NOUALÈIZË

Noualèizë et in pëchòt paì dë mountinhoe qu'ou së trouvët a carqui quiloumètrë dë la frouncérë franseza, din la Coumba dë Hniclha a li piò d'Artsëmëloun, an prouvincha dë Tërin.

Nouroun paì ou l'ët ina vriò viëlh, lë moueizhoun sount dë pérë avó li tèt dë louzë, i èt in Ëglhizë dë la parotsë avó dë couadrë (cadó dë Napoulioun) e ina viélhë Abaì (foundaia din lou 726 a.C) ancrò abitaia da li Bënëdëtin.

Din nouroun paì ou l'arestou anpoupre 550 prësënoe e nou moueinà dë la Scoula Pëchota dë sèin an 26.

Ioe da nou 1ë prësënoe viélhë ou barjacou lou patouà fròn-prouvansal e a nou nou pleizëroet ampreindrëzoù prëquèi quë dë voulèin pa qu'ou dëvënissët ina lèinga mòrta. Asoe lë fehë e coustëmë sount ancrò biënn santëvë e d’èin avòu dësidà lë fehë e lë dëscrirëzënn rinquë unò: la Feha dë Sèint Oudrà.

NOVALESA

Novalesa è un piccolo paese di montagna che si trova a pochi chilometri dal confine francese, nella Val Cenischia ai piedi del Rocciamelone, in provincia di Torino.

Il nostro paese è molto antico, le case sono in pietra con i tetti di lose, vi è una chiesa parrocchiale che contiene splendidi quadri (dono di Napoleone Bonaparte) e un'antichissima abbazia (fondata nel 726 d.C.) ancora abitata dai monaci benedettini.

Nel nostro paese vivono all'incirca 550 persone e noi bambini della Scuola Elementare siamo in 26.

Qui da noi le persone anziane parlano il patouà franco-provenzale e a noi piacerebbe impararlo perché non vogliamo che diventi una lingua morta. Anche le feste e le tradizioni sono ancora molto sentite, ne descriveremo soltanto una: la Festa di Sant'Eldrado.

Hiti dë sèin nou avó ina coublò dë dzëvënoù vëhù da savouièrt.

Questi siamo noi con una coppia di giovani vestiti in abito tradizionale.

Nei giorni di festa i nostri nonni indossavano degli abiti tradizionali molto preziosi, soprattutto quelli delle donne. Questi vestiti si indossano adesso nelle grandi feste e coloro che possiedono un vestito tradizionale lo conservano con molta cura; molto preziosi sono gli scialli di seta e le cuffie con il pizzo.

LA ROBA SAVOUIÈRDA

LA BARTÒ

LA POUCËNTÒ

LË LIVREË

LA COULARETA

LA CROÌ

LOU FOULAR

LË FRËLÈINDZË

LOU FLOURADZOU

LOU FOUDAL

LOU FLOC

ABITO DA FESTA FEMMINILE

Il vestito da savoiarda

la cuffia

il pizzo inamidato della cuffia

i nastri

il colletto Bianco del vestito

la croce

lo scialle

le frange

il disegno dello scialle

il grembiule

il fiocco attorno al la vita

Oudra - Eldrado

Eldrado nacque nella seconda meta dell' VIII secolo in Francia, poco lontano da Briançon, da una famiglia nobile e ricevette una educazione religiosa ed intellettuale adeguata al suo ceto. I suoi genitori morirono quando egli era ancora giovane e così Eldrado decise di rinunciare a tutte le sue ricchezze per seguire e vivere il vangelo. Indossato il saio e con una bisaccia a tracolla ed un bastone per sostenersi iniziò la sua vita di pellegrino. Si diresse in Spagna, andò al santuario di S.Giacomo di Compostella, poi ritornò in Francia e infine attraverso il Colle del Moncenisio giunse all'Abbazia di Novalesa (Sènt Pérë) dove fu accolto da moltissimi monaci, Diventato abate ampliò il monastero e si impegnò affinché gli amanuensi continuassero il loco paziente lavoro di ricopiatura di testi biblici. Ma soprattutto Eldrado trascorreva la sua vita pregando e curandosi delle anime dei suoi monaci e di tutte le persone dentro e fuori del monastero.

Non si conosce l'anno della sua morte, ma le sue reliquie sono conservate in un'urna d'argento che si trova attualmente nella chiesa parrocchiale di Novalesa e che ogni anno viene trasportata in processione all'abbazia la domenica successiva il 13 marzo, giorno in cui si dice sia morto S. Eldrado.

