Scuola Primaria di Novalesa

Partecipano tutte le classi per un totale di 28 alunni.

Non ci sono alunni patoisants.

17 alunni hanno familiari patoisants.

Nella Scuola di Novalesa lavorano 5 insegnanti, comprese le insegnanti di francese ed inglese. Un'insegnante e patoisante.

Dëdzou vèntun outoubrou dbëmilëcatrou dë sèn alà vé l’òrt e lë plòntë dë fruta anài ou Bourdzët

Visita all’orto e al frutteto

21 ottobre 2004

L'ORT

. L'òrt in còl ou l'erët ina "ricesa". Din lë familhë, lë piehë a piò d'lë mouèizhoun ou vëniount partadzië tènca a rëdouizë an dë pciò touquët dëdzò qui së soungevë quë asë li viëlh ou l'issou pousù biënn alazi prë cudì së verdurë e së troufoulë nësëserë prë vivrë din hi tèn dë mizerë.

S'anouvravou lë piehë protsou di bialé prë ahantsië l'eva din li pra, së sarcevë dë anouvrà li teòc a l'andrèt.

Souvënn së fazhount dë-z-ësafë loun li flòn dë la mountinhë e lhi òrt ou l'astavou inot grèsha a dë mëralhëe batì avo li labiou arouncà dou tërèn.

Din lhi òrt i avèt pa dë flour prëquèi qu'i avèt pa dë plahë. Li travòlh dë l'òrt ou ierou ancoumbèn-hë d'lë fëmelë.

L'ORTO

L'orto nei tempi andati, era considerato una vera "ricchezza". All'interno delle famiglie, gli appezzamenti nei pressi delle case venivano contesi ed anche spezzettati fimo a ridurli a piccole aree in quanto si pensava che anche da anziani ci si potesse accedere facilmente per coltivare le verdure e i tuberi necessari per la sopravvivenza in quegli anni così poveri. Si utilizzavano anche gli appezzamenti nelle vicinanze di fossati la cui acqua serviva per irrigare i prati ed anche quelli nelle vicinanze dei torrenti. Si cercava di sfruttare i terreni esposti al sole.

Spesso si costruivano delle terrazze lungo i fianchi della montagna e gli orti erano sostenuti da muri a "secco" costruiti con le pietre rimosse dal terreno. Naturalmente negli orti, non si vedevano né fiori né piante ornamentali perché lo spazio era troppo prezioso. La coltivazione dell' orto era un compito affidato principalmente alle donne.

Li pourët e li selëri

La salada

Li fënòlh

Li tsou

La courda

La pastounada

Li selëri

Lë mëranzòn-në

Lou tsouflour

Lou bazalico

Lë couhë

La salvia

Li spinòs

Li cousòt

La cërèia

Lou parasëmòl

La corda ariounda e lë courdë loundzë

Porri e sedani

Insalata

Finocchi

Cavoli

Zucca

Carota

Sedano

Melanzane

Cavolfiore

Basilico

Coste

Salvia

Spinaci

Zucchini

Cereia

Prezzemolo

La zucca rotonda e le zucche lunghe

LA CULTIVASHOUN DË L’ ÒRT

An tèrt sëmëtsië e an prëmò së prëstavë lou tërèn: se sapavët e së fëmavët avo lou fëmél. An sëmëtsië së sënavou li pèi, l'èlh e lë hivë a douhë; an prëmò lë-z- otrë verdurë. A la fin dou tsoutèn, së traplantavou lë saladë de l'ëvert: la sicoria, l'andivia e la scaiola. Li plantin, in cò1, vëniount fèt dzarnà a "mouèizhoun" an bëtënn la sëmèn-hë din dë bouihë avo dë la tèra qu'ou vëniount aplahië tsu la fënera dou rablou, ina plahë asoudaia antequë li plantin ou nèishount

Li plantin dë hivë, dë toumatiquë e dë pouvroun së tsëtavou a Suzë, lou dëmèr, dzòrt dë marciò, ou di campanhin dë la bourgiò Sèn Marsòn dë Mounpanté. La cultivashoun de l’òrt lhë vënèt feta an anouvrënn la routashoun: in ënn së fazèt l’òrt e in ënn së sënavou l'ouèrdzou, la séla e lou bla. Antrë lë vërdurë, së rahniount asë li fazëvë qu'ou fëmavou naturalmënn la tèra.

LA COLTIVAZTONE DELL'ORTO

Nel tardo autunno e in primavera si preparava il terreno: si zappava e si concimava con il letame stagionato. In autunno si seminavano i piselli, l'aglio e le cipolle a spicchi; in primavera le altre verdure. Alla fine dell’ estate, si trapiantavano le insalate invernali: la cicoria, l'indivia e la scarola. I piantini, un tempo, venivano fatti germogliare in "casa" mettendo i semi in contenitori con della terra che venivano posti sulla finestra della stalla che era l'unico locale riscaldato e lì le piantine nascevano.

