LOU PAIZADZOU DË LA MOUNTINHË : IN CÒL E ARÒ

La pëdëna

Së dou Moularët t'avouetë ba

Noualèizë lhë sèimblët ina pëdënà:

La vlò lh’ët la dzëlnò,

Sèinti Marì, lou Bourdzët e lë-z-Ëhoumbë

ou sount li pëdin,

avo Hënn dë Rotsë e li dbë Mëlin.

Tsu soun mourou a dzòc,

Sèin Pérë et lou dzèl

qu’ l'avouetë ba

la Casin-na e Sèin Ròc.

dë Getou dë la Countesa .

La chiocciata

Se dal Molaretto guardi in giù

Novalesa assomiglia ad una chiocciata:

il Capoluogo è la gallina,

Santa Maria, il Borgetto e Sant'Anna

sono i pulcini,

con il Villaretto e i due Mulini.

Sul suo poggio appollaiato,

San Pietro è il gallo .

che guarda dall'alto

la Cascina Casale e San Rocco.

di Getou dë la Countesa

Noualèizë e së bourjò

Novalesa e le sue frazioni

Noualèizë et in pëchòt paiì mountinhë qu’ou së trouvët a carqui quilometrë dë la frouncérë franseza, din la Coumba dë Hëniclha ou piò d’Artsëmëloun, an prouvin-hë dë Tërin. Noùroun paì ou l’ët inavriò viëlh, lë mouèizhoun sount dë pérë avo li tèta n louzë, i èt in Ëglhizë dë la parotsë avo dë couadrë – cado dë Napoulion- e ina viélhë Abaì – foundaia din lou 726 ap.C. – antequë ou vivou ancrò li Bënëdëtin.

Novalesa è un piccolo paese di montagna che si trova a pochi chilometri dal confine francese, nella Val Cenischia ai piedi del Rocciamelone, in provincia di Torino. Il nostro paese è molto antico, le case sono in pietra con i tetti in lose, vi è una Chiesa parrocchiale che contiene splendidi quadri – dono di Napoleone Bonaparte – e un’antichissima Abbazia – fondata nel 726 d.C. – dove ancora vivono i monaci benedettini.

Novalesa est un petit village de montagne qui se trouve à quelque Kilomètre de la frontière française, dans la vallée du Cenischia, aux pieds du Rocciamelone, pas loin de Torino. Notre village est très ancien, ses maisons sont en pierre avec les toits en lauzes ; il y a une eglise paroissiale qui contient des magnifiques tableaux – cadeaux de Napoléon – et une très ancienne abbaye fondée en 726 encore habitée par le moines bénédictins.

Ëglhizë dë Sèint Ëstavou a la Vlò

Couadrë

Quesë dë séint Oudrà

Chiesa parrocchiale di Santo Stefano nel Capoluogo

Quadri

Cassa reliquiario di Sant’Eldrado

Tsapelë

Tsapela dë Sèint Antonhou

Tsapela dë Sèin Baschòn

Tsapela dë la Madona d’Artsëmëloun

Cappelle

Cappella di Sant’Antonio

Cappella di San

Sebastiano

Cappella della Madonna del Rocciamelone

Chapelles

Còrt

Cortili

Courts

Rouaië

Vicoli

Rues

Rablou

Stalle

Étables

Mouèizhoun viélhë

Case antiche

Vielles maisons

Lou travòlh dë lë louze

La lavorazione delle lose

I tetti di Novalesa erano e sono ancora in gran parte fatti a lose - tèt fèt an louzë. Le lose si facevano spaccando - an ahlhapënn - a strati delle rocce venate e scistose che si trovavano ai confini tra il territorio di Novalesa e quello di Ferrera Cenisio in località Prèt e vicino a Sarologlio - Sarouèl - alla cosiddetta Carérë dë lëlouzë. C'erano a quel tempo altre cave di pietra - carérë dë lë pérë - vicino agli alpeggi, ad alta quota. Le lose venivano tagliate inserendo nelle venature dei cunei di legno - couënn dë boué - che, martellati con molta attenzione, spaccavano la roccia a strati. Poi con delle barelle - hëvérë - robuste o a dorso di mulo venivano portate nella strada vicina. Qui venivano caricate e trasportate in paese con delle gros­se slitte agganciate alle bardature dei muli oppure a delle slitte più piccole tirate dagli uomini.

