Portal Francoprovensal    Cammino: Lou Tsamin Francoprovensal

Val d'Isère - 29/06/2010

Val d'Isère - 29/06/2010

Val d'Isère - 29/06/2010
italiano Lasciamo alle nostre spalle la bella vallata dell'Haute Maurienne, le ricchezze barocche di Bessans per arrampicarci lungo le pendici del Mean Martin, inoltrandoci così in un'altra bella valle savoiarda, la Tarentèsa (in francese Tarentaise): la valle francese percorsa dal fiume Isèr dalla sorgente fino ad Albertville.
La valle principale è glaciale, caratterizzata dal classico fondo piatto e contornata dai massicci del Beaufortin e del Monte Bianco a nord, e della Vanoise a sud. Il colle del Piccolo San Bernardo la collega alla Valle d'Aosta, con cui ebbe strettissimi legami religiosi, culturali e politici fino al 1861.
Durante il medioevo, la Tarentèsa fu luogo fondamentale per le comunicazioni tra l'Italia ed il nord Europa: in particolare, collegava Milano con Vienne, in Francia. Con l'affermazione dei Savoia, divenne una provincia importante per il casato.
Percorrendo la valle, scopro con mia grande sorpresa che, nonostante l'altitudine, essa è impreziosita da un vero tesoro: i frutteti, elementi importanti sia sul piano paesaggistico sia patrimoniale, nonché ambientale. Le antiche specie locali, perfettamente adattate al clima, sono motivo di vanto per la produzione savoiarda di mele. Intorno al 1920 la valle era la prima produttrice di mele del distretto, tanto che con l'arrivo della ferrovia (1914) vagoni stracolmi di mele partivano alla volta di Parigi. Ma una legge promulgata dal regime di Vichy (1943) proibì la commercializzazione delle varietà locali, in favore di quelle anglosassoni. 
Grazie però alla volontà e alla tenacia dei valligiani, le antiche varietà non sono andate perdute e ancora oggi valorizzano i villaggi, tuttavia si tratta di spazi continuamente minacciati dall'urbanizzazione crescente. Per questa ragione il "Contrat Global de Développement Tarentaise Vanoise" ha deciso di promuovere e contribuire alla valorizzazione e alla tutela dei frutteti della Tarentaise.
Nonostante la bellezza dei suoi frutteti, la valle è nota soprattutto per l'alta concentrazione di stazioni sciistiche: tra queste, una delle più rinomate è certamente Val d'Isère, collocata nella parte alta della valle del fiume Isere, al centro del triangolo di terra al confine tra Francia, Valle d'Aosta e Piemonte. La cittadina si presenta al visitatore come una valle ampia e aperta, delimitata a destra dai Rochers de Bellevarde. Al centro dell'abitato, trasformato nel 1992 in occasione delle Olimpiadi di Albertiville, si trovano belle casette in pietra (due o tre piani al massimo), con gronde sostenute da colonnine alla valdostana.
Sviluppata a partire dagli anni Trenta, oggi è una località famosa soprattutto per gli sport invernali, che deve il suo successo alla neve abbondante ed all'estensione delle piste da sci. Da appassionata discesista quale sono, come non citarvi la celeberrima "Libera" di Val d'Isere, tradizionale discesa del circuito della Coppa del Mondo di Sci che tradizionalmente si svolge nella prima parte della stagione. E' la discesa che ha reso famoso lo sciatore francese Jean-Claude Killy, tanto che proprio a lui è dedicato il Comprensorio Sciistico "Espace Killy" che unisce le piste di Val d'Isere a quelle della vicina località di Tignes.
Dal 1995, ogni anno l'inizio della stagione internazionale dello sci da discesa è segnata dal "Critérium de la Première Neige", gara che si svolge all'inizio di dicembre sulla pista Oreiller-Killy.
Tale è la levatura turistica - sportiva del paese da garantire lo sci estivo, praticato sul ghiacciaio del Pissaillas.
Aspettando la tappa di domani vorrei lasciar un testo francoprovenzale del XVIII secolo, dal titolo "Canzonetta alla savoiarda sopra la pace" nella varietà dell'Alta Tarantasia. La traduzione in Italiano è opera del rinomato francoprovenzalista Alexis Bétemps. Aléguer a eummeun.
Su Pernetta, ti vedo
Orendrey Ormai
Ridere di tutto cuore
Ora che la pace è ritornata
Ben ornata
Di una veste come Zorzi (?)
Ella ha una veste bianca
Sul fianco
Una sciarpa bianca e rossa
A cavallo su di un muletto
Un po' lento
Dello stesso colore di una nostra mucca.
