Portal Francoprovensal    Cammino: Lou Tsamin Francoprovensal

Moncenisio - 27/06/2010

La Frèri - 27/06/2010

Moncenisio - 27/06/2010
italiano Eccoci al nostro primo punto tappa! Abbiamo raggiunto La Frera, nota come Moncenisio (Monsnis in piemontese). Si capisce subito che il piccolo borgo è un luogo tutto da scoprire e già il nome ha una lunga storia: infatti conservò il nome di Ferrera Cenisio fino al 1940, anno in cui il podestà fascista, in polemica con la Francia, spostò sul colle la sede municipale. Scopro così che con la fine della seconda guerra mondiale il comune di Ferrera ha perso il suo nome originario divenendo il Comune di Moncenisio.

Numerose sono le ipotesi circa l’origine del nome Ferrera: l’ipotesi più accredita sostiene che derivi dal latino “ferre”, “portare” in relazione con il nome della principale attività svolta dagli abitanti, cioè il trasporto di merci al di qua e al di là del comfine. Altri sostengono invece che possa derivare dall’arte del ferrare i cavalli, mestiere molto comune un tempo.
La storia del comune è strettamente intrecciata con quella del valico: dal 1500 circa il Moncenisio diventò il più importante passo delle Alpi Occidentali, tanto da essere considerato il “valico di casa Savoia”, unendo i territori savoiardi d’oltralpe a quelli del Piemonte. Il valico era utilizzato per ragioni economiche e commerciali ma anche dai pellegrini che percorrevano l’antica via Francigena per recarsi a Roma o addirittura in Terra Santa. Tutti avevano bisogno, durante il tragitto, di pernottare, di ferrare i cavalli e di procedere allo smontaggio delle carrozze per proseguire lungo le impervie mulattiere che transitando da Lanslebourg raggiungevano la Ferrera ed infine la Novalesa, dove le carrozze potevano essere rimontate. Si trattava perciò di un borgo fiorente, ma con la costruzione della Strada Napoleonica si modificarono i  percorsi, estromettendo dai traffici Moncenisio, portando la Val Cenischia ad un lento declino.
Il paesino nasconde numerosi segreti e bellezze: chiacchierando con gli abitanti scopro infatti che sotto le acque del lago si trova ancora il vecchio villaggio, con le sue case, la posta, la chiesa dedicata alla Madonna, gli alberghi (nel 1800 erano ben quattro!) e il famoso Ospizio.
Mentre parliamo, pian piano, tra un passo e una parola, visitiamo il paese: è così che, ad ogni angolo e ad ogni casa, mi imbatto nelle meravigliose meridiane che decorano gran parte degli edifici. In particolare due attirano la mia attenzione: il motto è scritto a nostra moda! La prima incoraggia il viandante “I et jamai tröt ter: couradzo” e la seconda infonde buon umore con “ lú siel me règhëglié”. 
Sulla piazza, un albero tutto contorto e bitorzoluto accoglie il visitatore: è il Frassino Maggiore, un bel “vecchietto” di circa cinquecento anni, non molto alto per la sua età (solo nove metri, come una casa di tre piani) ma con un fusto di circonferenza piuttosto notevole (5,70 m). Ancor oggi la popolazione gli è molto affezionata, forse in ossequio all’antica usanza di amministrare la giustizia e di prendere decisioni di interesse collettivo proprio sotto le fronde dei frassini. Nella storia recente, numerose sono le fotografie le cartoline che ritraggono il frassino a testimonianza di questo forte legame tra la popolazione e l'albero.
franco-provenzale Varda-nou éisì aou prum post tappa. Sèn aruvà a la Frèri, Mousnis an piémountèis, ès capèit subit quë lou chit pais è i-eust eun post tout da deuscruvì é geu lou noum ou i eu ‘na lungi storia difati ou counsèrveut lou noum Ferrera Cenisio fin aou 1940, an eun cui lou podéstà fasista, eun poulèmica avè la Freunsi, ou i eu spoustà soou col la sède munichipal. Deuscreuvou parèi quë a la fin eud la scounda gouèra moundial, lou coumun eud Férriérë ou i eu pérdù lou soun noum ouriginari vineunt poi coumun eud Moncenisio.
Numéroze ou sount er z'ipotézi chirca l'ouriginë doou noum Ferrera: l'ipotézi piu acréditaia è sustint quë ou dériveut daou latin "ferre" (pourtà) eun rélasioun aou noum eud la princhipal atività faita da lhi abitant, choé lou trasport eud la roba d'éisì é d'eud lai daou col. D'aoutri ou soustinhount énvéche quë è poseut dérivà da l'arte eud frâ li caval meusté grô coumun a sé tèn.
La storia doou coumun è i eust éstreumameunt éntreusìa avè seulla doou valic: daou 1500 chirca, lou Mounsnis è vint lou piu impourtant pas eud lez alp ouchidéntal, tant da ési counsidérà lou valic eud queu Savoia, couleugueunt eunsémbiou téritori seuvouiart eud l'aoutra part eud lë mountanhë a si doou Piémount. Lou valic ou i eureut utilizà peur razoun écounomic é coumérchal, ma anquë da li pélègrin, cou pércouront l'euntica vìi freunchigéna peur alà a Rouma o adiritura an Tèra Santa. Tuiti ou i avont beuzounh, dureunt lou treugit, eud pérnoutà, eud frâ li caval é d'ézmountà eul carosë peur preuségouì lounc eul mulatière cou treunzitavount da Lanslebourg peur aruvà a Fériérë é a la fin a Nouvaléiza, doua eul carosë ou pouont èstri rimountaië. Ès trateut pérchò d'eun chit pais flori, ma a to la coustrousioun dla vìi napoléonica ès moudifiqueut li pércoueurs taieunt da li treufic Mounsnis è pourteunt la val Chénisquia an déclin.
Lou pais ou scount grô tsègrë é bleussë. Chacharant avè lhi abiteunt, screuvou difati quë sout erz aivë doou lac ès treuveut euncoù lou vieùi pais a to eul souë queu, la posta, la gézia dédicaia a la Madona, lhi oubèrgi quë eunt ‘ou 1800 ou i érount bin cat é lou famous ouspissi.
Méntrë deuscourèn pieun pieun tra eun pas é ‘na parola, vizitèn lou pais parèi quë ad onhi queuntoun, a onhi queu treuvou eud méravilhouzë méridianë cou dècorount greun part eud lë queu.Eun peurticoular douë ou eutirount la mia aténsioun: lou motto ou i eust scrit a nostra moda. La pruma éncourageut lou viandant "I et jamai tröt ter: couradzo" é la scounda è m'eun buteut eud boun imoù " lú siel me règhëglié". 
Su la piasi ‘na pieunta touta tourchìa é pièina eud group è douneut lou binvinù aou vizitatoù, è i eust lou franhou majoùr eun bèl veieut eud chirca 500 an nhint grô aout peur la soua étà (meuc 9 méteur, cazi ‘na queu eud trai pieun) ma to eun paroun eud ‘na chircounféreunsi noutévoula (5,70 m.). Euncoù euncui la poupoulasioun é lhi aoutri ou sount afésiounà fosi peur l'ouzeunsi s'aministrà la justisia é piì eul déchizioun d'euntérès coulétiou propi sout al ramë doou franhou. Eunt la storia rèchènt ou sount noumèrouzë eul queurtoulinë cou riportount lou franhou a tèstimounieunsi dë sto grô é fort lègam treu la poupoulsioun é la pieunta.