Ië ou vëniount sardzië e tramouaië a la V1ò avo li trèino anganchò ou fournimënn di mëlët oun doutramënn a dë lhoutë trèinaië da lhi oumoù.

Lou batimënn dou tèt - La costruzione del tetto in lose

Si poneva per prima la trave maggiore la fre -, in alto a metà del tetto- tsu la créha dou tèt. Questa trave era molto robusta e doveva misurare almeno 35 centimetri di diametro. Venivano posati sul muro della casa due travi detti li

pourta-tsanté oun li razal e tra questi e la trave maggiore le couahòn-në. Su questa travatura partivano tante travi più piccole - li tsanté - poste a distanza di 70 - 80 cm l’una dall'altra.

La fre e li tsanté

Lou mëlët sarjò dou bò ou pourtë lë pérë prë batì

Il mulo carico del basto porta le pietre da costruzioni

Queste travi – li tral – venivano coperte con delle tavole di legno dette lë latë spesse 3 cm e distanziate 20 cm l’una dall’altra. Lë latë potevano essere fissate ai travi mediante dei chiodi di legno detti li pivòt. Quindi si inchiodavano lë sigònhë per sostenere la grondaia - la tsënal - e si provvedeva a fissare la dësèinta dë la tsënal per accompagnare l'acqua piovana sino a terra lungo la cantounà dë la rnouèizhoun. La copertura a lose - crëvì a louzë - cominciava proprio dalla grondaia: le lose dovevano sporgere di circa 9 cm e appoggiavano su un travetto chiamato lou charlët che serviva per sollevare la prima fila di lose. La losa doveva sempre coprire parte della vicina per almeno 8 - 9 cm altrimenti la pioggia passava tra le fessure - li dëhèlh. Si procedeva quindi in questo modo fino a raggiungere il colmo - lou coulmou oun la créha dou tèt - e si faceva la stessa cosa sull'altro versante l'otroun carou - del tetto. Tutta la legna utilizzata per fabbricare il tetto era chiamata la bouscamèinta. L'avantetto e detto avantèt. Arrivati alla trave maggiore si faceva il colmo - la créha dou tèt - con le lose che doveva essere largo almeno 40 cm. Queste si disponevano una accanto all'altra e se ne aggiungeva una più piccola nelle fessure.

In còl

In còl a l’antòrt dë Noualèizë i avèt biënn dë

tsënn, dë òrt e dë vinhë.

Ou piò dë la mountinhë së vaiount li tsahnhërèi e plu inot ou coumahievou li pra e li boué .

Tsu lë drëhérë avo ina pandèin-hë plu hota ou fazhount lë-z-ësafë e lh’outin prë tënì inot la tèra, prë plantà lë tsèinë dë vë e prë sënà l’òrt.

Pasà li milë metrë i avèt li boué dë sòp, dë souifë, dë pin e dë mëldoù (mëldéië). An alënn ancrò plu inot së dëhandiount d’òmplou pahé antequë lë vatsë ou l’alavou an tsënn dë tsoutèin.

Tsu nourë mountinhë i avèt biënn d’arp antequë lë familhë dou paì ou vëviountn pandënn lou tsoutèin cònquë ou l’anarpavou avo së vatsë. Iquië ou fazhount dë boun – në toumë e dë bëriou fré quë lhi oumoù ou portavo ba a Nouvalèizë tsu li mëlët oun avo lë lhoutë.

Tsu li dbë milë hinhènn mentrë dë houtour së vaiount pluquë dë rotsë, dë

nëvé, e dë glhahië. Oub crèishount dë lic e dë grahiouzë flour dë mountinhë dë toutë lë coulour.

Un tempo

Un tempo intorno a Novalesa c’erano molti

campi, orti e vigne.

Ai piedi della montagna si vedevano i castagneti e più su cominciavano i prati e i boschi.

Sui pendii molto scoscesi facevano le terrazze per contenere la terra, per piantare le viti e seminare le verdure.

