Portal Francoprovensal    Cammino: Lou Tsamin Francoprovensal

Bessan - 28/06/2010

Bessan - 28/06/2010

Bessan - 28/06/2010
italiano Bessans Dopo aver raggiunto il colle sul monte Roncia, cominciamo la discesa verso la Francia: abbiamo appena sconfinato e stiamo entrando nell’area che passo dopo passo percorreremo per la gran parte della nostra camminata, siamo ospiti della regione Rodano-Alpi (Rhône-Alpes). Che coincidenza, che cosa buffa questa nostra seconda tappa si trova sul confine con la penultima tappa di questo nostro viaggio: Balme. Cosa ancor più curiosa i due paesini, due centri di alta montagna, anche se molto diversi tra loro, per secoli, forse per millenni sono stati strettamente legati tra loro, una specie di gemellaggio ante litteram. Leggendo nelle pieghe del passato si trova una storia comune neanche troppo lontana, viva nei ricordi degli anziani, ricordi di quei tempi in cui le mucche attraversavano il confine, dividendo il pascolo con quelle francesi, uomini carichi di sacchi (con sale, tabacco, stoffe) animavano le cime facendo la spola tra Balme e Bessans e viceversa mentre i muratori altamente specializzati (specie nella costruzione di tetti in lose) scendevano nella vicina Maurienne (prima tappa Bessans) per offrire il proprio lavoro. Controprova di questo antico legame è nella grande affinità delle due varietà di francoprovenzale parlari sui due versanti (ben oltre la semplice appartenenza alla stessa famiglia linguistica): tralasciando i mutamenti “recenti” dovuti a processi di piemontesizzazione da un lato e francesizzazione dall’altro, resta comunque da notare come entrambe le parlate condividano le medesime regole fonetiche e glottoligiche (esempio più evidente è la conservazione in entrambe della desinenza in –s– per il plurale). Una memoria ricca, da non perdere, da raccogliere prima che anche gli ultimi vecchi ci lascino portandosi dietro parte della nostra storia, della nostra cultura delle nostre radici. Un filo rosso che riavvolgerò quando toccheremo infine Balme. Ma torniamo al nostro percorso: tra larici e abeti il sentiero ci porta direttamente nell’abitato di Bessans (1750 m), villaggio tradizionale, tipico della Haute Maurienne, posto ai margini del meraviglioso Parco Nazionale della Vanois e dell’Italia. La cittadina, grazie alle sue ricchezze culturali, costituisce una tappa obbligata degli itinerari alla scoperta del barocco francese. L’arte barocca è piuttosto rara in Francia, poiché molto presto si assiste al trionfo del classicismo. Tuttavia nel VII secolo mette radici solide in Savoia, grazie ad un complesso di circostanze. A partire dal 1563, con l’insediamento dei duchi di Savoia a Torino, si inaugura, nel territorio italiano, un intenso periodo di creazione artistica, che naturalmente si riverbera anche altre confine nelle valli alpine di confine, spesso anche frontiera tra gli stati cattolici e quelli protestanti (Ginevra). Il vescovo di Ginevra si è rifugiato ad Annecy e da qui anima la riconquista cattolica. Ma cosa hanno a che fare le vicende storiche con gli bellezze artistiche? Molto, infatti l’arte barocca, nata a Roma, è innanzi tutto arte sacra, che esprime un profondo rifiuto dell’austerità protestante. Così, servendosi di ori, bronzi, stucchi, prospettive e trompe-l’œil, si pone al servizio di un nuovo impetuoso slancio religioso, reso immediato all’occhio dell’osservatore grazie all’esuberanza delle forme, alla scenografia viva di curve, contro curve, colori e personaggi. In questo contesto culturale e artistico si inseriscono la cappella di Sant’Antonio e la chiesa di San Giovanni Battista. Al di là delle bellezze artistiche che arricchiscono questo bel borgo, ciò che ha attirato maggiormente la mia attenzione è una evento culturale del periodo natalizio: la “Natività di Bessans”. Si tratta di una rievocazione storica della nascita di Cristo, infatti la tradizione vuole che Gesù sia nato proprio a in questo paesino. La vigilia di Natale gli abitanti, rigorosamente vestiti con l’abito tradizionale, fanno rivivere la leggenda con danze, canti e dialoghi in francoprovenzale! Aspettando la tappa di domani vorrei lasciare un testo nella variante francoprovenzale di Bessans. Aléguer a eummeun.

