L’uscita nel bosco presso la cascata del rio Bard- 30 settembre 2005

La sourtouò din lou boué anai vès pësèlh dë Bar- trënta dou mèi dë stèmbrou dou dbëmilëhinc-

LË SËZOUNJ DOU BOUÉ

Li travòlh plu ampourtënn dinli boué së fazhount dou soli an prëmò e dë sërnëtsië. An prëmò s'arangevou lë mëralhë e li vioul e së nëtéievë lou boué dë lë bròntsë tsèitë

dzò lou pèi dë la nèi ; de sëmëtsìë së doubavë lou boué dë lë folhë sëtsë e vënhount talhië lë plòntë.

LE STAGIONI DEL BOSCO

I lavori principali nei boschi si svolgevano di solito in primavera e in autunno. In primavera si riparavano i muretti e i sentieri e si ripuliva il bosco dai rami caduti sotto il peso della neve; in autunno si ripuliva il bosco dalle foglie secche e avveniva taglio delle piante.

Lou boué an prëmò

Lou boué dë tsoutèn

Lou boué dë sëmëtsië

Lou boué d’ëvèrt

Il bosco in primavera

Il bosco in estate

Il bosco in autunno

Il bosco in inverno

LË PLÒNTE

Li tsahnhië

Li rë

Li mëldoù

Li fou

La plaië

Li franhou

Lë bioulë

Lou rëzië sarvadzou

Lë-z-arbrë

Lë còoudrë

Lou vantsië

Lou pin

GLI ALBERI

I castagni

I ricci

I larici

I faggi

L’acero

I frassini

Le betulle

Il ciliegio selvatico

I pioppi

I noccioli

Il salice

Il pino

LËPÈRT DË LA PLÒNTA

Brontsilhet

Folhë

Bilhoun

Crëfö

Tèra

Rèi

Salhó o sava

bróntsë

LE PARTI DELL’ALBERO

Ramoscelli

Foglie

Tronco

Corteccia

Terra

Radici

Linfa

Rami

L'AMPOURTÒN-HË DOU BOUÉ

L'IMPORTANZA DEL BOSCO

Un tempo era molto importante possedere un terreno boschivo, perché la legna era l'unico combustibile a disposizione per scaldare le case.

A Novalesa vi erano in prevalenza boschi di castagno (tsahnhië) e faggio (fou) a valle, e di abetaie (li sòp e lë souifë) oltre i 1200 metri. Il terreno boschivo era talmente prezioso al punto che gli alberi venivano risparmiati per essere venduti e spesso i proprietari si accontentavano di bruciare gli scarti, le radici ( rei), i rami secchi (li garòt sëc) e i cespugli (li boueèishoun) del sottobosco. Dalla vendita della legna si poteva ricavare il denaro per acquistare sementi (lë sëmèn-hë), scarpe (li soulà) e vestiario (lë guinilhë). A volte, chi non possedeva terreni, cercava di prenderne in affitto da Comune, pagando annualmente una tassa (la talhë) e, dopo parecchi anni poteva tagliarne la legna. Il legname più pregiato (noce, ciliegio, abete rosso e bianco) veniva usato come legno da lavoro per ricavare mobili (li moblou), travi (li tral oun li tsanté) e tavolati (lë pò) da utilizzare per la costruzione dei tetti e dei pavimenti delle case .

Il legno del maggiociondolo (l'arbòrt), più flessibile degli altri veniva scaldato al fuoco, piegato e modellato per farne brahlët cioé impugnature delle slitte (lhoutë) e carne (lë canë), cioè bastoni ricurvi usati per andare al pascolo (an tsënn) o in montagna (an mountinhë). Con il frassino (franhou) ed il faggio si costruivano li lhivoun delle slitte. La ramaglia (la ramilhë) veniva raggruppata in fascine (lë fouèishinë), legate con rami (lë-z-ariourtë) di arbusti molto flessibili (lë tatoulë) e jvenduta al panettiere (lou fourné) che utilizzava il forno a legna (lou fòrt a boué) per la cottura del pane.
Altre fascine venivano conservate per accendere il fuoco (fëtsië lou fouò). Il legno di castagno veniva venduto ai commercianti (marcënn dë boué) che ne ricavavano il tannino usato nelle concerie (lë fèitërì) per ridurre la pelle animate in cuoio (lou couròm).

Nulla veniva sprecato, infatti anche la cenere (hindre) del focolare (lou foulèr) serviva per concimare i prati e i campi (fëmà li pra e li tsënn) e per lavare la biancheria (farë la blanchiò).

LOU TSAHNHËRÈI

IL CASTAGNETO

Tutte le famiglie del paese (lou paiì) possedevano almeno un castagneto perché aveva un'importanza fondamentale per la sopravvivenza delle persone.