Superati i 1000 metri c’erano boschi di abeti bianchi, di abeti rossi, di pini, di larici. Andando ancora più in alto si stendevano degli ampi pascoli ove le mucche pascolavano in estate.

Sulle nostre montagne vi erano molti alpeggi abitati durante tutta l’estate da famiglie del paese che salivano con le loro mucche. Lì facevano degli ottimi formaggi e del burro che gli uomini trasportavano in paese a dorso di mulo o con le slitte.

Oltre i 2500 metri di altitudine si vedevano solamente rocce, nevai e ghiacciai. Crescevano i

licheni e dei graziosi fiori variopinti.

Autrefois

Autrefois aux alentours de Novalesa il y avait beaocoup de champs, de

jardins potagers et de vignolese.

Aux pieds de la montagne ou voyait les châtaigners et plus vers le haut commençaient les prés et les bois.

Sur le descentes très raides on fasait les terrasses pour contenir la terre, pour planter les vignes et pour semer les légumes.

Au dessus des 1000 mètres il y avait des bois de sapins blancs, de sapin rouges, de pins et de melèzes. En allant encore vers le haut s’ouvraient des grands pâturages où les vaches paîsaient en été.

Sur nos montagnes il y avait plusieurs alpages habités pendant tout l’été par certaines familles qui montaient avec leurs vaches. On y produisait de très bons fromages et du beurre que les hommes descendaient au village à dos de mulet ou avec les luges.

Au dessus des 2500 mètres

d’altitude on voyait seulement des rochers, des neigers et des glaciers. On y poussaient des lichens et de très belles fleurs coloréss.

Arò

Arò a l’antòrt dou paì i èt pluquë carqui tsënn, carqui òrt- an dësù dë laré dë lë mouèizhoun – e pa me dzin –në vinhë – lhë n’an survit ancrò unò a la bourjò dou Fai.

Ou piò dë la mountinhë së vaiou dë viëlh tsahnhërèi pa me nëtéiò e plu inot i èt dë boué plèin dë vëdëm e dë sëtsëroun. Li pra ou sount sarà e lë bounë ou sount toutë abëmaië.

Tsu lë drëhérë, lë-z-ësafë e lh’outin ou gazantsélhou ba e lë mëralhë ou së crévou dë rënò e dë roundë. Iquië carqui pou brëdzië ou bétët an tsënn së mënëvë.

Pasà li mile metrë i èt dë boué dë sòp, dë souifë, dë pin e dë mëldoù. In iadzou hiti ou ierou biënn trahiò e tsacun ou l’avèt soun noun

Boué dë Sèin Pérë, Boué dë l’Anfèrt, Boué dë Rioun, Boué dë Clharët, Boué dë Gai, Boué Jourdòn, Boué dou Bòl, Boué Nér-, arò ou së dëhèindou damprëtòt e dë pra prë mouèitèn i nh’èt pa me dzin. Carqui pra së vouèit ancrò inot a la Minà, ou Rouët e a li Quièizho. An alënn ancrò plu inot d’èin dëloun d’òmplou pahé antequë ou vount an tsënn lë faië e pou troupèl dë vatsë.

Adesso

Adesso intorno al paese rimane qualche campo, qualche orto- soprattutto vicino alle case – ma più nessuna vigna, ne sopravvive una alla borgata detta « Fai ».

Ai piedi della montagna si vedono dei vecchi castagneti incolti e più su ci sono boschi pieni di sporcizia e rami secchi e marci. I prati sono coperti di vegetazione e le pietre di confine sono tutte danneggiate.

Sui pendii, i terrazzamenti franano e i muri si coprono di edera e di rovi. Lì, qualche raro pastore mette al pascolo le sue pecore e le sue capre.

Passati i 1000 metri ci sono i boschi di abeti bianchi, di abeti rossi, di pini e di larici.

Un tempo questi erano ben delimitati e ciascuno aveva la sua denominazione- Bosco di San Pietro, Bosco dell’Inferno, Bosco Rotondo, Bosco Claretto, Bosco di Gai, Bosco Giordano, Bosco del Ballo, Bosco Nero -, adesso si stendono dovunque e nonn ci sono più prati che li dividono. Si vede ancora qualche pascolo nelle località della Minà, del Rouët e dei Quièizho. Andando ancora più su abbiamo sempre dei grandi pascoli d’alta quota dove pascolano poche greggi di pecore e pochi armenti di mucche.