Noël per cantare alla Messa Grande

Lasciamo il linguaggio della Francia
Piacevole linguaggio di Bessans
Fateci cantare un nuovo noël;
Cantiamo tutte queste belle feste
Dalla mattina alla sera
Tutto ciò che noi abbiam di più bello.
Se Adamo e la sua povera sposa 
non avessero creduto alle parole ingannatrici 
che li ha traditi; 
Il loro maledetto peccato di gola 
Ci ha condotti alla scaigura 
Cacciati fuori dal paradiso.
Ma Nostro Signore, il Santo Padre, 
si è ricordato dell'affare; 
Senza di Lui noi saremmo stati tutti perduti 
Ridotti a tanto dure sofferenze 
sempre a catene imprigionati 
Di quel maledetto diavolo cornuto.
Per liberare la nostra povera anima 
Egli ha inviato l'angelo alla Nostra Signora 
nella cittadina di Nazaret 
Lei contemplava le antiche scritture 
In ginocchio su un inginocchiatoio
Soletta nella sua stanzina.
....
franco-provenzale Dopou èsë aruvà aou col soou mount Roncha, eunqueuminèn a seundri vèrs la Freunsi. Sèn peur intrà eun l’aréa quë, pas dopou pas farèn peur la greun part dla nostra tapinada: sèn eunt lou tèritori doou Rhône-Alpes.
Quë coinchidènsi, quë choza drola sta nostra scounda tapa quë ès treuveut soou counfin eud la pénultima tapa dë sto nostrou viajou, Balmë. Choza euncoù piu crièouza li dui pais d’aouta mountanhi anquë së grô divèrs tra leu peur sécoul, chéntinaia d’an, ou sount istà strétameunt groupà tra leu da ‘na spéche eud gémélagiou ante litteram. Lézeunt eunt lë piéguë doou pasà ès treuveut ‘na storia coumuna nheunca tro lounhi, viva eunt li ricord dli vieùi, eurcordeunt tèn can quë eul vachë travérsavount lou counfin divideunt eul pasture avè seulle freunsèizë, om chérgìa eud sac a to sal, tabac, stofë ou animavount eul mountanhë, fazeunt la spola tra Balmë é Bésan è vichèvérsa, mèntrë li muradoù altameunt spéchalizà, spéchë eunt la coustrousioun eud cueurt eun lozë, ou séndont eunt la vizina Maurienne peur oufrì lou propi travai.
La preuva dë sto euntic légam è i eust eunt la granda afinità eud lë douë variétà eud francoprouveunsal deuscouruvë su li dui vérsant, bin lounh da la sémplichë aparténeunsi a l’istèsa famìi linguistica, lasèn eul moudifiquë piu moudèrnë douvuë a li prouchès eud piémountézizasioun da ‘na part é freunsèizizasioun da l’aoutra, rèsta da noutà coumë toutë é douë ou coundividount eul médézimë régoulë fonétiquë é glotologiquë (peur èzèmpi è i eust èvideunt la counsérvasioun eun toutë é douë eud la désineunsi eun –s– peur lou ploural).
‘Na mémoria rica da cuìi pruma quë lh’ultim vieui ou nou lasont, pourteunsë drè part dla nostra storia, dla nostra coultura é dlë nostrë rèis. Eun fil rous quë eurpiérèn can quë touchérèn, a la pénultima tapa, Balmë.
Ma tournèn aou nostrou pércoueurs, tra maleujou é peussë lou seunté ou nou porteut dirétameunt eun toou pais eud Bésan, pais treudisiounal, tipic eud l’aouta Maurienne eun cara doou bèl parc neusiounal dla Vanois é dl’Italia.
La sitadina, grasië al souë riqueusse coultural è costituèit ‘na tapa oubligaia peur lhi itinérari a la scoupérta doou baroc freunsèis.
L’art doou baroc è i eust pitò rara eun Freunsi, peurqué lèn ès pasèt aou clasichizmo. Pèrò eun toou sécoul XVII ou buteut eud rèis solidë eun Savoia, grasië a ‘na sérië eud chircousteunsë. A peurtì daou 1563, a to l’insédiameunt eud li duc eud Savoia a Turin, è s’inaougureut eun toou tèritori italieun eun périodo eud créasioun artistica quë naturalmeunt ou së slargeut oltre aou counfin eud lë val apinë é souveunt counfin tra lh’éstat catolic é lh’éstat proutéstant (Ginévra). Lou veuscou eud Ginévra difati ou s’avè rifugìa ad Annecy é d’éisì ou animaveut la riconcouista catolica.
Ma coza cou i ont a quë fâ eul vichéndë storiquë a to eul bleussë artistiquë? Grô, difati l’art baroca, naia a Rouma, è i eust pruma ad tout eun art sacraquë, ésprint eun proufount rifiut dl’aoustérità proutéstant. Parèi seuveuntsë d’or, eud brounz, d’éstuc, prouspétivë, trompe-l’œil ès pouneut aou sérivisi d’eun neu zleunsi rélijous cou reunt a l’uveui é a qui ou vardount l’ézubéreunsi dlë foueurmë, la shénografia viva dlë curvë, countrocurvë, couleu pérsounagi, streuvagueunsë.
Eun sto countést coultural é artistic ou s’insérèisount la chapèla eud Sant’Antoni é la gézia eud San Jouan Batista.
Oltrë al chozë bèlë cou ‘s treuvount eunt eusti post seun quë è i eu atirìa la mia aténsioun è i eust n’éveunt coultural doou périodo natalisi “la natività eud Bésan”. Ès trateut eud ‘na riévoucasioun storica eud la nashita eud Nousgnoù. Difati la treudisioun è veut quë Gesu ou s’èt nâ propi eun teusto pais. A la vigilha eud natal lh’abitant, rigourouzameunt a to li vistì eud la treudisioun, ou font rivivri la légènda a to chant, bal é dialogui eun francoprouveunsal.
Speuteunt la tapa d‘eummeun, j’arì gioi eud lasì eun tést eunt la variétà francoprouveunsal eud Bésan. Aléguer a eummeun.

Noê per tsanta à la Grand Messa.

Laissin de France lo langadzo,
De Bessans au plaisant ramadzo
Nos faut tsanta un noë novel ;
Tsantains tottes cettes bonnes fethes
Dès matennes tant qu'après vefrès
Tot cin quo nos' ain de plus bel.
Si Adam et sa poa créthianna
N'auchant pas creuy à la finna lanna
Dou serpint que los' a trahi;
Sa maladet pécha de goula
Nos a réduit a la malhoura,
Betta defau d'où paradis.
Mais nothron Seignou lo Saint Pae,
A betta recat " à l'affae;
Sins lue nos éthians tuit perdus,
Réduits à tant de malles peinnes
Todzorn inferras per le tzeinnes
De so maudits diablos cornus.
Per delivra nothra por arma,
0 mande l'andze à Nothra Dama
In la cità de Nazareth;
Lie contimplave de vios titros
A dzeignous deivant in peupitro,
Soletta din son cabinet.
....