Nel castagneto si raccoglievano (quilhount) le castagne (lë tsahnhë) per uso alimentare e per gli animali (lë behë). Ad esempio per fare il pastone al maiale (lou crin) venivano cotte e mescolate con la farina ed il siero del latte (couetë e mëhlhaië avo la farnò e la lèità). In autunno (dë sëmëtsië) le castagne venivano raccolte e anmucchiate (amouhëlaië an faszënn lou rëhië).Il mucchio veniva coperto con rami e foglie (lë bròntsë e lë folhë) e durante l'inverno (l'ëvèrt) i ricci (li ) venivano poi battuti (picoutà) con l'avaciour e lou picòt. Le castagne (li pourdzou) che ne uscivano erano fresche e ben conservate. Venivano poi stese sui balconi (dëhandëvë dësù lë lodzë) ad essiccare (sëtsië).
Al momento di usarle si ponevano in un sacco di tela (lou sèc de trouelou) e battute sulle pietre (labiou) o con il pistone (lou pistoun) per togliere la buccia ormai secca. Per separare poi la buccia dalla polpa si passavano in un setaccio (lou vònn). Nel castagneto e negli altri boschi si raccoglievano anche le foglie che servivano da lettiera per le mucche, le capre e le pecore (l’ampòlh prë lë vatsë, lë cevrë e lë faië) ma anche per preparare lou palhoun, cioè un giaciglio dove ci si sedeva durante le lunghe serate invernali e si faceva la rablà (la vilhò din li rablou).

LOU TRAVÒLH DOUB BOUÉ

LI TÈRMOU

Li tèrmou dë lë piehë ou vënhount marcà avo dë pérë rëhèitë e loundzë - lë bounë, plantaië vërticalamënn din lou tërèn, e ou mouravou lou pouënn an brò dë la mema piehë. Prë asurië quë hlò péra sissët aiaia fròn lou tèrmou, së plahievou a si dbë carou, anfoungiò dzò la tèra, dbë tòc dë péra qu'ou s'aviount an ahlhapënn la péra prë mouèita: hiti vënhount mandà li tëmouënn. Antequë i avèt pa la tèra së curavou li pouënn dë tèrmou an dësù dë la rotsë - la pëtsérë - avo tré linhë.

Lou teèrmou së marcavët asë an batënn dë mëralhë, pera zu péra, fèt avo biënn dë coumpëtòn-hë.

IL LAVORO DEL BOSCO


I CONFINI

I confini degli appezzamenti venivano segnati con delle pietre strette e lunghe, piantate verticalmente nel terreno ed indicavano il punto estremo della proprietà. Quale conferma che quella pietra fosse realmente un confine si ponevano ai due lati della stessa, sotto terra, due pezzi di pietra ricavati spaccando a metà una pietra: questi venivano chiamati "testimoni". Dove non c'era terra si incidevano i punti di confine direttamente sulla roccia con delle incisioni che rappresentavano tre righe.

Il confine si segnava anche costruendo muretti a secco, pietra su pietra fatti con maestria.

LOU TÈLH DË LË PLÒNTË


IL TAGLIO DEGLI ALBERI

Il taglio degli alberi, come ancora adesso, si poteva effettuare nel periodo autunnale ed invernale, dopo la caduta delle foglie e prima dello spuntare delle nuove gemme (apre la tsèita dë lë folhë e dëvënn lou pouintà dë lë dzëmë) . Non si potevano tagliare gli alberi presenti sugli appezzamenti (lë piehë), soprattutto per quanto riguardava le conifere, ma si dovevano lasciare le matricine, cioè alcuni alberi di almeno dodici cm di diametro che venivamo segnati con vernice rossa dalle guardie forestali; quelli che potevano venire tagliati venivano numerati con vernice rossa su tratti di tronco (li bilhoun) a cui veniva precedentemente asportata la corteccia (la crëfò).

I tronchi, di solito di abete bianco o rosso (lou sòp e la souifë), venivano trasportati alla segheria (la rèishë) all'inizio del paese (Li Tsoudòn) e servivano per fare assi (lë pò) per la pavimentazione (li planciò), per dividere la camera dalla cucina o altri locali, oppure per travature (li tral) del tetto della casa.

I lotti di legname erano misurati a "tèizë", cioè a cataste di legna.