I piantini delle cipolle, dei pomodori e dei peperoni si andavano a comperare a Susa, il martedì, giorno di mercato, dagli agricoltori alla frazione San Marzano di Mompantero . Quando si piantavano i cavoli o i porri, si riparavano con dei rami frondosi per ripararli dal sole.

La coltivazione dell’orto veniva effettuata utilizzando il sistema della rotazione che alternava la coltivazione degli ortaggi a quella dei cereali (orzo, segale, grano). Tra gli ortaggi, si sceglievano anche i legumi, ortaggi in grado di apportare un aumento di azoto nel terreno con la conseguente concimazione naturale dello stesso.

LI MOBLOU PRË SËNÀ L'ÒRT

La sapa d' lë pëvë lh'erë la prëmierë a ierë anouvraia e lhë sarvèt prë rountrë e lavourà lou tërèn.

Avo, la pala së prëstavë la riò antequë ou vënèt bëtà lou fëmél avo lou tri-iënn e apre la riò lhë vënèt cuvèrta avo la tèra. Avo lou rahèl s'aflanavë la tèra, paré lh'erë prësta prë ierë sënaia.

Avo la sapa prë èiva së prëstavou lë rië antequë i foulèt sënà e avo lou rahèlsë crëviount lë sëmèn-hë e së tsouhievou lë vërdurë dzò hotë: selëri, salada, pastounadë, pourët e tsou sënà an rië; carchi vërdurë ou së sënavou a "trablë". Avo la sapa pëciota së nëti-ievë lou tërèn antrë ina cultivashoun e l'otra, an sëlëvënn e an lou dëlibërënn dë lhi ërbòs.

GLI ATTREZZI PER COLTIVARE L'ORTO

Gli attrezzi usati erano la zappa a due punte, la vanga, il tridente, il rastrello di ferro, la zappa da rincalzare e la piccola zappa. La zappa a due punte era la prima ad essere usata e serviva per dissodare ed arare il terreno. Con la vanga si preparava un solco che veniva riempito di letame con il tridente, poi il solco veniva ricoperto di terra.

Con rastrello si spianava il terreno, così era pronto per essere seminato. Con la zappa da calzare si preparavano i solchi in cui seminare e con il rastrello si coprivano le sementi e si rincalzavano le verdure ormai di una certa altezza: sedani,insalata, carote, porri e cavoli seminati in righe; alcuni ortaggi venivano seminati a "tavole". Con la piccola zappa si teneva pulito il terreno tra una coltivazione e l'altra, sollevandolo e liberandolo dalle erbacce.

La sapa dë lë pëvë

La pala

Lou rahèl

Lou sapin

La sapa prë eivà

La zappa a due punte

La pala

Il rastrello

La zappa piccola

La zappa

Li mouèina dë prëmierë, l’ënn pasà, a 1'Azilo, ou l'aviount adoutà in poumé e nou hi còl d'èn avou dësidà dë alà inënn din lou travòlh coumahiò da lhour; prë hënn dë sèn alà vé li sandzëmënn dou poumé din lë difarèntë sëzoun.

Voualà coum'ou l’erët "lou dou poumé" an sëmëtsië.

I bambini di prima, lo scorso anno, alla Scuola materna

avevano adottato un melo e noi quest'anno abbiamo deciso di continuare il lavoro intrapreso da loro, così siamo andati ad osservare i cambiamenti del melo nelle diverse stagioni.

Ecco come si presentava "dolce melo" in autunno.

Lou tsahnhië e la nouiérë sounn dëvë plòntë inavriò

prëzèntë din nouroun paì. Së frutë, in cò1 ou l'aviount biënn d'ampourtòn-hë din la nouritëra dlë dzènn. Le tsahnhë së mingevou couetë oun brëzataië. Avo lë nhouì së fazèt l'oulhou.

Il castagno e il noce sono due alberi molto presenti sul territorio del nostro paese. I loro frutti, nei tempi passati erano importanti per l'alimentazione. Le castagne si mangiavano lesse e arrostite. Con le noci si faceva anche l' olio.

LI RÈIZIN

Li rèizin ou sounn la fruta dou vë.

In còl a Noualèizë i avèt biënn dë vinhë, anài ou Tsënn dë la vinhë, ou Fai, ou loun dë Mardrèl, e dësù la mountinhë antequë toutarò i èt lë-z-ësafë. Lë tsèin-në di vë quë ancrò së vaiou ou sounn pa plu cudì. Lou vë ou l’ët biënn rëzistënn.

L’UVA

L'uva è il frutto della vite, e formato da più bacche (acini) ,con racimoli e graspi, organizzate in grappoli ; sotto una buccia bianca, verde, rosa o nera, ci sono diversi semi (vinaccioli) e una polpa zuccherina ricco di zuccheri, soli minerali e vitamine. Una volta a Novalesa c'erano molte vigne, al Campo della Vigna, al Fai, lungo il Marderello e sulle montagna dove ancora oggi ci sono delle terrazze. Le piante di viti che sono rimaste, non sono state più coltivate. È una pianta molto resistente.