Viélhë prëiérë a Sèint Oudrà quë li viëlh ou l'ount mourà a li dzëvënoù.

La prëiérë dë Sèint Oudrà

Sènt Oudrà,

proutëtour di pchòt moueinà

fe qu’on creisissou sòn e rëbustou

e da grënn ou sissou ounèst e justou. Donna ta bëndishoun

a nouroun travòlh e a nourë moueizhoun

e si lou Boun Jou on vout tin lhouèin da nou

lë dësgrahë, lë mizerë e le trëbëlashoun.

Paré-i-sissë.

Antica preghiera a S.Eldrado tramandata oralmente di padre in figlio.

Sant'Eldrado,

protettore dei bambini piccoli

fa che crescano sani e robusti

e che da grandi siano onesti e giusti.

Dona la tua benedizione

al nostro lavoro e alle nostre case

e se il Buon Dio vuole tieni lantana da noi le disgrazie, le miserie e le tribolazioni.

Così sia

La prëséioun dë Sèint Oudrà

Së partèit a nou e dëmì dë l'Ëglhizë a la Vlò e, an avouitënn in ourdrë oublijò, së vèt vès la bourjò dë Sèint Pérë antequë së trouvët l'Abaì. Din sëtò prëséioun së pourtët la Quesë, countënënn lë 'Rëliquë dou Sënn, e toutoe lë dzèinn dou paì z'i vount, lou prérë, lou Vëscou, li Priour e lë Priourë dë lë difarèintë Coumpanhì, li tsòntrë e lë tsantri­në, la Bònda Mëzëcal, lou Grëp di Alpin e ii Couscrì. La prëséioun lhë fèt din in tsëmin dë campanhë ou moueitèin di pra. Tèin quë ou Milë nouhènn e hinquëntë sèt, din la plahë mandà di Catrou Tsëmin, s'atandèt la prëséioun quë, tramantì Ih’erët parchò da Vënó e quë, an travasënn lou Poun Plantaië dësù Hniclha, së unèt a hlò dë Noualèizë. Di pe lou Milë nouhènn e hinquëntë ouìt la prëséioun da Vënò lh'èt pa me pousù aierë feta prë mou dë la ravadzouza rëvënò quë i'èt dëstrouì Poun Plantaië don Hinquëntë sèt. Arvà a l'Abaì ou s'intrët din lou Parc, tèin quë a la Tsapela dëdiò ou Sënn, antequë li dëvòt ou poulou boueizhezënn la Rëliquë, a pe së vèt inënn tèin quë a l'Ëglhizë Sèint Pérë prë la cëlëbrashoun dë la Sèinta Mësò. Apre la Mësò tpit ou së trouvou din la Plahë dëvënn l'Ëglhizë antequë lhë vënt sëmounouò ina boundouza casëcroutë dë la Pro loco tandënn quë la Bònda Mëzëcal lhë soun-nët d'alegrë martsë. Tèin quë e carqui ënn fèt in grëp dë dzëvënoù vëhù avó la roba dë Noualèizë ou dan­hievët dë bòl fròn-prouvansal.

Vuquë a scoula sèin an camin a farë in cours tsu stë dòn-hë ioe, spërèin, din lh'ënn vënënn dë arprèindrë hlò coustëma.

La processione di S.Eldrado

La processione di S. Eldrado si svolgeva, un tempo, il giorno stesso della festa del Santo, cioè il 13 marzo – li trèzë dë mars-, anche se era un giorno feriale; ora, invece, si fa sempre la domenica successiva al 13 marzo -la dëmèindzë d'apre li trèzë.

Si parte alle ore 9,30 dalla Chiesa parrocchiale e, seguendo un ordine ben preciso, ci si avvia verso la frazione di S.Pietro dove si trova l'Abbazia.

In questa processione si porta l'Urna contenente le reliquie del Santo e vi partecipa tutta la popolazione, il sacerdote, il Vescovo, i priori delle varie confraternite, la cantoria, la Banda musicale, il gruppo degli alpini e

coscritti. La processione si snoda nella strada di campagna tra i prati.