I lavori più importanti erano quelli di mantenere il bosco pulito (lou boué nëtéiò). Si ripuliva il sotto bosco da

foglie, rami secchi, e ricci se era un bosco di castagni. Si pulivano gli alberi togliendo rami secchi e si eseguiva un disboscamento se era necessario, per far si che tutti gli alberi avessero luce a sufficienza per crescere meglio (prë crèirë mioù). Erano lavori svolti da tutta le famiglia. Gli uomini (li oumoù) tagliavano e spostavano (ou talhevou e ou tramavou) i legni più pesanti, le donne (lë fëmelë) ammucchiavano (lh'amouhëlavou) i rami più leggeri e anche i bambini (li mouèinà) davano il loro contributo raccogliendo piccoli rametti che depositavano in una gerla (lou grëbin), che sarebbero serviti per accendere la stufa (lou pouèlou oun l'ëstëva) o il camino (lou foulèr) al loro ritorno a casa. I bambini venivano ricompensati con un pezzo di pane e burro (ina lesë dë pòn e bëriou) e se c'era un po' di zucchero o miele (taspoù dë
sëcrou oun dë mél)
sopra.

Lou bouë ou vënèt trèinà ba dësù la lhoutò e a pe avo lou tsarët din l’armiza

La legna viene portata a valle sulla lesa e poi con il carro nella legnaia

LI MOBLOU

GLI ATTREZZI

Gli attrezzi usati per il taglio degli alberi erano la pioula (scure), lou pioulët (la scure piccola), la rèishë (la sega), lou fouhët (il falcetto) e lou trousour, una grossa sega che veniva usata in due per abbattere gli alberi.

Per ammucchiare le foglie e pulire il terreno si usavano lou rahèl (il rastrello); le foglie venivano poi raccolte o nella courdà con rami sulle corde per trattenerle o nei vatèn, cioè le lenzuola di canapa che servivano per fare le patënà, entrambe venivano portate a spalle fino a casa o fino a lou tsarët (carro trainato dalle persone); in seguito lou cartoun (carro), trainato da muli o cavalli.

La pioula din lou tròs dë boué

Lou sapin

Lë rèishë

Lou trousour

Lou coumònglhou

La mahë

Li couënn e li clhapoun dë boué

Lou fouhët ahaciò ou cròc

La pioula din la grëbò – hëpò-

Lou cavalët prë rèishië lou boué

LË BEHË DOU BOUÉ

L’eglhë lh’èt prèn in rèt

La lévra lhë mashë l’èrba avo si lëvròt

Lou rë ou dbèrt dësù in cociou rèn dë folhë

Lou grëlh ou l’èt fèt l’ampleta e arò ou dbèrt tranquilou

Li cervou ou mashou li bròt e lë folhë dë lë plòntë. D’ëvèrt, cònquë i èt la nèi, ou mashou la crëfò

Lou rèinot ou vit din lou boué ma ou l’èimë tsahië e sartsië lou mëndzië damprëtòt. Ou mashë li rèt, lë ramuzë, li zouèl, lë lévrë ma asë lë lëmahë e li vèrmou

Lou tsanavèl ou dbèrt pandënn lou dzòrt e ou vèt a la tsahë dë nhouèt. Ou l’èimë mëndzië li rèt, li zouèl, li shiròt ma asë li pciòt dë le-z-otrë behë

Lou darboun ou vit din lë galërì c’ou curë din la tèra. Lë galërì ou sarvèisou asë da trapa prë lë biiotë c’ou tsaiou din : vèrmou, lëmahë

Lou shiròt et ina behë biënn dëgourdiò: ou sotë d’ina bròntsë a l’otra an èidënsë avo sa grousa couò. Ou fèt soun ni dësù lë plòntë avo li garòt e lë folhë sëtsë. Ou mashë la sëmèn-hë, li boulèlh, lë lëmahë e li ouò di zouèl

Li cinguial ou sòrtou dë nhouèt prë curà di lou tërèn e sartsië lë rèi, lë troufoulë e li vèrmou. Ou mashou asë lë tsahnhë, lë nhouì, lë-z-oulnhë,li anglhòn, lë poumë.

Lou piquerèl ou së nurèit dë tsamoulë e dë biiotë c’ou sount dëzòt la crëfò dou bilhoun prë troualë ou dèit fourà lou bouè avo soun bèc fòrt e pouintoù

Li capriël ou së couso ou mouèitèn di bouèishoun e ou scapou viò cònquë ou sèntou dë vacarmou oun cònquë ou vaiou dë prësënë

GLI ANIMALI DEL BOSCO

L’aquila ha preso il topo

La lepre mangia l’erba con i suoi leprotti

Il riccio dorme su un morbido strato di foglie

Il ghiro ha fatto la provvista e adesso dorme tranquillo

I cervi mangiano i germogli e le foglie degli alberi. D’inverno c’è la neve, mangiano la corteccia

La volpe vive nel bosco ma ama cacciare e cercare il cibo dappertutto. Mangia i topi, le lucertole, gli uccelli, le lepri ma anche le lumache e i vermi.