Lou bazalico

Il basilico

È una pianta erbacea annuale della famiglia delle Labiate. II fusto eretto raggiunge un' altezza di 30-60 cm. I fiori sono piccoli , di color bianco. Le foglie giovani sono profumate perché contengono una maggiore quantità di sostanza oleosa. Il basilico

cresce bene in terreni semplici, ben soleggiati e ben drenati. Esistono circa 40 tipi di basilico. Quelli più coltivati sono due: il "basilico", dal profumo acuto e quello " napoletano" più delicato.

È un' erba orientale originaria dell' India. E' stata introdotta in Europa prima dai Greci e poi dai Romani. In Egitto fu usato come balsamo per la mummificazione. Presso i Romani era il simbolo degli innamorati.

In cucina

E' una delle piante aromatiche più diffuse nella cucina mediterranea per insaporire minestre e salse di pomodoro. Del basilico si utilizzano solo le foglie: fresche o essiccate

Lou fazoulin

Il fagiolino

Il fagiolino è un ortaggio molto diffuso. Questa pianta arriva dall'America ed è stata portata in Europa solo nell' anno 1500. Il fagiolino è una pianta nana o rampicante ed i suoi fiori possono essere bianchi, rossi, gialli o viola. E' un lungo baccello liscio, un po' curvo e rotondo di colore verde o giallo. Il fagiolino si coltiva sia negli orti sia nei campi, soprattutto in terreni ben concimati e bagnati. Viene seminato in primavera ed in estate. I semi si mettono in piccoli buchi fatti nel terreno e mano a mano che crescono, bisogna togliere le erbacce, rompere la crosta del terreno e bagnarli spesso.

In cucina

Il fagiolino quando è tenero e senza fili si mangia tutto ed è ricco di fibre, Sali minerali, proteine e di vitamina A. fagiolini vanno consumati freschi oppure conservati in scatola o congelati.

Lou fënòlh

Il finocchio

Il finocchio fa parte della famiglia delle ombrellifere. E' una pianta erbacea che viene coltivata per le g-uaine carnose delle foglie, addossate le une alle altre formando un grumolo compatto. La pianta è costituita da un fusto centrale più basso e da diversi getti laterali,tutti disposti a raggiera. Alla sommità dei fusti compare l'infiorescenza a ombrella formata da fiori gialli e piccoli. In Italia li si può coltivare in tutte le zone, ma le culture su vasta scala sono soprattutto al Sud. Il periodo di semina varia a seconda delle condizioni climatiche, le caratteristiche delle varietà e l'epoca voluta di raccolta.

In cucina

Il grumolo si utilizza sia crudo che cotto; le foglie fresche o secche per profumare le salse; le infiorescenze disseccate per aromatizzare alcuni liquori.

La toumatica

Il pomodoro

Questa pianta,originaria delle zone tropicale e subtropicali dell'America latina (probabilmente Perù o Messico),viene coltivato in tutta Italia sia in colture da orto che industriali La pianta normale raggiunge un'altezza che varia dai 50 cm a 2 m.

Presenta della peluria sia sul fusto che sulle foglie ed è di portamento eretto o sarmentoso (in relazione al tipo di coltura scelto). Il fiore solitamente cresce nella parte opposta alla foglia e assume una forma a calice di color giallo. Il pomodoro è di forma e dimensione di color variabile; la buccia è liscia e ha una polpa carnosa.

I pomodori possono essere: tondi, a peretta, ovali, costoluto, a grappolo.

In cucina

In relazione all’utilizzo finale si possono

Avere pomodori da mensa, da concentra

to, da succo e da pelati.

Generalmente le varietà consigliate per

Lou parasemol

II prezzemolo

Il prezzemolo è una pianta talmente diffusa nel mondo, in tutti gli orti e giardini che oggi non si è certi quale sia la sua area d'origine:forse il Mediterraneo occidentale tra Marocco, Algeria e Tunisia. Il prezzemolo è una pianta erbacea a ciclo biennale con una radice grossa, dritta e bianca. Ha un'altezza che varia dai 20 cm al m. I fiori sono biancastri o bianco verdognoli, piccoli e riuniti ed il frutto è ovoide composto da due parti che contengono ognuno un seme. Il prezzemolo è una pianta che predilige un terreno ricco e fresco, non sopporta il freddo intenso; per questo motivo si consiglia di effettuare la semina non prima del mese di marzo a Nord e di febbraio a Sud.

In cucina

Il prezzemolo è ricco di vitamina C, contiene anche le vitamine A e B oltre ai sali minerali e oligoelementari quali potassio, calcio, fosforo, magnesio e ferro. E' conosciuto e utilizzato soprattutto in cucina per arricchire e insaporire quasi tutti i cibi, dal pesce alla carne alle salse

La salada

L' insalata

L'insalata si può seminare tutto l'anno, ma da noi che fa più freddo si semina da aprile ad ottobre. La lattuga bruna di Germania ha il seme bianco, la foglia è liscia di colore rosso bronzato forma una palla grossa e rotonda

Si semina all'inizio d'autunno, 4 o 5 grammi di seme per un metro quadrati di terreno. I nemici della lattuga sono: lumache, talpe, mal bianco, ruggine e marciume.