Fino al 1957, alla località. "Quattro strade" si attendeva la processione che, nel frattempo era partita da Venaus e che attraversando un ponte sul torrente Cenischia si univa a quella di Novalesa. Dal 1958 la processione di Venaus non ha più potuto aver luogo perché la disastrosa alluvione del '57 ha distrutto il ponte (Poun Plantaië). Giunti al monastero ci si inoltra nel parco, fino alla Cappella dedicata al Santo, dove i fedeli possono baciarne la reliquia e poi si procede fino alla chiesa abbaziale per la celebrazione della Santa Messa. Dopo la S. Messa ci si ritrova tutti nel piazzale antistante la chiesa dove viene offerto un lauto rinfresco dalla Pro Loco mentre la banda musicale suona allegri motivi. Fino a qualche anno fa un gruppo di giovani vestiti in abito tradizionale danzava balli franco-provenzali. Siccome a scuola stiamo svolgendo un corso su queste danze, speriamo, nei prossimi anni di riprendere questa tradizione.

Come tutte le processioni che si svolgono da centinaia di anni nel nostro paese, anche quella di S. Eldrado segue un ordine molto rigido che viene fatto rispettare da due Pastorali (soci della Confraternita del S.S. Sacramento che un tempo indossavano un camice bianco). Vi sono stati nel tempo alcuni cambiamenti che ora evidenzieremo.

IN COL- Un tempo

Stendardo di S.Eldrado

Croce

Bambini

Donne

Le canterine col velo bianco tra cui una crucifera e le altre che portano i lanternini

Priore delle diverse Confraternite (Madonna del Rocciamelone, Madonna del Carmine, Madonna del Rosario, Confraternita del S.S. Sacramento) tutte con il velo bianco

Cantoria Parrocchiale (Compagnia

di S. Cecilia)

Vescovo e sacerdoti

Urna di S.Eldrado portata a spalle

dai coscritti (18 — 19 — 20 anni)

Priori delle diverse Confraternite con il camice bianco

Autorità

Uomini

Banda Musicale

INCOUE –OGGI

Stendardo di S.Eldrado

Banda musicale

Croce

Bambini

Donne

Donne in vestito savoiardo che portano i lanternoni

Priore delle diverse Confraternite (Madonna del Rocciamelone, Madonna del Carmine, Madonna del Rosario, Confraternita del S.S. Sacramento) tutte con il velo bianco

Cantoria Parrocchiale

Vescovo e sacerdoti

Urna di S.Eldrado portata a spalle dagli alpini

Priori delle diverse Confraternite con il camice bianco

Autorità

Uomini

Coscritti con le bandiere

ÌË INCOUOE

Tsantrin-në avó la crouì e li lanternoun

Dzëvënoù vëhù a la savouièrda avó la crouì e li lanternoun

Li dbë pastoural

Lou pastoural a piò dë la quesë

La quesë pourtà tsu lë-z-ëfalë di couscrì

La quesë pourtà tsu lë-z-ëfalë di Alpin

IERI E OGGI

Canterine con croce e lanternini

Giovani in abito tradizionale con croce

e lanternini

I due pastorali

Il pastorale accanto all’urna

Urna portata a spalle dai coscritti

Urna portata a spalle dagli alpini

Lë countrolë e li ,ëraclhou rëgardënn Sèint Oudrà

Sèint Oudrà ou l’arivët a l’Abaì dë Noualèizë

Le leggende riguardanti la vita e i miracoli di Sant’Eldrado

L’arrivo di Sant’Eldrado all’abbazia di Novalesa.

Si racconta che Eldrado, pellegrino -pëlërin-, stava camminando da lungo tempo, aveva già visitato molti monasteri -ou l’avèt dzò vu inavriò d'Abaì- e ne stava cercando uno in cui fermarsi per sempre.

Arrivò all'abbazia di Novalesa proprio mentre tutti i monaci si trovavano in chiesa a pregare -ou l'ët arvà a Sèint Pérë tandënn quë tpi li fra ou ierou din l’ëglhizë prë prëìë. Eldrado aprì il portone -ou l’ët ivèrt lou portoun- e si fermò sulla soglia con il suo bastone in mano -avó lou bahoun din la mòn- e la bisaccia sulle spalle -lou sacapòn tsu lë-z-ëfalë-, ma i monaci erano talmente assorti nella preghiera che nessuno si accorse di lui e si voltò per guardare. Eldrado capì immediatamente che quello era il monastero in cui si sarebbe fermato perché la preghiera era la cosa più importante per quei monaci e niente poteva distrarli -la prëiérë lh'erët la tsouza plu ampourtèinta prë hi fra e rënn poulèt dëhourbali.