Il gufo dorme durante il giorno e va a caccia di notte. Ama mangiare i topi, gli uccelli, gli scoiattoli ma anche i piccoli degli altri animali

La talpa vive dentro le gallerie che scava nella terra. Le gallerie servono anche da trappola per gli animaletti che ci cadono dentro: vermi, lumache …

Lo scoiattolo è un animale molto agile: salta da un ramo all’altro aiutandosi con una grossa coda. Costruisce il suo nidi sugli alberi con i rametti e le foglie secche. Mangia i semi, i funghi, le lumache e le uova degli uccelli

I cinghiali escono di notte per scavare nel terreno per cercare radici, patate, vermi. Mangiano anche le castagne, le noci, le nocciole, le ghiande, le mele

Il picchio si nutre di larve e di insetti che sono sotto la corteccia del tronco e per scovarle deve forare il legno con il suo becco forte e appuntito

I caprioli si nascondono tra i cespugli e scappano via quando sentono del rumore o quando vedono delle persone

LA TSAHOUN DOU TSAHOUR

Lou tsahour vèt a la tsahë avo lou tsin — avo lou tsin (2)

ou l'ët alà a Hënn dë Rotsë e inot ou Fai — e inot ou Fai

ou l'ët alà a Hënn dë Rotsë e inot ou Fa-ai

Ou l'è’ vu ina bèla lévra din in bouèishoun — din ün bouèishoun (2)

e in dzai ou l'è' tsantà prinla pa — prinla pa

e in dzai ou l'è' tsantà prinla pa - pa pe.

Lou tsahour l'è' prèn pashèn-hë e ou s'èt astà — e ou s'èt astà (2)

ma in rèinot ou l'ët arvà ansèn lou shiròt — ansèn lou shiròt

ma in rèinot ou l’ët arvà ansèn lou shiròt - ròs.

Ou së sounn bëtà sounà dëdin lou pra — dëdin lou pra (2)

e la lévra lhë dan-hievët avo ina bartò — avo ina bartò

e la lévra lhë dan-hievët avo ina bartò - in foudal.

Lou tsahour s'èt afardà vé hënn iquië — vé hënn iquië (2)

ma la lévra lhë dëvënouò ina bèla filhë — ina bèla filhë

ma la lévra lhë' dëvënouò ina bèla filho-ota.

Lou tsahour e la filhota së sounn marià — së sounn marià (2)à ma a lë lévrë pa — ma a lë

lévrë pa

a la tsahë ou l’ët alà ma a lë lévrë pa - pa me.

LA CANZONE DEL CACCIATORE

Il cacciatore va a caccia con il cane — con il cane (2)

è andato al Villaretto e su al Fai — e su al Fai

è andato at Villaretto e su al Fai.

Ha visto una bella lepre in un cespuglio — in un cespuglio (2)

e una ghiandaia ha cantato non prenderla — non prenderla
e una ghiandaia ha cantato non prenderla - poi.

Il cacciatore ha preso pazienza e si è seduto — e si è seduto (2)

ma una volpe è arrivata con lo scoiattolo — con lo scoiattolo

ma una volpe è arrivata con lo scoiattolo rosso.

Si sono messi suonare nel prato — nel prato (2)

e la lepre danzava con la cuffia — con la cuffia

e la lepre danzava con la cuffia — e il grembiule.

Il cacciatore si è agitato a vedere ciò — a vedere ciò (2)

ma la lepre è diventata una bella ragazza — una bella ragazza
ma la lepre è diventata una bella ragazzina.

Il cacciatore e la ragazza si sono sposati — si sono sposati (2)

e alla caccia è andato ma non alla lepre — ma non alla lepre

e alla caccia e andato ma non più alla lepre — non più

Anno scolastico 2005-2006

Scuola primaria di Novalesa

Totale alunni:29

Alunni non dialettofoni: 29

Alunni con competenza passiva:15

Tutti gli alunni possiedono una minima competenza attiva su limitati argomenti trattati a scuola nel corso di quest'anno scolastico e negli anni scolastici precedenti, da quando è iniziato il Progetto del Circolo relativo alle Lingue minoritarie.

Tre insegnanti risiedono nel paese, una sola (Reynaud Renza) è di lingua madre franco-provenzale.

Il lavoro di ricerca è stato svolto attraverso questionari alle famiglie, interviste ad anziani ed esperti, uscite sul territorio, produzione di testi e disegni e realizzazione di fotografie.

Un esperto di lingua franco-provenzale del paese ha seguito le attività coadiuvando le insegnanti nella scrittura del patois.

Ringraziamo tutte le famiglie che con molta disponibilità ci hanno aiutato nella ricerca

Ringraziamo in modo particolare le persone anziane che ci trasmettono con piacere il loro sapere Ringraziamo il signor Matteo Ghiotto che ci sta insegnando a parlare, scrivere e leggere in francoprovenzale e che ci ha aiutati nella stesura del libro