Enti in rete L.482/99   

Prazzo

Prats

Prazzo
italiano Prazzo conta 185 abitanti, ed è posto a 1030 metri di altitudine ai piedi del monte Chersogno in Val Maira: è costituito da 31 borgate e frazioni, tra cui Maddalena, Ussolo, San Michele, Bescodone, Chiesa, Chiotto, Grangia, Raina, Villa. Il toponimo deriva dal latino pratum, in riferimento alla conformazione del territorio circostante, caratterizzato dall’abbondanza di prati e pascoli, e anche all’abbondanza di risorse per l’allevamento e l’agricoltura, che hanno a lungo favorito gli abitanti del luogo.
Le prime testimonianze che accertano l’esistenza dell’insediamento risalgono al 1028: possedimento del marchese di Busca e poi di quello di Saluzzo, fece parte della Confederazione dei dodici comuni dell’alta valle Maira. Con il trattato di Lione del 1601 passò sotto i Savoia.
Le attività produttive, oltre all’agricoltura e all’allevamento, erano legate alla risorsa boschiva e alla tessitura della canapa. La selva di Prazzo era descritta già nel Settecento e poi ancora a inizio Novecento come la più grandiosa della provincia di Cuneo. Il taglio del legname costituiva una significativa fonte di reddito, ancora oggi l’attività economica più sviluppata insieme all’allevamento. La filiera produttiva legata alla tessitura della tela di canapa comportava un grande pendolarismo per gli abitanti, alla ricerca di materia prima o per commerciare il prodotto finito. In questo comune era importante anche l’emigrazione stagionale dei bambini, affittati come pastori.
Il museo “Fremos, travai e tero”, dedicato alla canapa e al lavoro femminile, situato nel palazzo dell’ex Regia Pretura in Prazzo Inferiore, espone una significativa parte della storia della valle.
L’attuale comune risulta dall’accorpamento di San Michele e Ussolo, autonomi dal punto di vista amministrativo fino al 1928. A partire dagli anni Trenta del Novecento furono costruite, durante le fortificazioni afferenti al Vallo Alpino, le caserme che si trovano nei dintorni di Prazzo Inferiore, oggi non più utilizzate. La presenza di soldati e ufficiali fino agli anni Settanta favorì lo sviluppo di alcune attività ristorative attive fino ai primi anni Novanta del Novecento.
La frazione Ussolo è quella che ha maggiormente mantenuto intatto il suo carattere medievale: muri in pietra grezza, tetti in lausa, portici e passaggi coperti sorretti da colonne. Da notare anche la parrocchiale di Santo Stefano, che sorge sui resti di una precedente costruzione del XIV secolo, di cui sono ancora visibili alcune decorazioni, capitelli e têtes coupées. Il suo particolare fascino l’ha resa ideale per ospitare produzioni cinematografiche, come “E l’aura fai son vir”, Il vento fa il suo giro, il film scritto da Fredo Valla, regista e sceneggiatore occitano, e diretto da Giorgio Diritti, che ha reso famosa la valle Maira a livello nazionale.

occitan Prats fai 185 abitants, e se tròba a 1030 metres d’autessa ai pè del mont Quersuenh en Val Maira: es format da 31 ruaas e fracions, coma Madalena, Ussòl, Sant Michel, Bescodon, Gleisa, Clòt, Granja, Raina, Vila. Lo topònim ven dal latin pratum, per lo territòri a l’entorn, plen de prats e pasturas, e decò per l’activitat d’enlevament e agricoltura praticaa da lhi abitants del pòst.
Las premièras testimonianças remonton al 1028: territòri del marqués de Busca e puei d’aquel de Saluces, fasia part de la Confederacion des dotze comunas de l’auta val Maira. Emè lo tractat de Lion del 1601 passa sot lhi Savòia.
Las activitats productivas, dapè a l’agricoltura e a l’enlevament, eron liaas a l’abondança de bòsc e al charbo. Lo bòsc de Prats jà ental Set Cents e puei al principi del Nòu Cents era retengut lo pus grandiós de la provincia de Coni. Lo talh del bòsc era una importanta resorça, e es encara encuei l’activitat econòmica pus esvilupaa abo l’enlevament. Per la produccion de la tela de charbo lhi abitants se devion meirar a la recercha de materias o per comerchar lo produch finit. Ent’aquesta comuna era importanta decò l’emigracion estagionala des mainaas, fitaas coma pastres.
Lo musèu “Fremos, travai e tero”, dedicat al charbo e al trabalh des fremas, ental palais de l’ex Regia Pretura a Prats Sotan, presenta una pichòta istòria de la val.
L’actuala comuna es naissua da l’acorpament de Sant Michel e Ussòl, administrativament autònoms fins al 1928. Despuei lhi ans Trenta del Nòu Cents venon realizaas, al temp des fortificacions del Val Alpin, las casermas de Prats Sotan, encuei abandonaas. La presença de soldats e oficials fins a lhi ans Setanta fai esvilupar de ristorants actius fins ai premiers ans Novanta del Nòu Cents.
La fracion Ussòl es aquela qu’a mai mantengut lo caracter medieval: murs en peira, cubèrts en lausa, pòrtics e passatges cubèrts e colonas. La parroquiala de Sant Esteve se tròba sus una precedenta construccion del XIV secle, e a gardat decoracions, chapitèls e têtes coupées. Per son gaubi es estaa cernua per ospitar produccions cinematograficas, coma “E l’aura fai son vir”, lo film escrich da Fredo Valla, regista e scenetjator occitan, e direch da Giorgio Diritti, qu’a rendut famosa la val Maira a livel nacional.