Tampehë ou mar

Burrasca in mare

Tanti e tanti anni fa, dei soldati -soudèrt- italiani di ritorno dalle Crociate, al comando di Goffredo di Buglione, stavano navigando verso l’Italia ed erano imbarcati su due navi.

Ad un tratto le navi furono sorprese da una grande tempesta in alto mare. Una nave fu immediatamente sommersa. Gli uomini che erano imbarcati sulla seconda nave invece si salvarono perché su quella nave c'era un crociato novalicense, il quale, al sopraggiungere della tempesta, cominciò a raccontare ai suoi compagni i miracoli fatti da Sant'Eldrado -ou l’èt acoumahiò a quintà a si cambrada li mëraclhou fèt da Sèint Oudrà. Quindi tutti i crociati, trovandosi in pericolo, pregarono con fede e si raccomandarono al Santo e così si salvarono -dounca tpi li soudèrt, an së vaiënn an përiclhou, ou l'ount préiò avó fiò e ou së sount arcoumandà ou Sënn e paré ou së sount souvà.

La fountòn-na dë l’oulhou

La fonte dell'olio

Una volta a Novalesa c'era una grande povertà e tutti gli abitanti del paese avevano molto poco da mangiare -in còl a Noualèizë i avèt ina grëta mizerë e tpi li valëzòn ou l'aviount pou a mëndzìë. Allora S.Eldrado si avvicinò ad una roccia e la colpì con il suo bastone -prë hënn Sèint Oudrà ou s'èt aprouchò a ina rotsë e ou l'èt picà in crëp avó soun bahoun; ne uscì una fontana di olio ed era così abbondante che ce n'era per tutta la gente del paese -d'iquioe lh’èt sourtouò ina fountòn-na d'oulhou si boundouza qu'i nh'avèt prë tò lë dzènn don paì. Per ringraziare i novalicensi fecero fare un mestolo d'oro che serviva per raccogliere l’olio -prë rëngrashà, li valëzòn ou l’ount fèt ina cahë d'our quë lhë sarvèt prë poueizhìë l'oulhou. I monaci dell' Abbazia però, vedendo che l’olio era abbondante pensarono di venderne e guadagnare qualcosa, ma da quel momento la sorgente non diede più olio ma solo acqua – li fra dë Sëint Pérë pourtënn, an vaiënn quë l'oulhou ou l'erët si boundoù, ou l'ount biënn sounjò dë vèindrëzënn e ganhìë carcarënn, ma di pe hë còl la sourdzënn lh'èt pa ma voueidà d'oulhou ma rinquë d'eva.

Li dbë brëdzìë e la vipra


I due pastorelli e la vipera

Un tempo due pastorelli stavano pascolando le loro mucche -on l'alavou an tsënn a së vatsë- nella zona di Sarologlio -Sarouèl-, e siccome queste erano tranquille i due amici si addormentarono -li dbë amì ou së sount

androumì.

Ad un certo punto un pastorello si svegliò e vide che una vipera stava entrando nella bocca -ina vipra lhë intràvët din la goula- del suo amico addormentato, attirata dall' odore del latte -triò dou fla dou lahèl.

II pastorello spaventatissimo si mise ad urlare -lou brëdzìë tòt afardà, ou s'èt bëtà brëlà-, caricò l’amico sulle spalle e lo portò a casa -on l'èt sarjò soun amì tsu lë-z-ëfalë e ou l'ët mënà a moueizhoun.

Anche la mamma si spaventò moltissimo però, nonostante la paura, si mise a pregare S. Eldrado affinché liberasse suo figlio -lhë s'èt bëtà prëië Sèint Oudrà prë qu'ou l'issët dëlibrà soun garsoun.

Lo avvolse in vestiti caldi e lo portò fino alla cappella di Sant'Eldrado -ampatoulhò din dë tsodë guinilhë, lou garsoun ou l'ët aià mënà anài a la tsapela dë Sèint Oudrà.

Si inginacchiò per pregare -lhë s'èt bëtà an dzinhoun prë prëìë-, e dopo un po' la vipera uscì dalla gola del bambino e strisciò nel bosco vicino. Cosi il bambino fu salvo -paré lou moueinà ou l'erët aià souvà.

