaticato dal viaggio,

tu purificavi, misera,

sospesa sugli steli

e i tuoi occhi ancora abbagliati

dal mostro

uscito dalle paludi

del Rodano, piangevano

al partire.

Il nome di tanti fiori

che attecchiscono sulla terra

li ho imparati dalla tua lingua

avvolta di mistero

quando la luna s'impaluda

come bimbo che affoga.

occitan

L’aura esto sera

pus se mescla

dedins lhi bichèls,

lhi papavres roges,

lengíers coma lo tiu sòn

fatigat per lo viatge,

purificaves, paureta,

pendua sus las chambas

e ti uelhs, encara embalucats

per lo mostre

salhit dai bachàs

dal Ròse, ploraven

per mai partir.

Lo nom de gaire flors

que taquen sus la tèrra

lhi ai pres de ta lenga

envertolhaa de misteri

quora la luna s’enpauta

coma mainat qu’estenh.