Ci sono vari tipi d' insalata: riccia, lattuga, invidia, cicoria, scarola, valeriana.

In cucina

L'insalata si consuma condita con olio, aceto, sale, pepe e salse a piacere.

La pastounada

La carota

La carota è una pianta originaria delle regioni temperate dell'Europa sud-orientale e dell'Asia occidentale, e in tempi lontani, Greci e Latini estraevano dalla carota essenze medicinali. Attualmente è coltivata per le radici utilizzate a scopo alimentare sia crude che cotte. E una pianta annua che appartiene alla famiglia delle ombrellifere; le varietà coltivate hanno radici di forma variabile e di colore bianco, arancio, rosso. La carota viene coltivata in climi temperati. Si coltiva perciò con buoni risultati in tutta Italia. Nel primo anno di vegetazione produce le foglie basali, poi il fusto eretto e ramificato; tutta la pianta presenta dei peli rigidi; i fiori sono raccolti in ombrelle, sono bianchi o rosei e quello centrale è viola scuro.

In cucina

La carota ha un grande potere nutrizionale e innumerevoli effetti positivi sull'organismo a raccomandata in casi di insufficienza epatica e arricchisce il latte materno grazie al suo contenuto di sali minerali e vitamine, come sodio, calcio, magnesio, potassio, vitamina A, vitamina B, vitamina C.

La troufoulò

La patata

La patata è una pianta erbacea della famiglie delle solanacee. E' originaria delle Ande, in Sud America, dove viene coltivata da migliaia di anni, mentre in Europa si diffusa solo dopo la metà del XVII secolo. La patata si coltiva soprattutto nelle regioni temperate. La patata forma sotto terra, dei tuberi di colore grigio-marrone con una buccia sottile, che contengono soprattutto amido. Si reproduce attraverso pezzetti di tubero forniti di parti di gemma. Le parti verdi e i germogli delle patate contengono una sostanza velenosa (la solanina): per questo si consiglia di non mangiare le patate germogliate.

In cucina

La patata è un importante alimento consumato cotto in numerose preparazioni. Grazie all'alto contenuto di amido viene spesso usata in sostituzione della farina di grano.

La flour

La folhë

La dzëmò

La bròntsë

La sëmèin-hë

Lou pivòt

La ploura

Il fiore

La foglia

La gemma

Il ramo

I semi

Il picciolo

La buccia

La mëranzòn-na

La melanzana

La melanzana è una pianta originaria delle zone calde di Cina e India e venne introdotta a partire dal 1440 in Occidente dagli Arabi e , in seguito in Europa ad opera di alcuni Carmelitani.

Attualmente in Italia si producono circa tre milioni di quintali di melanzane, specialmente in Sicilia . Fra le varietà più diffuse ricordiamo la Gigante bianca di New York, la precoce di Barbentane, la Violetta lunga di Napoli , la Violetta tonda.

La melha

II mais

Il mais originario dell'America centro meridionale, alcuni scavi compiuti in Messico riportato tracce di questa pianta già presente 8000 anni fa. La pianta di mais ha una crescita molto rapida e richiede un tempo limitato di lavoro,per questo motivo si collega la coltivazione e l'uso del mais presso i Maya e gli

Aztechi, alle gigantesche costruzioni da loro innalzate. Il mais arrivò in Europa successivamente alle spedizioni di Colombo e venne inizialmente utilizzato come alimento per il bestiame, poi si diffuse sempre di più come cereale ad uso umano

soprattutto presso le popolazioni povere già nel XVI secolo. Oggi, dopo il frumento ed il riso, risulta essere il cereale più coltivato nel mondo. Le proteine contenute nel mais sono di valore biologico inferiore rispetto agli altri cereali.

In cucina

Le pannocchie di mais possono essere lessate oppure cotte in forno. Presso di noi si è diffuso l'uso della polenta, e in alcune zone della nostra penisola è diventata un piatto caratteristico e tradizionale. E'quanto mai utile e benefico riscoprire l'uso dei chicchi interi e riscoprire il divertimento semplice e sano di sgranocchia una pannocchia di mais bollito. Il mais può essere utilizzato anche sotto forma di fiocchi e pasta.

La salvia

La salvia

La salvia deriva dalla famiglia labiate. È originaria della penisola balcanica ma si acclimata motto bene in Italia, dove al sud, cresce talvolta spontanea inselvatichita. Nel centro e nel nord cresce in orti e giardini.