L'abaì dë Briansoun

Il monastero di Briançon

Un giorno Sant' Eldrado mandò dei monaci a Briançon a fondare un monastero per ospitare forestieri e pellegrini -in dzòrt Sèint Oudrà ou l’èt avoù mandà dë fra a Briansoun a batì in abaì prë ouspità dë fourësté e dë pëërin. I monaci partirono, ma quando iniziarono i lavori videro uscire dal suolo molti serpenti che impedirono loro di continuare a lavorare -cònquë ou l'ount coumahiò li travòlh ou l'ount vu sòrtrë dë la tèra ina vriò dë sarpòs qu'ou lhi ampëcevou d'ala inënn a travalhìë.

I monaci spaventati avvertirono subito Sant' Eldrado, che parti da Novalesa con altri monaci. Quando si ritrovò davanti ai serpenti, Eldrado, si fermò a pregare, mise la punta del suo bastone per terra e con meraviglia si videro i serpenti radunarsi intorno al bastone —Oudrà, ou s'èt plantà a prëìë, ou l'èt bëtà la pouinta dë soun bahoun prë tèra e avó mëravilhë ou l'ount vu li sarpòs tpit aproucesë a l'antòrt dou bahoun. Allora egli li guidò con il bastone in una buca nel terreno ed essi vi entrarono uno a uno -aloura lhouoe ou lhi èt guidà avó lou bahoun din in hòt dou tërèin e hili z'i sount intrà. Quando furono tutti entrati, Sant' Edrado ordinò loro di non uscire mai più. Così i monaci continuarono a lavorare tranquillamente e fondarono il loro monastero.

Lou sënoù dë Sèint Oudrà

Il sonno di S.Eldrado

L'abate Eldrado si rifugiava di solito in un ripiano selvaggio situato nel parco dell'Abbazia —l'Abà Oudrà ou l'alavët dou soli din in plòn sarvadzou a piò dou Parc dë l'Abaì- che era poco distante dalla fontana e li poteva meditare guardando la natura. Un giorno, ascoltando il canto di un usignolo, si addormento in dzòrt, an ahutënn la vouès d’in arsinhoul, ou s'et androumì. Quando si svegliò tornò al monastero ma i monaci lo cacciarono dicendo di non conoscerlo. Poco dopo i monaci consultarono i documenti dell'Abbazia e alla fine risultò che Eldrado era veramente esistito, ma trecento anni prima treihènt ònn dëvënn!

Ancora oggi si vede la grotta nella quale Eldrado dormì per trecento anni ancrò toutarò së vouèit la barma antequë Sèint Oudrà ou l'èt droumì prë treihènt ònn- ed a situata vicino alla "fonte dell'olio" che adesso offre acqua fresca e alla quale, la gente di Novalesa attribuisce virtù terapeutiche soprattutto per le malattie agli occhi -la fountòn-na dë l'oulhou lhë dounë l'eva frésë quë lë dzènn dë Noualèizë ou craiou lhë poulissët souanhìë lë maladì lh'ouoelh.

CONCOURS CERLOGNE

Scuola Elementare di Novalesa

Direzione Didattica di Susa (To)

Alunni 26 divisi in due pluriclassi (prima e seconda, terza quarta e quinta)

Classe 1 —2

Belmondo Alessia

Bernard Lorenzo

Conca Stefano

Gattiglio Andrea

Gattiglio Guglielmo Marzolino Nicolas

Vitelus Adrian

Cipri Lorenzo

Giai Sabrina

Perottino Valentino

Roccia Michele

Vayr Maurizio

Classe 3 —4 —5

Barbero Dario

Cimaz Alessia

Conca Michele

Gattiglio Clara

Lambert Michela

Roccia Manuela

Talento Mattia

Capurso Andrea

Clemente Stefano

Foglia Alessia

Marzo Walter

Giovazzini Matteo

Perottino Severino

Vayr Elisa

Insegnanti: Giaccone Anna (inglese in tutte le classi) Gianesini Fiorella (1-2)

Giordano Carla (1-2-3-4-5)

Lambert Elvira ( francese in tutte le classi) Reynaud Renza (3 —4 —5)

Alunni patoisants: 0

Alunni con famiglia patoisante: 17

Insegnante patoisante: Reynaud Renza

Ringraziamo tutte le famiglie e le persone che ci hanno aiutato nella ricerca di notizie, leggende e fotografie recenti ma soprattutto antiche.

Ringraziamo il signor Ghiotto Matteo che ci sta insegnando a parlare ed a scrivere in franco — provenzale e che ci ha aiutati nella stesura del libro.

Ringraziamo anche la signora Marzo Irene che ci insegna le danze tradizionali franco — provenzali.

Anno Scolastico 2003 - 2004