franco-provenzale Lasèn al nostrë spalë la bèla valada eud la Maurienne é eul riquéssë baroquë eud Bésan, peur reumpiâ li veursant doou Mean Martin, intrant parèi eun n'aoutra bèla val seuvouiarda la Tarantèiza (an freunsèis Tarentaise), la val freunséiza traveursaia da l'Iser da eul sourgènt fin a Albertville. 
La val princhipal è i eust ‘na val glachal caratérizaia daou clasic fount piat é countournaia daou massis doou Beaufortin é daou Mount Bieunc a nord, é da la Vanoise a sud. Lou col doou Chit Sanbérnard, cou la coulégueut avè la Val d'Ousta, ou i eu peurmeutù eud avè raport strétisim rélijous, coultural é poulitic fin aou 1861.
Dureunt lou médioévo, la Tarantèiza è-i-eust istaia foundaméntala peur eul coumounicasioun tra l'Italia é lou nord d'Éouropa, eun peurticular è coulégaveut Mileun avè Vienne eun Freunsi. A to l'aférmasioun eud li Savoia è i eust vinua ‘na prouvincha eunpourtanta propi peur lou cazato. 
Fazeunt a pìa la val, deuscreuvou, to la mia granda sourpréiza, quë nonostante l'altitudinë è i eust eumpreutsiouzìa d'eun vèr tézor: li piantameunt eud poumé, élémeunt eumpourtant peur lou paizajou è peur lou peutrimoni oltrë quë peur l'ambieunt. Eul vieuië spéchë loucal peurfétameunt adataië aou clima ou sount moutiou eud blaga peur la proudousioun seuvouiarda eud poum. Euntoueurn aou 1920 la val è i éreut la pruma proudoutris eud poum eun toou distrèt tant quë, a to l'ariou eud la férouvia (1914) vagoun pièn eud poum ou peurtivount peur Paris. Ma ‘na légë proumoulgaia daou régimë eud Vichy (1943) è i eu proibì la coumérchalizasioun eud lë veurieutà loucal eun favour eud seulle eungléisë.
Grasië pérò a la voulountà é a la feurmeussi dli valigeun, eul vieuië veurieutà ou sount nhint alaië peurduë é euncoù euncui veulourizà eunt li pais, purtrop sèmprë piu minachìa da l'urbanizasioun créshènt. Peur sta razoun lou "Contrat Global de Développement Tarentaise Vanoise"ou i eu déchidù eud proumouvri é countribuì a la veulourizasioun eud la coultivasioun eud li poumé eud la Trantaise.
Nonostante la bleussi eud lë souë coultivasioun eud li poumé, la val è i eust counhusua piu eud tout peur l'aouta counchéntrasioun eud lë stasioun peur ligisë. Tra sittë una dlë piu rinoumaië è i eust cazi d'ésgù Val d'Izér couloucaia eunt la part aouta dla val doou fium Isère, aou mès d'eun trieungoul eud tèra ou counfin tra la Freunsi, la Val d'Ousta é lou Piémount. 
La sitadina ès prézeunteut aou vizitatoù coumë ‘na val largi è duèrta délimitaia a drèta dal Rochers de Bellevarde. Eun toou chèntro doou pais, treusfourmà eun toou 1992 eun oucazioun deul z'olimpiadi d'Albertville, ès treuvount eud bèlë cazeuttë eun pèra, dui o trai pieun aou masim, to chénal susténuvë da coulouninë a la veuldoustana.
Svilupaia a partì da lh'an Trenta, eucui è i eust ‘na località famouza piu eud tout peur lë squi, é è deut la soua riusia a la nai quë è i eust boundouza è a l'ésténsioun eud lë pistë.
D'apasiounaia disézista vou eurcordou meuc la famouza libèra eud Val d'Isere, treudisiounal dishèza doou chircouito dë coupa doou moundou dë squi, quë treudisiounalmeunt ès fait eunt la pruma part eud la steujoun invèrnal. È i eust la dishèza quë è i eu réndù famous lou shiatoù freunséis Jean-Claude Killy, tant quë euncui a quieul ou i ont dédicà lou coumprésori shiistic "Espace Killy", quë ou unèit eul pistë dla val d'Izèr é sèllë eud la vizina Tignes.
Daou 1995, onhi an a l'inisi dla steujoun eunteurnasiounal dë squi da dishèza, ès fait lou "Critérium de la Première Neige", gara qu'ès disputeut a l'inisi eud geuzèmbeur su la pista Oreiller-Killy.
La lévatura touristica é spourtiva dë sto pais è i eust talmeunt aouta cou garantèit finha d'istà la pousibilità eud ligisë soou guiasì doou Pissaillas.
Speuteunt la tapa d‘eummeun, j'arì gioi eud lasì eun tést francoprouveunsal doou XVIII sécoul daou titoul "Cheunsoun seuvouiarda eunsima la pas" eunt la variétà eud l'aouta Tarantèiza. La bèla tradusioun eun italieun è i eust istaia faita da lou stoudious francoprouveunsal veuldousteun Alexis Bétemps. Aléguer a eummeun.
Su Pernetta, ge te vey
Orendrey 
Rire a totta pleina gorgi 
Our que la pez è torna 
Bien orna
D'una cotta come zorzi
Egli a un cotillon blanc
Su le flanc
Una escharpa blanchi e roggy
A cheval sus ung mullet 
Ung pou blet
Qu'est dou peil de nostra moggy