Pur raggiungendo raramente un metro di altezza, è un vero piccolo arbusto, con steli legnosi che prima strisciano sul terreno e poi si innalzano eretti. Stelo e rami sono, allo stadio giovanile,come ricoperti di uno stato vellutato, poi diventano lisci. Le foglie, ovali, sono rugose e pelose, di un verde grigiastro talmente particolare da essere conosciuto come verde—salvia. In giugno—luglio, all'epoca della fioritura, presenta numerose corolle di un bel viola chiaro che formano infiorescenze a spiga in cima agli steli. Tutta la pianta è aromatica e spande un intenso profumo gradevolissimo e balsamico.

In cucina

Si utilizza per profumare e aromatizzare primi piatti, carne e pesce. Per fare tisane e decotti. Per sbiancare i denti.

La mëranzòn-na

La melanzana

I1 suo nome deriva da "mela insana", il frutto infatti contiene la solanina che tende a scomparire con la maturazione e scompare completamente con la cottura. È una pianta annuale con fusto rigido e ramificato alto fino a 80 cm. Il frutto una bacca con la parte superiore avvolta nel calice. Ha una forma allungata e arrotondata all' estremità, ed è spessa e di colore violaceo, o bianco. Ama il clima temperato caldo, teme il gelo e l'umidità. La melanzana è un ortaggio tipicamente estivo della famiglia delle Solanacee, con fusto eretto che raggiunge circa 80 cm, fiori solitari e frutti; la parte che consumiamo, sono, le bacche violacee di

forma tonda, oblunga od ovoidale. Grandezza, forma e colore si differenziano a seconda della varietà. Si coltiva all'inizio di una rotazione poiché è una pianta da rinnovo. E' buona norma non ripetere la coltivazione per circa tre o quattro anni sullo stesso apprezzamento.

In cucina

La melanzana si utilizza per preparare primi piatti e secondi gustosi.

Lou pourët

Il porro

Il porro è una pianta erbacea biennale appartenente alla famiglia delle liliacee come l'aglio e le cipolle. II fusto della pianta è bianco nella parte inferiore che si trasforma in foglie verdi scure di forma lineare — lanceolate nella parte superiore ed ha una radice fascicolata. Fiorisce nel secondo anno di vegetazione. I fiori sono piccoli di colore bianco o lilla, riuniti in infiorescenza a forma di ombrello. Il frutto è una capsula rotonda contenente due — tre semi di colore nero, simili ai semi della cipolla. Esistono due qualità di porro: quello invernale e quello estivo.

Il porro era già coltivato e consumato dai Celti 3.000 anni fa e dagli Egizi, come raccontano i geroglifici delle piramidi, ed era consumato dagli schiavi addetti alla loro costruzione. II porro viene coltivato in tutto il mondo, in particolare in Italia, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Spagna e Paesi dell' Est Europa. In Piemonte il porro viene maggiormente coltivato nella provincia di Cuneo. Ha la proprietà di mantenere

chiara la voce.

In cucina

Il porro è ricco di calcio, fosforo, ferro, zolfo, magnesio e fibre. Le foglie verdi hanno un alto contenuto di vitamine A, C e B. Il porro abbassa il colesterolo, rafforza il sistema immunitario ed aiuta la prevenzione del cancro. Viene anche

usato per curare 1' anemia, gli ascessi, le punture d' insetti.
Il porro è anche impiegato in cucina come erba aromatica nelle minestre, nelle carni lesse.

Lou selëri

Il sedano

La coltura del sedano è molto diffusa nei nostri orti anche se in quantità limitate. Lo troviamo in tutte le zone climatiche dell'Italia sia in pianura che in montagna. Il sedano si utilizza ogni mese dell'anno, però d'inverno e per buona parte della primavera , nelle regioni più fredde , si è costretti ad acquistarlo; nei negozi, proviene dalle regioni più calde dell' Italia meridionale e della Liguria, oppure viene coltivato in serre II sedano fa parte della famiglia delle Ombrellifere come le carote, i finocchi e il prezzemolo. Sui nostri terreni la semina avviene a febbraio— marzo in vasi, poi da maggio a giugno si trapiantano nell' orto. Il sedano estivo che e di color verde si raccoglie in estate per consumarlo subito, mentre la qualità invernale, di color verde e rosso bordeaux si raccoglie a ottobre e si conserva in cantina al buio.

LË-Z-ARCETË DË NOUALÈIZË

Ratatouillë

Li ouò ou vërt

Buzeca

LE RICETTE TIPICHE DI NOVALESA

Ratatouillë

In tre litri di acqua far cuocere due grosse patate, un bel pezzo di zucca, un piccolo porro e, per insaporire, del basilico, una costa, un po’ di sedano e una foglia di boraggine. Far cuocere bene, poi passare al setaccio la verdura, rimettere a bollire, aggiungere tre manciate di farina da polenta ( o farina Bianca} e rimestare bene lasciando cuocere per altri 20 minuti. Aggiungere un soffritto fatto con cipolla, del lardo e della pancetta.

