Enti in rete L.482/99   

Rittana

Ritana

Rittana
italiano Posto a 753 metri di quota in una valle laterale del fiume Stura, tra le Alpi Marittime e le Cozie, il comune comprende oltre quaranta borgate sparse sulle pendici del vallone dominato dall’Alpe di Rittana (1796 m): le principali sono Balma, Bergia, Bicocca, Bric, Butta, Castellaro, Cesana, Chesta, Chiapera, Chiot Rosa, Cotella, Gorrè Soprano, Gorrè Sottano, La Martina, Paraloup, Ponte, Porti, Scanavasse, Tanara, Tetto Giarriera, Tetto Giordano, Tetto Golè, Tetto Grain, Tetto Occelli, Tetto Podio, Tetto Pollino, Tetto Rimet, Tetto Sottano, Tetto Subi, Tetto Ticca. Conta attualmente 143 abitanti, e deve il proprio toponimo al latino tardo ritanus, ritana, rio, piccolo corso d’acqua.
Il paese è citato per la prima volta con altri comuni della valle in un atto del 6 dicembre 1197 con il quale Bonifacio Marchese di Monferrato infeuda la Valle Stura ai Marchesi di Saluzzo. Il capoluogo del Comune è il borgo di San Mauro, di antica origine, un tempo denominato la Ruaa e divenuto sede comunale nel 1560. Nei secoli XIII e XIV Rittana fu sotto il dominio rispettivamente dei Marchesi di Saluzzo, del Comune di Cuneo e degli Angiò; verso la fine del XV secolo passò al Re di Francia e infine sotto il dominio sabaudo. Proprio con i Savoia nel 1744 diversi Rittanesi, guidati dal Conte Richelmi e dal concittadino Goletto, fermarono l’esercito franco-spagnolo nei pressi della borgata Bataje. Le borgate Paraloup e Chiot Rosa nel 1944 sono state direttamente coinvolte nella guerra di liberazione, in quanto sede del comando partigiano delle formazioni di Giustizia e Libertà, comandate da Duccio Galimberti, Dante Livio Bianco e Nuto Revelli. Recentemente è stato presentato dalla Fondazione Nuto Revelli il Progetto Paraloup, dedicato al recupero della borgata simbolo della Resistenza in Valle Stura.
L’economia locale è legata all’agricoltura e alla castanicoltura, e più recentemente si è aperta al turismo.
Il principale monumento locale è la Parrocchiale e Santuario di San Mauro, meta anticamente di pellegrinaggi da tutto il cuneese, situato accanto al torrente e alla settecentesca confraternita della Concezione della Beata Vergine. Di origine antica, venne ricostruito nel 1726 e provvisto nel 1782 di un alto porticato affrescato con grandi figure di santi, sotto il quale un tempo si recitavano le novene, girando in preghiera attorno alla chiesa, anche nei giorni di tempo inclemente.
Nel 1987, in omaggio a un'antica tradizione locale di dipinti votivi, le facciate delle case del centro sono state affrescate da artisti contemporanei.
occitan Plaçaa a 753 metres d’autessa en una val laterala de la riviera Estura, entre las Alps Maritimas e las Còcias, la comuna compren mai de quaranta ruaas ental del valon dominat da l’Alp de Ritana (1796 m): las principalas son Balma, Berja, Bicòca, Bric, Bota, Castelar, Cesana, Questa, Quiapera, Clòt Ròsa, Cotela, Gorrè Sobeiran, Gorrè Sotan, La Martina, Paralop, Pont, Pòrti, Escanavassas, Tanara, Teit Giarriera, Teit Jordan, Teit Golè, Teit Grain, Teit Occelli, Teit Puèi, Teit Polin, Teit Rimet, Teit Sotan, Teit Suble, Teit Tica. Fai 143 abitants, e pilha son topònim dal latin tard ritanus, ritana, riu, pichòt cors d’aiga.
Lo país es citat per lo premier viatge emè autras comunas de la val en un acte del 6 de decembre del 1197 ente Bonifaci Marqués de Montferrat enfeuda la Val d’Estura ai Marqués de Saluces. Lo cap luòc es lo borg de Sant Maur, d’antica origina, un viatge dich la Ruaa e comuna despuei lo 1560. Ent’lhi secles XIII e XIV Ritana es estaa sot lo domini di Marqués de Saluces, de la Comuna de Coni e de lhi Anjau; vers la fin del XV secle passa al Rei de França e puèi sot lo domini sabaud. Pròpi emè lhi Savòia ental 1744 lhi Ritanés, guidats dal Comt Richelmi e dal compaesan Goletto, fermon l’exercit franco-espanhòl dapè a la ruaa Batalhas.
Las ruaas Paralop e Clòt Ròsa ental 1944 son protagonistas de la guerra de liberacion, coma sed del comand partisan des formacion de Justicia e Libertat, comandaas da Duccio Galimberti, Dante Livio Bianco e Nuto Revelli. Darrierament es estat presentat da la Fondacion Nuto Revelli lo Projèct Paralop, dediat al recuper de la ruaa simbol de la Resistença en Val d’Estura.
L’economia locala es liaa a l’agricoltura e a la chastanha, e es en chamin a durbir-se al torisme.
Lo principal monument local es la Parroquiala e Santuari de Sant Maur, un viatge frequentat da pelerins de tota la provincia, plaçat dapè del riu e de la confrairia de la Concepcion de la Beata Vierge, del Sèt cents. Ben antic, ven arfach ental 1726 e ental 1782 es jontat un aut pòrtic frescat emè grandas figuras de sants, ente un viatge se recitavon las novenas, virant en preguiera a l’entorn de la glèisa, decò ent’lhi jorns de temp marrit.
Ental 1987, en record d’una antica costuma locala de pinturas votivas, las façadas des maisons del cap luòc son estaas frescaas da artistas contemporaneus.