Enti in rete L.482/99   

Proprio alla fine (Pensieri)

Fin, final (Pensiers)

poesia di Costanzo Rey - Crissolo, Valle Po

Proprio alla fine (Pensieri)
italiano

Sei lì che mi guardi, mi scruti, mi ascolti con i tuoi occhi chiari, puliti, come t’ho conosciuto.

La tua croce è lì morta con un Cristo che ti dice “vita nuova, vedrai il Paradiso!”. Certo una pietra ammuffita, è li il tuo Paradiso?

Scruti e dici: “Sono qui!” E tuo figlio troverà anche qui la sua fortuna?

Nè uomo e donna l’hanno saputo!

Oh Cristo scendi dalla tua croce ed abbraccia i tuoi figli!

Che fai lì?

O lascia dormire in pace chi t’ha creduto

Lasciali dormire, sono solamente poveri creduloni!

Se ti bacio sei più freddo di quando sei morto e, visto che sei lì, chiedigli dov’è quel Paradiso.

Riferisci a tuo figlio dov’è quella “movida” del tuo Paradiso!”

occitan

Sies aquí que m’ergares,

m’esguinches, m’escòutes

abo ti uelhs clars, polids

coma t’ai coneissut!

Ta crotz ilh es aquí mòrta

abo un Crist que te di:

Vita nòva, veiarès lo Paradís!”

Segur, una peira mufia, ‘l es aquí lo Paradís?

Esguinches e dies: “Siu aicí!”

E ton filh trobarè decò sa fortuna aicí?

Ges d’òmes e femnas l’an sabut!

Òh Crist cala aval da ta crotz e embraça ti filhs!

Aquí qué fas?

O laissa duèrmer en patz aquilhi que t’an creiut.

Laissatz-lhe duèrmer, entant son mec de bonomàs!

Se te baiso sies encà mai freid de quora sies mòrt e da já que sies aquí d’mande-lhe ent al es aquel Paradís!

Fai saber a ton filh ent ilh es aquela “movida” de ton Paradís.