Li ouò ou vërt - Uova al verde

Tagliare fine con la mezzaluna queste verdure: cavoli, biete, prezzemolo, cerfoglio, girasoli, cipolle, boraggine, spinaci. Mettere le verdure tritate in un tegame con un po’ di burro, un po’ d’acqua, due cucchiai di salsa di pomodoro, sale e un pizzico di pepe, se gradito. Quando il tutto è cotto, adagiarvi dentro le uova sode tagliate a metà. Servire caldo con la polenta.

Buzeca

Preparare una zuppa di verdura con cipolla, sedano, carote, patate e fagioli. Al posto della pasta si metteva la trippa tagliata a listarelle.

Ri d'courda

Bòn-nha tsoda

Gratèn

Troufoulë an aioulì

Ri d'courda- Riso e zucca

Far bollire la zucca finché non è sfatta. In un'altra pentola fare un soffritto di cipolla, aggiungere il riso e, poco per volta, il brodo con la zucca, mescolando il tutto fino alla cottura del riso.

Prima di toglierlo dal fuoco aggiungere una manciata di toma casalinga. I

Bòn-nha tsoda- Bagna caoda

La bagna caoda è una salsa a base di olio, aglio, acciughe e panna. Il tutto cotto lentamente sulla stufa e mangiato insieme a verdure , crude e cotte.

Gratèn- Patate in gratèn

Si tagliano le patate a rondelle, si mettono in una cocotte e si cuociono nel forno con l'aggiunta di latte e formaggio.

Troufoulë an aioulì- Patate con salsa aiulì

Far bollire le patate con la buccia e preparare la salsa aiulì nel seguente modo: fare la maionese aggiungendovi dell'aglio schiacciato e servire con le patate.

Troufoulë a la crahë dou bëriou

Corda e troufoulë

Fricando

La giardënérë

Troufoulë a la crahë dou bëriou- Patate con la crahë

Far bollire le patate e condirle con la crahë che si formava sulla superficie del burro che veniva fuso per essere conservato più a lungo. ,

Corda e troufoulë-Zucca e patate

Lessare la zucca e le patate, passarle al setaccio e aggiungere, panna, sale, burro e crostini di pane raffermo.

Fricando

Il fricandò era uno spezzatino di carne (bovina, di pecora o di capra) con le patate, preparato in un soffritto di cipolla, aglio, burro, conserva di pomodori pelati e schiacciati, varie erbe aromatiche tra cui rosmarino e alloro. Il tutto veniva mangiato con la polenta. A volte, al posto della carne, si usava la salciccia di maiale (fricando bahèrt).

La giardënérë - La giardiniera

Si facevano lessare le verdure lasciandole scolare e asciugare dopo la cottura su uno strofinaccio. Si mettevano nei barattoli di vetro con dell'olio. Per conservare il tutto, era poi necessario far bollire i barattoli dentro un grande pentolone.

LË MANÉRË PRË VARANTÌ LË VËRDURË

LA CONSERVAZIONE DELLE VERDURE

Le verdure - les légumes - venivano conservate in questo modo: le carote - les carottes - venivano raccolte e messe in cantina nella sabbia fine e si conservavano fino a fine inverno; le zucche – les courdes - venivano messe in un luogo buio perché si conservavano meglio; le cipolle - les oignons - venivano fatte asciugare al sole e poi intrecciate ed appese in cantina; i fagioli - les haricots - venivano fatti essiccare e si sgusciavano man mano che servivano oppure messi in sacchetti di tela bianca e conservati in casa; per i cavoli - les choux,porri - les poireaux l'insalata - la salade
il prezzemolo e il cerfoglio venivano fatte nell'orto delle tettoie ricoperte e circondate con dei rami di rovere; le barbabietole , venivano conservate nella vinaccia; i cardi venivano conservati in cantina ricoperti di terra. Le patate - les pommes de terre venivano conservate in tane scavate nell'orto o nel campo e ricoperte da uno strato di paglia, un pavimento di assi di legno e infine da uno strato di terra. La tana veniva segnata negli angoli con quattro paletti di legno. Nel periodo metà-fine marzo le patate venivano dissotterrate, sia per mangiarle, sia per seminarle: erano fresche come in autunno, appena raccolte.

I peperoni - les poivrons - si conservavano per due o tre mesi sotto i1 raspo dentro un mantello a strati e con un tappo sopra.

LË-Z-ÈRBË

Din l'uzòn-hë de Noualèizë vëniount anouvraië biënn d’èrbe, tënn an cuzin-na quë coumë mëdëhnë. Lë-z-èrbë së culhount an desù dë tòt an prëmò e an tsoutèn, cònquë së coumahievou li travòlh din li tsënn e s'anarpavë an mountinhë avo lë vatsë. Së pouliount trouà in grou nëmbrou d'èrbë coumë lë vioulëtë di tsënn e hlë dou Mouhnì, lou sarpoul, lou tsarfoulhët, l'avërtin la dzahòn-na, lë flour de tabòc, lë dzëmë dë pin, lou sambù, li lic, lou tracaròm, lou fòrt, e la camamilha. Din lhi òrt së pouliount trouà la camamilha, la marvë, la salvia, la bouratsë, e asë in èrba biënn samblabla ou parasëmòl avo in fla fòrt dë noun Alpi.