Aujourd’hui

Aujourd’hui aux alentours du village il reste quelque champ, quelque jardin potager – sourtout à côté des maisons – aucun vignoble. Il en reste qu’on a l’hameau qui s’appelle « Fai ».

Au pieds de la mountagne on voit des vieux châtaigners incultes et au dessus il y a des bois abandonés. Les prés sont couverts par la végétation et les pierres de limite sont toutes abîmées.

Sur les descentes, les terrasses éboulent et les murs se recouvrent de lière et de ronces. Là-bas quelque berger fait paître ses brebis et ses chèvres.

Au dessus des 1000 mètres il y a les bois de sapins, de pins et de melèzes.

Autrefois ceux-ci étaient bien délimités et chacun avait son nom. Aujourd’hui ils recouvrent tout et il n’y a plus de prés qui les séparent. On voit encore quelque pâturages dans les endroits nommés Minà, Rouët et Quièzho. En montant vers les sommets on trouve des grands pâturages d’haute montagne où des rares troupeaux de brebis et de vaches paisent.

La Vlò

La via maestra

Ahëmò dë la Vlò

In punta al paese

Lou poun dë Chlhiarët

Il ponte sul torrente Claretto

Lou mëlin

Il mulino

Lou ruò dou mëlin

La ruota del mulino

L’abaì dë Sèin Pérë

L’abbazia

L’ëglhizë dë l’Abaì

La chiesa dell’Abbazia

La mountinhë vu da li mouèina

La montagna vista dai più piccoli

Scuola Primaria "A. Chiapusso" di Novalesa

Classe prima

Belmondo Anna

Belmondo Roberto

Bolognesi Simone

Chouk Reda

Cimaz Davide

Cimaz Michela

Giai Marco

Lambert Alice

Marzolino Valentina

Perottino Melania

Perottino Samuele

Talento Lorenzo

Classe seconda

Bernard Federica

Croce Michele

Dumitrache Rares Cristian

Rossetto Micael

Classe terza

Belmondo Elena

Bruno Diego

Carastro Filippo

Plano Alex

Classe quarta

Belmondo Alessia

Bernard Lorenzo

Carrieri Alberto

Conca Stefano

Gattiglio Andrea

Gattiglio Guglielmo

Marzolino Nicolas

Classe quinta

Cipri Lorenzo

Giai Sabrina

Perottino Valentino

Roccia Michele

Vayr Maurizio

Insegnanti

Reynaud Renza

Giordano Carla

Gianesini Fiorella

Pelissero Isabella

Blais Paola (francese)

Rivetti Stefania (inglese)

Insegnante responsabile del Progetto Lingue Minoritarie: Reynaud Renza

Totale alunni:32

Alunni non dialettofoni: 32

Alunni con competenza passiva:15

Tutti gli alunni possiedono una minima competenza attiva su limitati argomenti trattati a scuola nel corso di quest'anno scolastico e negli anni scolastici precedenti, da quando e iniziato il Progetto del Circolo relativo alle Lingue Minoritarie.

Tre insegnanti risiedono nel paese, una sola (Reynaud Renza) e di lingua madre franco-provenzale.

Un'ora di franco — provenzale alla settimana per ciascuna delle pluriclassi.

Il lavoro di ricerca a stato svolto da tutti gli alunni attraverso questionari alle famiglie, interviste ad anziani ed esperti, uscite sul territorio, produzione di testi e disegni e realizzazione di fotografie.

Un esperto di lingua franco - provenzale del paese e intervenuto regolarmente sulle classi seguendo le attività e coadiuvando le insegnanti nella scrittura del patois.

Ringraziamo tutte le famiglie che con molta disponibilità ci hanno aiutato nella ricerca.,

Ringraziamo, in modo particolare, le persone anziane che ci trasmettono con piacere il loro sapere.

Ringraziamo d signor Matteo Ghiotto che ci sta insegnando a parlare, scrivere e leggere in Franco provenzale e che ci ha aiutati nella stesura del libro.