LE ERBE

Nella tradizione novalicense venivano utilizzate molte erbe, sia in cucina e sia come medicinali. Le erbe si raccoglievano soprattutto in primavera e in estate, quando iniziavano i lavori nei campi o si saliva in montagna con le mucche. Si potevano trovare moltissime erbe come le viole, il serpillo, il cerfoglio, il luppolo, la genziana,l' arnica, le gemme di pino, il sambuco, i licheni, il tracaram, il fort e la camomilla. Negli orti si potevano trovare la camomilla, la malva, la salvia, la borragine e anche un'erba simile al prezzemolo con un odore molto forte di nome Api.

LA DZAHÒN-NA

LOU COUCOUC

LOU TSARDOUN

LA FËRDZË

La genziana

La genzianella

Il cardo

La felce

SOUANHESË AVO LË-Z-ÈRBË

CURARSI CON LE ERBE

Le erbe avevano uno scopo curativo.

La viola la vioulëtò di tsënn veniva utilizzata sotto forma di tisana per curare la tosse e bevuta come tisana.

L'arnica lë flour dë tabòc veniva messa in infusione con alcool o grappa per curare i dolori e le contusioni

L'iperico lou tracaròm veniva usato per fare decotti utili sia per le persone che per gli animali in caso di indigestione.

L'assenzio lou fòrt veniva messo sul petto dei bambini quando avevano " i vermi ", nonché usato quale antitarme.

La camomilla selvatica — la camamilha sërvadzë veniva utilizzata per fare dei decotti e tisane da bere prima di andare a dormire e serviva per rilassarsi; veniva anche utilizzata per curare gli orecchioni facendo cuocere la camomilla nell'olio e poi utilizzando questo miscuglio per fare degli impacchi.

La lavanda la lavònda veniva raccolta e fatta seccare, poi messa in sacchetti di tela messi negli armadi e cassetti per profumare gli indumenti e biancheria, utilizzata i anche come anitarme.

La violetta di montagna- la vioulëtò dou Mouhnì veniva raccolta e poi fatta seccare, utilizzata per curare la tosse e servita sotto forma di tisana.

Kummel, veniva raccolta in montagna e messa in infusione nell' alcool e serviva come digestivo.

Genepì, veniva raccolto in alta montagna, messo in fusione nell'alcool e serviva come digestivo.


Ginepro lou dzënévrou, le bacche di ginepro, raccolte in montagna, messe in infusione nell'alcool ed utilizzate come antinfiammatorio e balsamico. Utilizzato

anche in cucina per speziare le carni.

Sambuco lou sambù, raccolte le bacche quando sono mature, venivano utilizzate per tingere i tessuti e per fare marmellate, queste ultime utilizzate quale lassativi.

Pino — lou pin, raccolte le pigne ancora verdi e ricche di resina, venivano messe in un barattolo con dello zucchero ed utilizzato quale rimedio per curare la tosse.

Tiglio — lou tëlh, raccolti i fiori e fatti seccare venivano utilizzati come antinfiammatorio e come emolliente per tosse con catarro.

Menta — la mènta, le foglie venivano utilizzate per fare degli infusi dissetanti nonché in cucina per insaporire le pietanze.

Lauro — lou louré, coltivato ed utilizzato in cucina per insaporire le pietanze, nonché per fare dei fumenti per il mal di gola.

Origano selvatico, utilizzato in cucina per speziare ed insaporire le varie pietanze.

Malva — la marvë, i fiori vengono utilizzati per fare gli infusi utili come rinfrescante e depurativo.

,,Borragine — la bouratsë, i fiori vengono utilizzati per fare gli infusi utili quale antinfiammatorio

Licheni — li lic, venivano fatti dei decotti ed utilizzati come antinfiammatorio.

Tarassaco - li viransoul, veniva raccolto nei prati in primavera ed usata per insalate. È un ottimo diuretico ricco di vitamine.

Valeriana - li salazèt, veniva raccolta nelle vigne in primavera ed usata per insalate .

Cavolo — lou tsou, coltivato, le foglie venivano usate per curare i reumatismi e dolori, mettendo una foglia sulla parte dolorante

Ortica — l'ourtia, veniva utilizzata per fare dei decotti.

Rosmarino — lou rousmarin, coltivato, veniva utilizzato in cucina quale spezia.

Salvia, coltivata ed utilizzata per insaporire le pietanze, nonché per fare degli infusi utili per la digestione.

LË FLOUR DË TABÒC

LA CAMAMILHA

LOU VIRANSOUL

LOU PIN

Arnica

Camomilla

Tarassaco

Pino

VARISSË AVO LË-Z-ËRBË

RIMEDI CON LE ERBE

Shirop pre lou teset de viransoul

Sciroppo per la tosse di Tarassaco:

176 fiori di Tarasacco aperti, mezzo litro di acqua, un limone intero tagliato a pezzi. Far bollire a fuoco basso gli ingredienti per un'ora, filtrare ed aggiungere mezzo chilo di zucchero di canna, rimettere sul fuoco e far cuocere per un'altra ora. Se ne possono assumere anche quattro cucchiai al giorno.

Shiròp dë coquë

Sciroppo di pigne:

Si raccolgono in primavera le pigne del pino silvestre; si mettono in un contenitore ricoperte di zucchero. Lo sciroppo che si ottiene, guarisce la tosse e il catarro.

Clhèr prë lou tësët dë plantèlh

Infuso per la tosse di Piantaggine:

Si versa una tazza di acqua bollente su un cucchiaio di foglie essiccate. Si lascia a riposo per un quarto d'ora e poi si filtra.

Si devono due tazze al giorno e si può usare lo stesso infuso in caso di mal di gola per fare gargarismi.

Clhèr dë vioulëtë dou Mouhnì prë lou tësët

Decotto di violette di montagna per la tosse:

Si fanno bollire in acqua le violette essiccate per dieci minuti; si filtra il decotto e si beve con l'aggiunta di zucchero a piacere.

Oulhou dë camamilha

Olio di Camomilla

Far scaldare a bagno maria per due ore venti grammi di fiori secchi di camomilla in cento grammi di olio di oliva, poi filtrare e usare per il dolore alle orecchie, una goccia e frizionare per i dolori reumatici.

Oulhou dë tracaròm

Olio di Iperico:

Mettere in una bottiglia scura 40 fiori di Iberico in due bicchieri di olio d'oliva; tappare ed esporre la bottiglia al sole per un mese, filtrare il tutto ed usare l' olio sulle scottature, sugli eritemi solari e per i dolori reumatici.

Vin aroumatizhò a la salvia

Vino aromatico alla salvia

Le foglie raccolte da maggio a luglio e poste a macero nel marsala ( 7g ogni 100g di liquido ) forniscono un vino aromatico da bere dopo i pasti con azione digestiva, tonica, diuretica.

Clhèr dë marvë

Decotto di Malva

Si mettono in infusione 2g di foglie ogni 100g di acqua. Il decotto guarisce le forme bronchiali, il dolore alle orecchie, le ecchimosi e gli ascessi.

LOU TËLH

LA MARVË

L'ÈRBA D’LË LËMAHË

Tiglio

Malva

Parietaria

LË-Z-ARCETË AVO LË-Z-ÈRBË

LE RICETTE CON LE ERBE

Tourtin dë tsarfoulhët e ourtia Tortino di cerfoglio e ortica

Ingredienti:

500 grammi di ortica, 100 grammi di cerfoglio, 1 uovo, 50 grammi di parmigiano, 1 tazza di besciamella, pangrattato, olio e sale.

Lessare, strizzare e sminuzzare le ortiche. Tritare il cerfoglio. Sbattere le uova con il parmigiano, unire le ortiche, il cerfoglio e la besciamella, salare e mantecare. Ungere e cospargere di pangrattato una pirofila da forno, versarvi l'impasto e spolverare con

abbondante pangrattato. Cuocere in forno a temperatura media per circa mezza ora.

Frëtà dë bouratsë

Frittata di borragine

Ingredienti:

500 grammi di borragine, 5 uova, 50 grammi di parmigiano grattugiato, latte, sale.

Lessare la borragine in acqua salata, strizzarla e sminuzzarla. Sbattere le uova con il latte e il parmigiano, unire la borragine e cuocere rigirando fino ad ottenere una frittata spessa e morbida.

Folhë dë salvia frëcahië

Foglie di salvia fritte

Ingredienti:

Foglie grandi di salvia, uova, farina, olio. Sbattere le uova con un po' di sale e immergervi le foglie di salvia; passarle quindi nella farina e poi friggerle in abbondante olio.

Ri d'ourtië

Risotto alle ortiche

Ingredienti:

Riso, cipolle, olio d'oliva, brodo, ortiche.

Soffriggere una manciata di ortiche e cipolle nell'olio di oliva e lasciare consumare per 10 minuti, salare e aggiungere il riso con il brodo. Cuocere per 15 o 20 minuti.

Lou dzënévrou

Lou plantèlh

Lou fòrt

Ginepro

Piantaggine

Assenzio

Ringraziamo tutte le famiglie che con molta disponibilità ci hanno aiutato nella ricerca di notizie sulle verdure, sui frutti e sulle erbe.

Ringraziamo in modo particolare le persone anziane che ci hanno spiegato antiche ricette con le verdure e i rimedi di un tempo con le erbe.

Ringraziamo le persone che ci hanno permesso di visitare i loro orti.

Ringraziamo il signor Matteo Ghiotto che ci sta insegnando a parlare ed a scrivere in franco — provenzale.